Il cuore di Pianosolo > Teoria musicale

casi particolari di alterazione transitoria

(1/1)

sergiomusicale:
che ne pensate di questa affermazione di Armando D'Asdia (Teoria Musicale Curci 1987) pag 32:
....momentanee e accidentali quando sono segnate durante il corso della composizione, ed hanno valore esclusivamente per quella misura in cui sono segnate e, nella pratica moderna, per i suoni della stessa altezza.
La Poltronieri al contrario (ad esempio) diceva a pag 36 delle Lezioni di Teoria Musicale (Rugginenti):
L'alterazione transitoria fa sentire la sua influenza su tutte le note di eguale nome , seguenti quella alla quale viene per prima applicata, comprese nella stessa misura.
Vi capitata qualche volta una misura con alterazione in una sola altezza mentre l'altra di eguale nome ma ad ottava sopra o sotto resta non alterata?  ???

antares:
raro ma pu capitare su pezzi particolarmente dissonanti..... considera che una cosa del genere crea una falsa relazione.... cosa che almeno negli esercizi di armonia vietata..... (Schonberg mi ucciderebbe ahahahah) ma gi se esci dal sistema tonale la musica cambia...

luciasciacovelli:
 :o

Navigazione

[0] Indice dei post

Vai alla versione completa