Il cuore di Pianosolo > Tecnica

Velocità sullo studio di Chopin n°2 op.25

(1/1)

Gianluca:
Ciao a tutti, ho appena finito di studiare lo studio di Chopin il n° 2 dall'opera 25 (è un presto) l'ho studiato come da regola molto lentamente alcune volte mi prende la voglia di velocizzarlo subito ma so' che è sbagliato come metodo......, secondo voi è giusto andare gradatamente con l'uso del metronomo (in questo caso non è per tenere il tempo) aumentando la velocità una tacca poco per volta? In che modo posso aumentare dopo averlo ripetuto più volte oppure con il passare dei giorni? Questo è anche un mio difetto di dover provare subito e pasticciare quindi penso che sia utile anche su qualsiasi altro studio o sonata che sia.....Voi che ne dite?

Paola:
Ciao, devi aumentare solo quando alla velocità in cui stai suonando non commetti errori e sei assolutamente padrone del brano nella sua interezza.
Se anche c'è un solo passaggio che non ti viene bene è sbagliato aumentare la velocità, perché potrai velocizzare alcune parti, ma quelle che non hai assimilato bene resteranno sempre pasticciate.
Ci vuole pazienza e costanza con la musica, la fretta è nemica dei buoni risultati.


Pianoth:
Io da un po' di tempo a questa parte procedo così quando voglio rendere sicuri dei passaggi veloci impegnativi: mi assicuro che il passaggio sia assolutamente perfetto a livello motorio quando viene suonato lento. Procedo con il suonare il passaggio al tempo a cui vorrei arrivare, e, consapevole del fatto che ancora non sono in grado di suonarlo, ne approfitto per far caso a cosa sto facendo di diverso rispetto a quando suono lento. Una volta individuati i difetti, che generalmente si concentrano su piccoli gruppi di note, divido il passaggio in piccolissimi gruppi (parliamo di gruppi di dimensione da 2 a 8 note, non di più), e mi assicuro di essere in grado di suonare direttamente a tempo ogni singolo gruppo. Nei singoli gruppi, per portarli a velocità, posso ricorrere ad alcune strategie addizionali, come le varianti ritmiche. Una volta che ogni gruppo è perfetto al tempo a cui vorrei arrivare, provo ad unire i gruppi, due gruppi per volta, poi 3 gruppi per volta e così via finché riesco a suonare il passaggio a tempo. Ma ora che so suonare il passaggio a tempo non mi fermo, non lo do per concluso: torno di nuovo a farlo lento, e solo ora inizio a fare una scalata metronomica, con andamento logaritmico (in altre parole, man mano che mi avvicino alla velocità obiettivo, rendo più vicini gli step del metronomo, invece che aumentarli sempre in maniera costante).
Procedere in questo modo mi permette di avere un controllo molto più solido e duraturo del passaggio in velocità. Se è un passaggio particolarmente impegnativo, potrebbe essere necessario ripetere l'intero il procedimento più volte nell'arco di una settimana.

Preciso che questo metodo ha senso solo se si è in grado di trovare una sequenza di movimenti perfetta quando si suona lenti, ed è di conseguenza consigliabile solo quando si è già arrivati a un certo grado di perfezione tecnica, purtroppo.

Navigazione

[0] Indice dei post

Vai alla versione completa