0 Utenti e 3 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

angelika

trilli
Maggio 05, 2013, 11:35:05 am
Mi riferisco al trilli del Notturno n.20 in do diesis minore di Chopin (quello del "Pianista" per capirci).
Il mio maestro mi fa notare che ad ogni trillo aumento la velocità della sx.
Inoltre, nella battuta 9 c'ho problemi di far coincidere, alla fine del trillo dx (re) e sx (si) :(
qualche consiglio? Grazie mille!!

berebè

Re:trilli
Maggio 05, 2013, 09:31:31 pm
Metronomo :) Devi imparare a seguire con l'orecchio la sinistra, mentre il trillo va in automatico, e il metronomo ti può essere amico...
Nella battuta 9, prova a concentrarti solo sulla fine del trillo (per le ultime 2 note della sinistra, ad esempio) e far coincidere bene la chiusura. Solo una volta che ci sarai riuscita, attacca la prima parte del trillo.

angelika

Re:trilli
Maggio 05, 2013, 10:47:43 pm
Grazie!!! Ci proverò subito!
E' bello vedere come chi ha più esperienza la mette a disposizione dei meno esperti, così la "solitudine del pianista" diminuisce, ci si sente in compagnia!
Grazie ancora e grazie a chi dedica del tempo alla gestione di questo forum!!

berebè

Re:trilli
Maggio 05, 2013, 11:04:42 pm
Figurati. ;D
Buono studio!

pianomanvictor

Re:trilli
Maggio 06, 2013, 05:00:07 pm
ma i trilli in linea di massima si eseguono liberamente o misurati?

*

Christian

  • Administrator
  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 1355
  • Tutti i corsi approfonditi: https://www.pianosolo.
Re:trilli
Maggio 06, 2013, 06:03:03 pm
I trilli sono sempre misurati. Ciò significa che uno non deve contare quante note suona, la velocità del trillo non è scritta, l'importante che quadra nel valore della nota sulla quale c'è il trillo.

Poi i trilli come cadenza sono leggermente liberi, come per esempio accade spesso nei concerti per Pianoforte.

Nei trilli su note con valore lungo (per esempio semibrevi disposte su più battute e legato di valore fra di loro) si tende a non partire subito col massimo della velocità ma a partire adagio e poi pian piano accelerare la velocità del trillo, un po' come se fosse una rincorsa. Viceversa quando il trillo sta per chiudersi, è buona norma rallentare pian piano e non chiuderlo di scatto :D
Tutti i corsi di pianoforte approfonditi: https://www.pianosolo.it/shop/

pianomanvictor

Re:trilli
Maggio 06, 2013, 07:13:27 pm
quindi non importa quante note si facciano basta che si esegua nel tempo indicato giusto?perché questo dubbio mi è sorto quando ho visto i trilli del primo tempo della sonata k545 in do maggiore di mozart quando,su un disegno di sedicesimi della mano sinistra,sopra la battuta della mano destra che,in questo caso suona il trillo,c'era la battuta di come eseguirlo e aveva un disegno di trentadueesimi...fate conto che la velocità del pezzo è di 132 la semiminima...una velocità inaudita per suonarlo dato che non riesco a far entrare 32 trentadueesimi di trillo in una battuta a quella velocità...Ecco io volevo sapere se quando lo spartito mette in calce l'esecuzione di un trillo bisogna dargli retta o intendere quel trillo in modo diverso

*

Christian

  • Administrator
  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 1355
  • Tutti i corsi approfonditi: https://www.pianosolo.
Re:trilli
Maggio 06, 2013, 07:57:57 pm
La soluzione dei trilli è da ricordare che è sempre inserita dalla casa editrice, che consiglia quell'esecuzione ma non è obbligatoria seguirla e non si sa neanche se davvero l'autore la volesse realizzata così! ;)
Tutti i corsi di pianoforte approfonditi: https://www.pianosolo.it/shop/

pianomanvictor

Re:trilli
Maggio 11, 2013, 12:08:43 am
ho capito :) anche se il problema rimane sempre nell'eseguirli e ho difficoltà a farli veloci col 3-4 e 4-5...ci vorrà del tempo ma spero di risolverlo al più presto 8)

angelika

Re:trilli
Maggio 12, 2013, 01:39:36 am
Figurati. ;D
Buono studio!
Ha funzionato!! Oggi a lezione il maestro non aveva più da ridire sui trilli del notturno!! :) beh, piano piano e con l'aiuto vostro si va avanti, importante mettercela tutta!
 "In te deve bruciare quello che vuoi accendere negli altri." (S. Agostino) Il mio maestro è un falò!

*

Lorenzo221

Re:trilli
Maggio 13, 2013, 05:08:16 pm
quindi non importa quante note si facciano basta che si esegua nel tempo indicato giusto?perché questo dubbio mi è sorto quando ho visto i trilli del primo tempo della sonata k545 in do maggiore di mozart quando,su un disegno di sedicesimi della mano sinistra,sopra la battuta della mano destra che,in questo caso suona il trillo,c'era la battuta di come eseguirlo e aveva un disegno di trentadueesimi...fate conto che la velocità del pezzo è di 132 la semiminima...una velocità inaudita per suonarlo dato che non riesco a far entrare 32 trentadueesimi di trillo in una battuta a quella velocità...Ecco io volevo sapere se quando lo spartito mette in calce l'esecuzione di un trillo bisogna dargli retta o intendere quel trillo in modo diverso

Il trillo è un abbellimento, quindi non deve essere precisissimo, l'importante è che il valore della nota su cui viene fatto il trillo sia precisa e che l'alternanza delle due note sia abbastanza regolare.
Se l'autore avesse voluto che il trillo fosse suonato con precisione, avrebbe scritto direttamente quei sedicesimi che vedi scritti sopra o sotto il pentagramma vero e proprio, che stanno solo a spiegare a chi non ne ha mai visto uno, come eseguire il trillo.
Ovviamente, se lo esegui con precisione assoluta, nessuno ti dice niente, ma secondo me ciò che differenzia un trillo da un semplice alternarsi di sedicesimi è proprio l'imprecisione e volendo, i rallentando e accellerando interpretativi.
Dopo il silenzio, ciò che più si avvicina a esprimere l’ineffabile è la musica.
E. Jabès