0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

RobertoM

Tonalità maggiore e minore
Giugno 28, 2013, 11:12:53 am
Sto cercando di imparare le scale nelle varie tonalità maggiori e minori grazie anche all'aiuto del circolo delle quinte ed all'ordine di apparizione delle alterazioni (diesis e bemolli) in chiave.

Una domanda: se partiamo dalla DO maggiore sappiamo che la sua relativa minore è LA (costruita a partire dal 6° grado della DO). Sappiamo inoltre che queste tonalità non hanno alterazioni in chiave, se incontro un pezzo con queste caratteristiche come faccio a capire se è stato composto in DO maggiore piuttosto che in LA minore ?

Ovviamente lo stesso si applica per tutte le altre tonalità: sol maggiore/mi minore, re maggiore/si minore, ecc.

Da quello che ho letto la tonalità maggiore esprime felicità mentre la minore tristezza: quindi al di là delle alterazioni in chiave è solamente la melodia che bisogna ascoltare per capire la tonalità ?

Spero di essermi spiegato... :(
Ultima modifica: Giugno 28, 2013, 11:33:30 am da RobertoM

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3102
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
Re:Tonalità maggiore e minore
Giugno 28, 2013, 09:00:20 pm
metodo secco e veloce: guarda la tonalità del primo e dell'ultimo accordo sono normalmente ambe 2 la tonica a volte il primo accordo è la dominante.... ma la fine è praticamente sempre la tonica..... altrimenti devi vedere nelle prime battute del pezzo di norma afferma la tonalità con accordi di sottodominante e dominante e tonica....
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so

*

Lorenzo221

Re:Tonalità maggiore e minore
Giugno 28, 2013, 10:08:40 pm
Tecnicamente dovresti verificare se è presente la triade di la minore o do maggiore oppure se la sensibile è alterata nelle prime 8 battute. Se non c'è ne la, do e mi, ne do, mi sol e la sensibile sol non è diesis il brano si può considerare senza tonalità specifica.
Dopo il silenzio, ciò che più si avvicina a esprimere l’ineffabile è la musica.
E. Jabès

Luca Sutto

Re:Tonalità maggiore e minore
Luglio 19, 2013, 05:41:43 pm
In linea di massima, nell'ambito dell'armonia tonale, se non hai alterazioni in chiave puoi essere o in DO maggiore o in LA minore, come giustamente hai detto. Lasciando stare il discorso della "felicità" o della "tristezza" che attiene a questioni di retorica musicale - tra l'altro vecchio due secoli e quindi non così vicino alla nostra attuale sensibilità musicale - ci sono alcuni trucchetti utili per rispondere alle classiche "domandine da solfeggio". Nel tuo caso:
  • Se il brano finisce con un LA, non puoi essere in DO maggiore, perché i brani tonali si concludono sempre su una nota della triade (DO, MI o SOL), al 90% sulla tonica
  • Se viceversa finisce in SOL non puoi essere in LA minore, per lo stesso motivo (la triade di LA minore è LA, DO, MI)
  • La presenza della sensibile (la nota che sta un semitono sotto la tonica, da non confondere con il settimo grado o sottotonica) soprattutto nella cadenza conclusiva è un indicatore abbastanza chiaro della tonalità
  • Anche nel caso di un pezzo modulante la compostezza formale vuole che il brano termini nella tonalità d'impianto, quindi il primo occhio deve andare sempre all'ultima battuta
Tieni presente che se esci dall'armonia tonale le cose diventano più complesse (ad esempio nell'armonia modale si parla di "spazio" piuttosto che di "tonalità"), ma in questi casi non si può prescindere da un'analisi più accurata.

poi92

Re:Tonalità maggiore e minore
Settembre 03, 2013, 01:26:05 pm
Ecco qui un estratto del libro che spiega molto bene questo argomento...
https://www.dropbox.com/s/jsn1u3eqadybdkc/Modo%20maggiore.pdf