Pianosolo Forum - Il forum sul pianoforte

Il cuore di Pianosolo => Tecnica => Topic aperto da: Loretta - Settembre 10, 2014, 12:48:44 pm

Titolo: Richiesta parere - su prosecuzione studi
Inserito da: Loretta - Settembre 10, 2014, 12:48:44 pm
Buongiorno,

è molto che non scrivo, ma mi trovo nuovamente in un mare di dubbi ed i Vs. consigli mi potrebbero aiutare a prendere una decisione.
Ho 39 anni, studio piano da un anno e mezzo. L'anno scorso ho frequentato una scuola di musica che mi ha dato una formazione a livello "amatoriale". Ho fatto il Beyer, il minuetto di Bach in sol maggiore ed altri pezzi di piano "moderno", accompagnamenti di canzoni, pezzi di Tiersen ed Allevi. Ho fatto anche solfeggio ed armonia (livelli base).

Lo studio mi è stato molto utile perché mi sono "sbloccata" ed ho fatto persino i saggi (con grande sofferenza per l'ansia!!).

Tuttavia non sono del tutto soddisfatta, quello che non va è che il mio insegnante mi dice che non lego bene le note nel minuetto di Bach, ma non mi spiega bene come dovrei fare. (Magari uno dei ragazzi bravi del forum mi può fare un video su come si legano le note?). Se faccio una breve scala ho capito come fare legato, puntato e separato, ma lungo tutto un pezzo faccio fatica a legare.
 Il mio insegnante è bravo, ha fatto il conservatorio, ma ora fa le serate in un gruppo, è velocissimo, ma fa rock, jazz, pop, non musica classica. La mia paura è che non abbia voglia o non riesca ad insegnarmi bene. Le legature sono importanti, come faccio ad impararle?

Il mio dubbio atroce è il seguente:
a) seguire la mia voglia di "far bene", quindi cercare un insegnante "serio" che mi insegni la tecnica corretta, rinunciando per molti anni a suonare i pezzi che mi "fanno voglia". Correndo il rischio di scoraggiarmi ed abbandonare tutto.
b) continuare con l'attuale insegnante, perchè mi diverto, ma è più "approssimativo", forse per la mia età, e continuare a studiare i pezzi che mi piacciono, rinunciando però ad imparare a fare bene le cose?

Sono fermamente convinta che non esistono scorciatoie, la fatica paga, i giovani fanno bene a fare gli studi classici che li prepareranno ad affrontare qualsiasi stile musicale, ma una come me che ha cominciato tardi ?

Premetto che a me piacciono generi musicali molto diversi tra loro, ascolto volentieri alcuni pezzi di musica classica, ora sto studiando il valzer di Chopin 69, n. 2 che trovo meraviglioso, ma adoro anche cantare ed accompagnarmi suonando musica leggera e pop, mi piacciono alcuni pezzi di Jazz latino, mi piacerebbe saper improvvisare, ecc...Insomma mi piace quasi tutto che riguarda il pianoforte non solo ma m. classica.

Sono combattuta tra la voglia di far bene (che è sempre stata la mia natura) e guardare in faccia la realtà, ossia ormai sono troppo grande ed al massimo posso diventare "bravina" a suonare quello che mi piace.

Capisco che è quasi una domanda da "psicologo".

Grazie in anticipo per i pareri che vorrete mandarmi.

Saluti

Loretta

Ps: se qualcuno ha voglia di fare un video sulle legature o segnalarmelo, vi sarei molto grata.
Titolo: Re:Richiesta parere - su prosecuzione studi
Inserito da: sergiomusicale - Settembre 10, 2014, 01:56:55 pm
Non credo che esista una ricetta unica....per me l'importante è non mollare, e per ottenere questo, solitamente, occorre che quanto si fa dia soddisfazione e non sia solo frustrazione, applicazione e studio. Quindi credo che dovresti abbinare le due cose, cercare di fare qualcosa con applicazione metodica, ma lasciarti del tempo per suonare quel che ti piace. Forse ti potrebbe convenire un insegnante  metodico e preciso, con il quale mettere bene in chiaro che del tempo lo dedicherai ai tuoi desideri, quindi che non sia troppo oppressivo, ma dal quale tu possa trarre aiuto in tutti quei passaggi tecnici che ti mancano. Pensa che io, per timore di non riuscire e per demotivazione lasciare tutto, continuo da autodidatta, rinunciando all'aiuto di un maestro...che tra l'altro avrei disponibile in famiglia  :-[
Titolo: Re:Richiesta parere - su prosecuzione studi
Inserito da: Loretta - Settembre 10, 2014, 05:33:26 pm
Grazie Sergio, sei sempre molto gentile!!  :)
Titolo: Re:Richiesta parere - su prosecuzione studi
Inserito da: Aby962 - Settembre 10, 2014, 05:59:52 pm
Ciao Loretta,
Non ho la pretesa di dire a te cosa è meglio che tu scelga. Ma posso condividere la mia esperienza e vedi tu cosa puoi trarne di utile.

Io ho strimpellato da sempre, ma studio seriamente da pochi anni.
In passato avevo provato a studiare, ma lo studio era focalizzato sul riuscire a suonare quel dato pezzo piuttosto che l'altro (Bach-List, Improvviso Schubert, tutta roba di grande effetto).
Facendo gli esercizi non vedevo l'ora di finire, e passare al successivo, perché il mio obiettivo era suonare il pezzo,per dimostrarmi quanto ero bravo.
In effetti ho avuto buoni risultati su ciascuno di quei pezzi, ma c'era una carenza tecnica che non veniva colmata, perché lo studio era esclusivo sui pezzi che mi "piacevano".

Sono andato avanti una vita così. Poi un giorno mi sono detto: "Adesso voglio studiar pianoforte".
Mi sono rivolto ad un'insegnate diplomata con il massimo dei voti ed ho iniziato.

Mi sono preso in mano i vari libri: Beyer, Cesi Marciano, Mio primo Bach, facili preludi, ecc...
Tutte le cose più semplici per principianti.

Ed ho iniziato a studiarle, e suonarle come se fossero "Grandi Brani", mettendoci enfasi, emozione, tensione come se
stessi suonando i notturni di Chopin.
Ed ho iniziato a cambiare, ho iniziato a trarre soddisfazione nelle cose semplici.
Ho iniziato ad appassionarmi più alle ore di studio che alla riuscita del pezzo.

Oggi studiare un passaggio, magari per ore ( a volte giorni) data la mia età, non è più fonte di frustrazione.
Ho imparato a cogliere i piccoli miglioramenti progressivi, che mi hanno portato a  suonare sempre meglio.

Durante questo percorso, ho sentito crescere la distanza tra me e la mia insegnate (bravissima), ma... sentivo che non andava, era come se mi trattasse con uno dei suoi allievi (bambini). "Si fa così, per cui ubbidisci, da bravo".

Ho scelto di cambiare. Con un po di coraggio ho provato a farmi ascoltare da un' altra che alla fine mi ha preso.
Con lei mi trovo bene, perchè mi sento a mio agio.
Rispetta il fatto che ho 50 anni, e che il mio percorso di studio deve essere diverso (un po fatto su misura) per me.

Per cui se posso esprimere una opinione (e ricorda le opinioni sono come gli ombelichi, ognuno ha il suo), io preferisco un insegnate con cui sto bene, piuttosto che un "Bravo Musicista".
Perchè il primo mi stimola a studiare,  me lo rende piacevole, e mi trasmette "cose", con la conseguenza di buoni risultati.

Il secondo (con tutta la sua bravura) non serve a niente se non riesce a fare quanto il precedente.

Un abbraccio. Buona scelta.
Titolo: Re:Richiesta parere - su prosecuzione studi
Inserito da: Loretta - Settembre 10, 2014, 07:16:39 pm
Grazie Aby962,

 le tue osservazioni sono veramente "calzanti". Anche la tua storia musicale è molto bella.

Sino ad ora ho seguito il mio istinto, come la pazza idea di iniziare a studiare piano da zero, tuttavia credo che la vita sia troppo breve per sprecarla, se hai un desiderio devi provare a realizzarlo, non importa se ci riuscirai, ma ci devi provare, non voglio aver rimpianti.

Ora sta per cominciare un nuovo anno di studi e spero che i dubbi si dipanino e mi venga l'idea giusta!!!  :)

Grazie ancora.

Loretta
Titolo: Re:Richiesta parere - su prosecuzione studi
Inserito da: maria_pianista - Settembre 10, 2014, 07:18:10 pm
Sono d'accordo con Aby962 in tutto tranne nell'ultima cosa che dice, perché per come sei fatta tu (anch'io sono simile anche se con altri gusti) non sarai mai soddisfatta se l'insegnante non è bravo e non ti insegna per bene solide basi. La tua età non è TARDA se ti applichi e studi.  :D
Io non riuscirei ad andare a lezione da uno che ti dice che "non fai bene le note del Minuetto" e non ti spiega dove sbagli a leggere o a legare o che non ti insegna a contare quelle misure, ecc.

OK la musica pop ma io credo che in questa fase sia molto importante fissare bene quei rudimenti che poi ti consentiranno di suonare tutto o quasi tutto, secondo i tuoi gusti.
Per riuscire a fare Bach o legato o staccato, trovo fondamentale che tu trovi prima di tutto la diteggiatura adatta. Magari ti può aiutare ascoltare prima una buona esecuzione per avere almeno inizialmente il senso del brano che devi studiare. Quindi diteggiatura, altrimenti ti trovi in un gran casino. Direi questo: anziché pretendere di leggere e allo stesso tempo suonare, prenditi del tempo per suonare passetto a passetto, un pezzettino alla volta, così come è scritto. Prima a mani separate, finché non viene bene. Poi a mani unite, pocchissimo per volta. Se legato, legato. Se staccato, staccato. Non andare avanti finché non ti soddisfa. Va' inzialmente MOLTO lentamente, poi progressivamente e solo quando ti senti sicura, prova a aumentare la velocità. Fatti appunti sullo spartito. Ripeti solo quello che non riesci a capire e non cominciare ogni volta da capo.  In questo modo finirai per imparare a memoria e penso sia l'unico modo nei primi anni per poter fare Bach.
 :D Mi viene da ridere mentre ti scrivo perché sono le cose che dico a me stessa.

Io al tuo posto, non esiterei e cambierei insegnante.
Titolo: Re:Richiesta parere - su prosecuzione studi
Inserito da: Loretta - Settembre 10, 2014, 09:38:12 pm
Grazie Maria per i tuoi consigli, mi fa piacere risentirti.  :)
Titolo: Re:Richiesta parere - su prosecuzione studi
Inserito da: mmax2 - Settembre 10, 2014, 11:36:08 pm
Buonasera a tutti.
Mi sono molto piaciute le risposte a Loretta, le condivido, e provo anch'io a dire la mia.
Quando facevo le elementari e poi le medie, ho sempre avuto difficoltà a fare disegno. Il foglio bianco, l'insegnante che dice: "oggi fate disegno libero"... risultati scadenti e nessuno che mi abbia mai insegnato cosa ci dovevo mettere in quel foglio bianco. Secondo te, come disegno adesso? Male come prima! Se l'insegnante non ti affetta le cose fine fine, perchè tu hai bisogno di questo come ce l'avevo io, non impari. Questo il mio parere, quello che hanno già detto anche gli altri.
Poi: perché ci sono solo i casi 1 e 2? Perché non può esistere un "insegnante a misura di allievo", a misura di te quindi, che ti dice sia come far bene le cose più tecniche, sia che ti accompagna in quelle che ti piacciono? Varrebbe la pena di cercarlo...
Massimo
Titolo: Re:Richiesta parere - su prosecuzione studi
Inserito da: Loretta - Settembre 11, 2014, 09:31:26 am
Grazie Massimo,

anche a me sono piaciute molto le vostre risposte, ero sicura che i vostri punti di vista mi avrebbero aiutato a ragionare.

A volte siamo portati a trovare mille scuse per non fare quello che vogliamo veramente, per la paura di non riuscire ad ottenere i risultati sperati (ho cominciato a studiare troppo tardi, ho poco tempo per studiare, non ho talento, non vale la pena spendere soldi per le lezioni che tanto non sarò mai una pianista brava, ecc....), questo almeno è quello che capita a me.
 
Poi però scatta qualcosa e mi viene da pensare che invece vale proprio la pena studiare!!!
Almeno sino a che ho così tanta voglia di imparare, sino a che sentire alcune armonie/melodie, ritmi mi fa così tanto effetto. 

Proverò a cercare questa "via di mezzo" su misura per me.

Saluti
Loretta
Titolo: Re:Richiesta parere - su prosecuzione studi
Inserito da: pianoforteverona - Settembre 11, 2014, 09:58:44 am
Sono d'accordo con Aby962 quando scrive che si può gustare l'esecuzione di un brano "facile" come se fosse un "grande brano": in effetti la qualità musicale non dipende dalla difficoltà tecnica e dunque si possono avere grandi soddisfazioni anche scegliendo un repertorio adatto al nostro livello di capacità.

Poi ovviamente condivido il consiglio di Maria_pianista: un insegnante deve comunque dare indicazioni corrette e precise, non deve essere vago perché altrimenti si limiterebbe a constatare ciò che anche l'allievo percepisce benissimo (cioè la maggiore o minore qualità della propria esecuzione) ma senza indicare la strada più giusta e più scorrevole per arrivare alla meta.

Ed infine concordo con mmax2 sul fatto che un bravo insegnante deve saper coniugare la competenza didattica con un approccio umano comprensivo ed empatico nei confronti dell'allievo, anche perché ogni persona è diversa e bisogna considerare la sua storia, le sue caratteristiche specifiche. Se un insegnante non capisce queste cose, a nulla vale la sua competenza tecnica.
Titolo: Re:Richiesta parere - su prosecuzione studi
Inserito da: Aby962 - Settembre 11, 2014, 06:50:19 pm
Sante parole, parole Sante:
"un bravo insegnante deve saper coniugare la competenza didattica con un approccio umano comprensivo ed empatico nei confronti dell'allievo ... "

Eppure così difficili da mettere in pratica.
Se metto assieme tutti i maestri di tutte le discipline, che ho conosciuto, sono sono costretto ad ammettere che raramente (per non dire mai) ho incontrato qualcuno che guardasse anche "l'individuo unico e speciale" e non solo " l'allievo".

Se da una parte  ci sarebbe bisogno di una classe di insegnati così fatti, è anche vero che noi allievi possiamo stimolare in loro, questa apertura attraverso domande, questioni richieste, esternazioni e confronto umano paritario.

Ponendo noi stessi non più come soggetti passivi, succubi della dottrina, ma portando la nostra storia e le nostre emozioni, stimolando un confronto adulto con l'insegnate.

Che a sua volta è un individuo unico con le sue emozioni, le sue fatiche e la sua storia ecc.. , non dobbiamo dimenticarcelo.

Vi saluto, che Kramer Bulow mi aspettano.  :)

Un Counsellor dell'Approccio Centrato sulla Persona!



Titolo: Re:Richiesta parere - su prosecuzione studi
Inserito da: ci provo - Settembre 11, 2014, 07:05:03 pm
Ciao a tutti

Ho seguito con interesse questo post.
Come Loretta anch’io ho dei dubbi.

Premetto che ho 64anni e da tre ho iniziato a studiare, seguita da un maestro e partendo da zero, pianoforte (anche se da quando sono nata ho sempre ascoltato il suono del pianoforte; lo suonava mio papà ed ora è diventato mio).

Oltre alla musica classica mi interessano altri generi (da qualche mese sto ascoltando costantemente il gruppo musicale degli anni ’90 ENIGMA, DIDULA (un chitarrista russo), ENYA e altro.
Non ho molte pretese (non devo diventare concertista) e sono abbastanza soddisfatta (a detta anche del mio maestro) del mio percorso musicale.

Sarei “pignola” con lo studio, a volte succede che studiando molto non riesco a ottenere un buon risultato ed è forse per questo che ogni tanto sono
assalita dal dubbio se continuare o no.
E allora penso: perchè non provare a suonare qualche altro strumento? Forse chitarra? Riuscirò meglio?
In ogni modo anche quest’anno mi sono iscritta.  Vada come vada!!

A proposito di “maestro”, come si capisce se è un bravo maestro?
Ciao, ci provo
Titolo: Re:Richiesta parere - su prosecuzione studi
Inserito da: Aby962 - Settembre 11, 2014, 09:20:27 pm
Ciao Ci provo,
la mia risposta alla tua domanda, "Come si riconosce un maestro bravo'" è la seguente:

Un bravo maestro è colui / colei che è capace di rendermi consapevole ed obiettivo delle mie reali capacità  e me le fa raggiungere.

Spero che anche gli altri ti diano il loro parere.

Un saluto
Aby
Titolo: Re:Richiesta parere - su prosecuzione studi
Inserito da: Aby962 - Settembre 13, 2014, 09:00:32 am
Ciao Loretta,
rileggendo il tuo post iniziale , mi sono accorto di una tua richiesta, ma non ho visto nessuna risposta in merito.

Chiedevi un video sulle legature. Qualcuno ti ha mandato qualcosa?
Saluti
Alberto
Titolo: Re:Richiesta parere - su prosecuzione studi
Inserito da: pianoforteverona - Settembre 13, 2014, 10:49:52 am
Un esercizio preliminare sul legato nelle formule su tasti contigui: https://www.youtube.com/watch?v=qQsDAxFD9rM (https://www.youtube.com/watch?v=qQsDAxFD9rM)
Titolo: Re:Richiesta parere - su prosecuzione studi
Inserito da: Loretta - Settembre 13, 2014, 11:45:25 am
Nel legato non ci sono spazi vuoti tra le note.

Se posso permettermi un paragone un pò azzardato, mi viene in mente la "marcia degli atleti", in cui un piede deve essere sempre attaccato a terra (come il dito sulla tastiera).

Nella corsa normale invece c'è un momento, nell'esecuzione del passo, di sospensione, di vuoto, i piedi sono entrambi staccati. Lo stesso "spazzietto vuoto" si crea tra le note staccate.

Può andare questo paragone?

Inoltre vorrei sapere, quante sono le principali "tecniche" che un pianista deve imparare?
Intendo dire, io conosco:
- "il trillo" (difficilissimo-credo che non imparerò mai);
- l'acciaccatura, che è quella nota piccolina che devi sfiorare prima della nota grande;
 e poi ? So che esiste un mare di tecnica pianistica, ma le cose "principali" quali sono?
 
Comunque grazie ancora a tutti, siete stati molto gentili a darmi i Vs. parerei.

Saluti e buona domenica.

Loretta
Titolo: Re:Richiesta parere - su prosecuzione studi
Inserito da: pianoforteverona - Settembre 13, 2014, 03:43:06 pm
Certo, Loretta, il paragone è buono. Di fatto, c'è un breve attimo nel quale la prima e la seconda nota si sovrappongono, inoltre occorre eseguire la seconda nota senza articolazione (come nell'esempio video).

Allego un pdf
Titolo: Re:Richiesta parere - su prosecuzione studi
Inserito da: kawai.marrone - Ottobre 18, 2014, 01:15:01 am
quando qualcosa non va si da sempre la colpa agli insegnanti. loro non possono capire tutto di noi.. siamo noi gli unici a conoscere i nostri problemi e a volte dobbiamo risolverli da soli. poi sto povero uomo lo discrimini perché fa jazz pop rock.. e percio non capisce niente di bach e affini classica. .. chi te lo dice che non sia preparato? devi solo aver pazienza e sfruttare le tue risorse suona e basta come esce esce  non ti curare dei tuoi dubbi col tempo risolverai tutto ciao.
Titolo: Re:Richiesta parere - su prosecuzione studi
Inserito da: maria_pianista - Ottobre 18, 2014, 12:20:32 pm
quando qualcosa non va si da sempre la colpa agli insegnanti. loro non possono capire tutto di noi.. siamo noi gli unici a conoscere i nostri problemi e a volte dobbiamo risolverli da soli.
Non sono d'accordo. Ci sono insegnanti bravi e non bravi. A volte è perfettamente giustificato "dare la colpa" agli insegnanti. E ne avevamo parlato su questo all'epoca con Loretta.

Citazione
poi sto povero uomo lo discrimini perché fa jazz pop rock.. e percio non capisce niente di bach e affini classica. .. chi te lo dice che non sia preparato?
Non mi sembra che Loretta abbia discriminato nessuno. Solo che ognuno deve trovare l'insegnante che fa per se stesso. Non tutti gli insegnanti vanno bene per ognuno di noi.

Citazione
devi solo aver pazienza e sfruttare le tue risorse suona e basta come esce esce  non ti curare dei tuoi dubbi col tempo risolverai tutto ciao.
Anche questo mi sembra sbagliato. Dipende dall'esigenza dello studente. Dire "come esce esce" non è tanto gratificante per chi vuole andare avanti in un percorso che lo porti lontano. Studiare deve essere sempre proficuo e gratificante. Si deve sempre imparare qualcosa, altrimenti andare a lezione o ripetere gli stessi errori nel tempo non serve assolutamente a nulla ed è anzi negativo. Non curarsi dei propri dubbi è un atteggiamento che non condivido e mi sembra un po' superficiale.
Titolo: Re:Richiesta parere - su prosecuzione studi
Inserito da: Loretta - Ottobre 18, 2014, 01:26:22 pm
Ci tengo a precisare che io "adoro" come suona l'insegnante pop, rock ecc....., magari suonassi come lui!!!
Sono una sua fan, vederlo suonare è uno spettacolo ed è anche molto simpatico.
Non gli do assolutamente la colpa se non so fare bene le legature. Però sentivo che per "cercare" di migliorare dovevo cambiare ed ho aperto il topic per sentire le Vs. opinioni.

L'anno scorso suonando "come viene viene" sono riuscita a spostare le mani sulla tastiera (e non è poco), quest'anno voglio riempire i "buchi" che mi sono lasciata dietro sulla tecnica, sulla lettura, ecc....

Ho capito che se suono subito i pezzi che mi piacciono, facendo cose troppo difficili per me, ovviamente semplificando dove non riesco, ecc.... non migliorerò mai.
Lì per lì ho ottenuto tanta soddisfazione, ma ho costruito solo un castello di carta, basta un soffio e tutto cade. .

Vale invece il contrario, un pianista con una buona tecnica, esperienza, cultura,ecc... suona divinamente anche una cosa semplice. Io non devo diventare una pianista eccezionale ma voglio fare del mio meglio.

Quest'anno nella mia scuola hanno creato due corsi, uno di piano moderno/tastiere (con l'insegnante pop) ed uno di piano classico (quello che ora faccio io). Ho fatto solo una lezione e mi sono trovata bene.

Sto studiando dei minuetti di Bach, con tutto il mio impegno e con tanta fatica, perché purtroppo non sono una di quelle che impara subito. Studiando questi pezzi mi rendo conto che sono davvero molto belli. In questo modo posso "ampliare" i miei gusti musicali.

L'impegno e la costanza di solito portano dei buoni risultati, spero che valga anche per me.  :)
Titolo: Re:Richiesta parere - su prosecuzione studi
Inserito da: maria_pianista - Ottobre 18, 2014, 02:10:32 pm
 :-* Guarda, Loretta, concordo con te su tutta la linea!