0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

prove di memorizzazione
Gennaio 27, 2015, 11:41:50 am
Per la prima volta sto provando a suonare un pezzo solo dopo averlo memorizzato (sonatina op 36 n.1 di Clementi)

Per il momento sono al primo movimento e comunque forse il pezzo è ancora un po' troppo al di sopra delle mie capacità, in quanto devo muovere molto le mani, per cui l'esecuzione è abbastanza lenta.

Devo dire che inizialmente è una faticaccia, ma mi sembra di riuscire a suonare meglio di quando lo faccio leggendo lo spartito.

Il punto è, però, che così sto rinforzando molto la memoria visiva della tastiera.
Ossia mentre suono guardo la tastiera perchè mi aiuta a ricordare dove vanno messe le dita.
Quindi, se da un lato riduco il tempo che il cervello prima impiegava per leggere e comandare le dita nella prossima posizione, adesso sono più veloce ma mi è più difficile distogliere lo sguardo dalla tastiera.

Mi consigliate di andare comunque avanti su questa strada?
Consiglio o commenti in proposito?

DarkKnight

  • Professionista
  • Mostra profilo
  • ***
  • 496
  • con il suono delle dita si combatte una battaglia
Re:prove di memorizzazione
Gennaio 27, 2015, 02:02:00 pm
io in realta ti consiglio di non guardare la tastiera ma di cercare di farlo a memoria tenendo gli occhi sullo spartito e chiudendoli.
se ti abitui a guardare la tastiera poi non riesci più a suonare senza guardarla.


Re:prove di memorizzazione
Gennaio 27, 2015, 02:33:11 pm
Il problema è proprio che, per il momento, devo guardare la tastiera per memorizzare.

Secondo te è meglio tentare di memorizzare senza guardare in una seconda fase oppure è comunque meglio tentare di farlo da subito?

Lo dico perchè ho difficoltà a memorizzare "astrattamente" per cui ho bisogno dell'ausilio della memoria "visiva" della tastiera

DarkKnight

  • Professionista
  • Mostra profilo
  • ***
  • 496
  • con il suono delle dita si combatte una battaglia
Re:prove di memorizzazione
Gennaio 27, 2015, 03:49:15 pm
più che la memoria visiva dovresti
memorizzare lo spartito, in teoria dovresti poter riscrivere lo sparito senza guardarlo; e per un pezzo così facile è pure una buona tecnica di studio.
la memoria visiva la devi usare solo per lo spartito
mentre poi devi far entrare in gioco la memoria fisica del corpo, ed in particolare delle mani e delle braccia.

Sempre in teoria questo modo di memorizzare dovrebbe essere il fine ultimo di ogni concertista, e in minor peso per chiunque suoni uno strumento.



Re:prove di memorizzazione
Gennaio 27, 2015, 05:15:03 pm
lo spartito riesco a riscriverlo perchè mi ricordo i tasti che premo.

non so perchè ma la mia memoria funziona meglio sulla sequenza di movimenti che nel ricordami le immagini.

in effetti l'esercizio che faccio adesso è di provare a suonarla senza guardare, ma dopo aver seguito il percorso di memorizzazione visivo.

a parte il fatto che sono appena agli inizi, mi chiedevo se, a lungo andare, ci sono degli inconvenienti rilevanti o dei percorsi di memorizzazione più efficienti

DarkKnight

  • Professionista
  • Mostra profilo
  • ***
  • 496
  • con il suono delle dita si combatte una battaglia
Re:prove di memorizzazione
Gennaio 27, 2015, 06:35:58 pm
lo spartito riesco a riscriverlo perchè mi ricordo i tasti che premo.

non so perchè ma la mia memoria funziona meglio sulla sequenza di movimenti che nel ricordami le immagini.

in effetti l'esercizio che faccio adesso è di provare a suonarla senza guardare, ma dopo aver seguito il percorso di memorizzazione visivo.

a parte il fatto che sono appena agli inizi, mi chiedevo se, a lungo andare, ci sono degli inconvenienti rilevanti o dei percorsi di memorizzazione più efficienti

il percorso di memorizzazione più efficiente, secondo me, è quello che ti ho detto prima.
inoltre dovresti abituarti a studiare il pezzo prima sullo spartito, cioè lontano dal pianoforte, lo studi, e poi lo porti al piano.
anche se ancora sono pezzi semplici se lo inizi a fare già da adesso quando affronterai dei pezzi più impegnativi avrai già l'abitudite e la forma mentis giusta.


Re:prove di memorizzazione
Gennaio 28, 2015, 08:42:39 am


il percorso di memorizzazione più efficiente, secondo me, è quello che ti ho detto prima.
inoltre dovresti abituarti a studiare il pezzo prima sullo spartito, cioè lontano dal pianoforte, lo studi, e poi lo porti al piano.
anche se ancora sono pezzi semplici se lo inizi a fare già da adesso quando affronterai dei pezzi più impegnativi avrai già l'abitudite e la forma mentis giusta.
[/quote]

si, lo so, è che tento di arrivarci per approssimazioni successive, anche se, sempre che il processo converga, forse ci arriverò all'infinito  :D

in effetti ho iniziato a studiarlo a tavolino prima di sedermi al piano, ma per mandarlo a memoria, come detto, ho cominciato a suonarlo senza guardare lo spartito, ma mi guardo le mani...

vabbè: ieri sera ho anche chiuso gli occhi e qualcosa ne è uscito, anche se alla velocità di un bradipo...


*

eligen

Re:prove di memorizzazione
Gennaio 28, 2015, 10:01:45 am
Consolati Saruman, sto anche io studiando lo stesso pezzo (sono fermo sul primo movimento da parecchie, troppe settimane ...) e ho esattamente i tuoi stessi problemi  :( Suono anche io quasi a memoria, "devo" guardare la tastiera per non fare errori e appena provo a guardare lo spartito inizio a fare dei pasticci incredibili (e meno male che è un pezzo semplice ;D ) Tra l'altro non sono per nulla sicuro che sarei in grado di scrivere a memoria lo spartito ...

Ora voglio provare anche io Il metodo che ti ha suggerito DarkKnight, anche se all'inizio forse mi rallenterà un pochino credo che alla lunga possa davvero portare degli enormi benefici (penso banalmente a quando rimango in piena amnesia a metà del primo movimento senza ricordarmi quali note suonare a quel punto, leggendo lo spartito il problema ovviamente non si porrà più).

Forza e coraggio, di bradipi in questo forum siamo in parecchi ma un giorno ci trasformeremo in magnifici leopardi  ;)

Re:prove di memorizzazione
Gennaio 28, 2015, 10:43:07 am
Provo a spiegarmi meglio

In questo caso il pezzo l'ho memorizzato.
Riesco a suonarlo anche a mente.
Ma, anche in questo caso, quando lo suono a mente, ossia immaginando la nota ed il suono, non visualizzo la nota sullo spartito ma il tasto del pianoforte che andrei a premere.

è come se guardassi un filmato di uno che suona il piano, inquadrando la tastiera, tanto per esser chiari.

Mi chiedevo quindi, quando i "pro" memorizzano i brani, lo fanno visualizzando lo spartito, ricordandosi le note "per nome" oppure, come me , visualizzano la tastiera?

Poi, quando devo suonarlo, quello che succede è che, per essere più veloce nel recuperare le note dalla memoria, se guardo la tastiera mentre suono riesco a "ricordare" la sequenza e quindi sono più veloce a premere i tasti.
Se invece chiudo gli occhi, perdo più tempo nel recuperare le informazioni dalla memoria e a tradurle in comandi per le mani.
In pratica gli occhi velocizzano il recupero e la messa in pratica dei movimenti da far compiere alle dita.

*

bachla

Re:prove di memorizzazione
Gennaio 28, 2015, 11:27:34 am
anche io sono su questo pezzo! però ho praticamente quasi finito il terzo movimento.
ho avuto dei problemi con il primo movimento, lo provo da così tanto tempo che lo so a memoria, le mani vanno da sole e io posso fare a meno di guardare lo spartito.
Il problema è che se si inceppano è la fine perchè non riesco a ricominciare da dove mi ero interrotta!
quindi adesso sto cercando di ristudiarlo tenendo gli occhi fissi sullo spartito e senza guardare la tastiera. Per evitare di ricadere nella trappola della memoria, lo suono anche al contrario su suggerimento del mio maestro!

concordo con Darknight per il metodo di memorizzazione, bisogna guardare lo spartito perchè se ti fissi sulla tastiera, dopo guardi sempre quella, è esattamente quello che succede a me quando imparo i pezzi!
io li imparo a memoria ma dopo non so più leggere lo spartito! poi per forza rimango indietro nella velocità di lettura!
“When you play, never mind who listens to you.”
― Robert Schumann

*

RobertoM

Re:prove di memorizzazione
Gennaio 28, 2015, 01:49:36 pm
La questione è complessa, sono convinto che non bisognerebbe guardare la tastiera e le mani mentre si suona ma solamente lo spartito (tranne in salti particolarmente ampi ma anche qui ci sono teorie contrastanti), questo metodo consente di migliorare nel tempo con brani più difficili e consente soprattutto di prendere consapevolezza della posizione delle mani/dita sulla tastiera.

Io credo che bisognerebbe scegliere una strada ed approfondirla: memoria oppure lettura dello spartito.

Riguardo alla memoria bisogna affidarsi a tutti i tipi di memoria: visiva, di mano, auditiva, armonica (studio dell'armonia del brano); ritengo anche importante il mettere in "difficoltà" il cervello (ad esempio come già scritto suonare al contrario) come: fare piano le parti in forte, staccato dove c'è un legato, varianti ritmiche, ecc. tutto ciò si traduce in uno studio attento e concentrato e quindi si evita di suonare meccanicamente come dei robot.

E' un mondo (universo) da esplorare e questo è il bello, l'importante è non scoraggiarsi mai! Attenzione ma anche consapevolezza dei traguardi raggiunti e, sicuramente, migliorabili nel tempo.

DarkKnight

  • Professionista
  • Mostra profilo
  • ***
  • 496
  • con il suono delle dita si combatte una battaglia
Re:prove di memorizzazione
Gennaio 28, 2015, 04:16:38 pm
Per evitare di ricadere nella trappola della memoria, lo suono anche al contrario su suggerimento del mio maestro!

al contrario???

*

bachla

Re:prove di memorizzazione
Gennaio 28, 2015, 04:38:07 pm
Per evitare di ricadere nella trappola della memoria, lo suono anche al contrario su suggerimento del mio maestro!

al contrario???

sì, ovviamente una battuta alla volta! :D
un po' da pazzi ma funziona, almeno son costretta a leggere!
“When you play, never mind who listens to you.”
― Robert Schumann

DarkKnight

  • Professionista
  • Mostra profilo
  • ***
  • 496
  • con il suono delle dita si combatte una battaglia
Re:prove di memorizzazione
Gennaio 28, 2015, 04:54:27 pm
Per evitare di ricadere nella trappola della memoria, lo suono anche al contrario su suggerimento del mio maestro!

al contrario???

sì, ovviamente una battuta alla volta! :D
un po' da pazzi ma funziona, almeno son costretta a leggere!

ahhhh ecco
per un attivo stavo pensando che te lo faceva fare al contrario tipo nastro fatto eseguire al contrario  ;D

Re:prove di memorizzazione
Gennaio 29, 2015, 09:39:11 am
Mi sa che intendeva proprio al contrario, come il canone cancrizzante di Bach.