Il cuore di Pianosolo > Tecnica

Programma di studio per un autodidatta - Richiesta consigli

(1/1)

Poli:
Ciao a tutti, sono Paolo, mi sono già presentato nella apposita sezione. Riassumo, all'età di 7-8 anni ho studiato pianoforte per qualche mese (non ho molta memoria onestamente di quel periodo) e poi, causa anche la giovane età e qualche maestro poco motivante, ho lasciato perdere facilmente. Adesso, a 37 anni, ho deciso di riprendere quello che avevo lasciato in sospeso e ricominciare a studiare questo fantastico strumento.
Per ovvi motivi di spazio, ho acquistato una tastiera entry level (Yamaha Psr-363) e sto procedendo a studiare in questo modo dai primi di maggio (non menatemi e perdonatemi anche eventuali cialtronerie che potrei aver scritto :) ):
- Sto seguendo gli esercizi del beyer op. 101 e noto che come programma di studi, è l'unico che ha un incremento della difficoltà lineare rispetto a qualsiasi altra cosa abbia preso in mano
- Sto seguendo i corsi della app Flowkey, per la quale la yamaha mi ha beneficiato di un periodo di 3 mesi di abbonamento grazie all'acquisto della tastiera. Trovo che gli esercizi interattivi e il programma di corsi sia molto stimolante poichè ho una sequenza di obiettivi-risultati, tuttavia il salto di difficoltà in alcuni momenti risulta enorme ed ho dovuto fermarmi e "tornare indietro"
- Mi esercito sulle scale semplici e se trovo uno spartito in armatura di chiave che non conosce
- Seguo ovviamente molti tutorial e video di Pianosolo.it :)
- Per il resto cerco di stimolarmi provando a suonare spartiti qua e là, presi un pò da Musescore, da FlowKey, su Internet e su PianoSolo. Ovviamente la stragrande maggioranza degli spartiti che vorrei suonare il risultato finale è inaccettabile, stortignaccolo, fuori tempo e con diversi errori.


I miei dubbi principalmente sono:
- Avendo in media 30min-1h di tempo a disposizione al giorno dedicare metà tempo al Beyer e metà tempo a piacere, più che altro per motivarmi e divertirmi può essere sufficiente? Devo organizzare il mio tempo in modo differente?
- Noto che lo scoglio più difficile da superare è l'indipendenza delle mani; con i primi esercizi del Beyer lo supero abbastanza facilmente ma con qualsiasi altra cosa a volte diventa uno scoglio insormontabile
- Sto provando anche a suonare i primi accordi; finchè si tratta di suonare gli accordi della scala in DO Maggiore fatico ma con l'impegno e il riscaldamento riesco poi a carburare qualcosina. Ovviamente di suonare accordi e melodia con entrambe le mani è ancora un calvario. Faccio un esempio: con fatica riesco a suonare in modo accettabile When the saints go marching in presa da PianoSolo dopo una piena giornata di studio. Inoltre, suonare accordi che comprendano anche tasti neri mi porta a serie difficoltà se non quasi a qualche dolore della mano. Sto forse correndo troppo?


Detto questo, si accettano consigli di qualsiasi genere e chiedo venia in anticipo per qualsiasi errore di forma nelle affermazioni precedenti.
Vi ringrazio in anticipo

Fabio82:
Io non ti posso aiutare e neanche ti so suggerire niente... ti scrivo solo per dirti che non sei solo! o forse non sono solo! eheheh
io ho iniziato a studiare il piano dopo il lockdown quindi che sarà qualche mese... nessuna nozione musicale neanche delle note... mega frustrazione anche con i tutorial dei brani su youtube... preso fin da subito insegnante che vedo 1 volta asettimana per 1h... mi sta insegnando tutto lei ed effettivamente vedo progressi di settimana in settimana... ma ho capito una cosa... prima di tutto che mi devo rassegnare e studiare tanto veramente tanto anche per le cose più banali.... poi sto constatando una cosa... anche le cose nuove che studio vedi per esempio gli esercizi del beyer... o branetti semplici (più didattici che brani veri e propri) se sono alla mia portata gli studio e riesco a replicarli in pochissime ore... quando un brano è fuori dalla mia portata (e ci vuole veramente poco) diventa come un muro di gomma ci posso passare 3 ore al giorno per una settimana e non arrivo a niente... appena comprato il piano volevo impare a suonare nuvole bianche...ahahahhah ci ho passato sopra ore e ore...senza arrivare a niente... è troppo per me! pensa che anche i tutorial su youtube... che uno può mandare a velocità più lenta per impararla... niente da fare qualsiasi brano per poter essere eseguito richiede delle basi che se non ci sono rende frustrante qualsiasi cosa... e poi per come la sto vivendo io, il mio sogno è prendere uno spartito e suonarlo... imparare a memoria l'azione meccanica di muovere delle dita per far suonare il piano non è musica e credo ne sia lontano anni luce.... ed è per questo che ci ho rinunciato con serenità... con atto di fede segueo la mia insegnante che fra esercizi del beyer, hanon e branettini didattici (tratti da libri anche per bambini) mi sta addentrando in questo meraviglioso mondo... ma... mi rendo conto che è un mondo difficilissimo e richiede veramente tanto studio.... io ho 38 anni e credo nonostante sia un informatico, un progettista elettronico e tante altre 1000 cose che ho provato nella mia piccola vita... il pianoforte è veramente la cosa più difficile in cui mi sia mai cimentato richiede di sviluppare delle capacità incredibili (per come la vedo io ovviamente) tutto questo per dirti cosa?
che se riesci evita lo studio da autodidatta... non perchè non tut possa arrivare a fare quello che desideri... ma per come la vedo io... con un insegnante, imparo subito giusto, mi corregge, non imparo difetti duri da mandar via, mi rasserena, mi da uno scopo e mi mantiente sul pezzo... insomma,,,, senza il mio insegnate credo che avrei smesso una settimana dopo aver acquistato il piano! invece oggi più che mai fra sessioni frustranti che quasi mi verrebbe da piangere dalla delusione a sessioni dove fila tutto liscio e vedo anche negli occhi del mio insegnante quel senso di gratificazione... che ancora oggi nonostante non risco a suonare nessun brano con un tutorial sul youtube (perchè al moemnto sono fuori dalla mia portata) ma ad oggi sono ancora sul pezzo e mi fa studiare tutti i giorni quei 30 minuti o 1h gli esercizi assegnati dalla maestra nella speranza di farle vedere come sono stato bravo durante la settimana... spesso poi l'emozione è tale che a casa viene e davanti a lei mi si rompe il fusibile e faccio un casino... ma quando riesco e va tutto liscio credimi soddisfazione immensa!!! ahahah
ti racconto questo e poi la finisco qua... una volta a lezione dovevo portare un esercizio che a casa mi veniva ma li andavo in botta e non riuscivo... rimandato alla settimana successiva... vado da lei ed esordisco con " non so quel che succederà fra poco... ma a casa mi riesce e se qua non mi viene non ci posso fare niente il mio cervello è quello che è! quindi nel caso vada male... ti prego di andare avanti con altri esercizi perchè a casa lo fo anche ad occhi chiusi....."..... lo avevo provato fino allo sfinimento 1h al giorno tutta la settimana.... beh... lesercizio venne e mi fece pure i complimenti perchè si sentiva e si vedeva che avevo studiato!

in bocca a lupo!

Paola:
Ciao Paolo,
vedi se può esserti utile il percorso didattico che avevamo creato qualche anno fa su Pianosolo:
https://www.pianosolo.it/percorso-pianoforte/


In ogni caso in autunno stiamo per uscire con una nuova piattaforma didattica che prevede un percorso progressivo che parte da 0.
Si tratta solo di attendere un mesetto.
Prevediamo anche la presenza di un tutor.
Sarà in abbonamento.


 :)

Navigazione

[0] Indice dei post

Vai alla versione completa