0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

ferry

paragone con pianisti del passato
Febbraio 09, 2012, 01:39:17 am
curiosità: come si fa a sapere come suonavano Beethoven, Liszt, Chopin ecc ... ?
Penso sia impossibile fare un confronto con un pianista che sentiamo oggi o di cui esistono le registrazioni. Per esempio non potremo mai dire se Michelangeli suonava meglio di Beethoven. Mi pare ovvio, pero' non si sa mai, qualcuno potrebbe sapere qualcosa più di me
Grazie, ciao
non stare lì a fare tanti esercizi, perdi solo tempo, suona direttamente il pezzo !!

Massimiliano1

  • Visitatore
Re:paragone con pianisti del passato
Febbraio 09, 2012, 01:48:16 am
A me tutti i vecchiotti che ne sanno di musica dicono che i pianisti di oggi siano di gran lunga più bravi rispetto al passato e che tendono a migliorare (forse perché nell'800 la musica era vista ancora come un'abbellimento da poco e non esisteva il business lucroso che c'è oggi: cultura commerciale dello spettacolo = più persone di talento = meno richiesta = più credenziali penso)
Poi beh, suppongo che beethoven fosse il massimo interprete di se stesso xD

Re Cremisi

Re:paragone con pianisti del passato
Febbraio 09, 2012, 10:33:44 am
"Il pianoforte non è cambiato dal diciannovesimo secolo a oggi, e questo è un bene" come ha detto Keith Jarrett. Questo significa che mentre la tecnica in questo periodo è progredita molto, lo strumento è rimasto più o meno uguale, quindi la tecnica che si studia oggi è molto più raffinata ed efficace di quella dei compositori che citi tu. Quindi penso che i grandi interpreti di oggi riescano a tirare fuori da un brano di Beethoven, Chopin, Liszt o altri anche di più di quello che il compositore in origine aveva pensato.
Il pianoforte è come la nutella, ma in effetti ci sono delle lievi differenze fra le due cose.

*

Paola

Re:paragone con pianisti del passato
Febbraio 09, 2012, 09:13:57 pm
Però bisogna tenere presente anche un altro fattore importante: l'evoluzione del gusto musicale del pubblico.

Franz Liszt, ritenuto a ragion veduta un grande virtuoso, faceva scalpore ai suoi tempi, ma oggi? Oggi, com'è stato giustamente detto, l'abilità tecnica dei pianisti è ampiamente progredita, quindi trovare pianisti abilissimi è più facile, meno raro, ma forse prediligiamo qualità musicali diverse, tipo l'espressività. Evoluzione e trasformazione del gusto musicale.
Spesso anche i repertori sono soggetti a questa evoluzione, a questa trasformazione.