0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

paoletto62

Mani separate
Aprile 04, 2010, 06:38:07 pm
Apro un nuovo topic su un'argomento trito e ritrito, ma su cui ho ancora un dubbio.
Voi, personalmente, studiate tutto il brano a mani separate individuando le battute più difficili (studiandole a parte) e poi unite le mani, oppure studiate una battuta alla volta a mani separate e poi unite le mani SOLO per quella battuta e poi proseguite in un lavoro di costruzione a catena?
Spero di essere stato chiaro.

Paolo.


Ylenia

Re:Mani separate
Aprile 04, 2010, 11:50:33 pm
Domanda interessante. Se dovessi seguire rigidamente tutto ciò che mi dice il mio insegnante, allora dovrei mettermi lì ad ogni pezzo e studiarlo una mano per volta... Ma è più forte di me; non riesco a studiare gli esercizi di tecnica o dei brani a mani separate. Devo subito farlo a due mani.
Ovviamente questo, anche secondo il mio insegnante, non è un errore. Si può benissimo arrivare allo stesso risultato studiando a due mani o ad una mano sola. Ma studiare a mani separate, dovrebbe facilitare l'apprendimento; io personalmente anche studiando a due mani, non trovo molte difficoltà e gli ostacoli che trovo li supero facilmente. Per ora dunque continuerò così, finché non troverò un ostacolo più grande che mi costringerà ad usare "i vecchi metodi".
E tu?

*

eligen

Re:Mani separate
Aprile 05, 2010, 07:56:07 pm
Io per prima cosa cerco di "fare mio" il brano che voglio suonare leggendo lo spartito con attenzione e suonandolo poi tutto a mani separate (essendo agli inizi mi riferisco soprattutto agli esercizi del Beyer o comunque a brani sufficientemente semplici e brevi). Subito dopo inizio a suonare gruppi di alcune battute a due mani (dapprima molto molto molto lentamente e poi aumentando man mano la velocità). E' proprio il suonarlo a due mani che  mi facilita un po' l'apprendimento perchè è solo a questo punto che riesco a capire ("intrecciando" armonia e melodia) se lo sto suonando correttamente.

paoletto62

Re:Mani separate
Aprile 07, 2010, 06:47:29 pm
Eligen, hai ragione.
Suonare tutto il pezzo a mani separate, ovviamente finché le dita trovano i tasti da sole, e poi unirle a gruppi di battute mi sembra la soluzione giusta.
Ci sono alcuni esercizi che effettivamente a mani separate hanno poco senso, ma a mani unite la melodia esce che è un piacere.
Grazie mille per il consiglio.  ;)

Paolo

Davide.

Re:Mani separate
Aprile 09, 2010, 09:22:25 am
Nel mio caso dipende dalla difficoltà del brano. Se il brano in questione mi mette particolarmente in difficoltà, lo studio prima a mani separate senza metronomo per familiarizzare con il brano e risolvere particolari problemi. poi aggiungo il metronomo per applicare le modifiche e per raggiungere una certa sicurezza nell'esecuzione [è chiaro che aumento mano a mano la velocità fino a raggiungere quella necessaria].