0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

vanex_vanex

Alternanza libri per studio da autodidatta
Luglio 24, 2019, 06:39:27 pm
Ciao a tutti.
Da aprile ho riniziato "seriamente" a studiare pianoforte, anche se ormai sono adulta!!
Anni fa avevo preso lezioni ma col senno di poi penso che il maestro mi avesse sopravvalutato e mi facesse fare cose troppo difficili.
Ora ho riniziato col Beyer dai primissimi esercizi, non tanto per la lettura della musica (per fortuna so gi leggere bene) ma per seguire un metodo graduale.
Leggendo un altro post nel forum, mi sono procurata l'Hanon "pianista virtuoso" e Czerny "il primo maestro di pianoforte" da affiancare al Beyer.
La mia domanda proprio relativa a questo affiancamento. Se l'Hanon decisamente un mondo a s e serve principalmente per fortificare le dita, Czerny e Beyer pur trattandosi di studi hanno metodologie completamente diverse. Ad es, l'es 5 del Czerny ti fa gi fare dei salti di tasti obbligandoti ad estendere 4 e 5, mentre nel Beyer, pur essendo gi all'es 60, si punta su altri movimenti (ad es, arpeggi della mano sinistra).
Ho provato a fare qualche lezione in cui univo Hanon + Czerny + Beyer, ma col risultato che poi mi confondevo tra questi ultimi due metodi proprio come impostazione delle dita.
Secondo voi conviene fare ad esempio una lezione con Hanon+Czerny e poi un'altra lezione (in un altro giorno) Hanon+Beyer? O solo questione di allenamento mentale?
Concludo dicendo che il mio obiettivo poter mettere le mani decentemente sul pianoforte e non diventare Mozart  :D . So che ci vorrebbe un allenamento giornaliero ma gi tanto se riesco a dedicarci 2 lezioni da un'ora ciascuna alla settimana.