0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Brego

Re:I miei studi sul Beyer
Aprile 11, 2021, 11:12:12 pm
Il 24 è risultato abbastanza "commestibile" e ne ho approfittato per migliorare l'articolazione e la tenuta del legato.
Visto e rivisto più volte l'ho quasi memorizzato e mi ritengo soddisfatto.
Mi butto sul n. 25 e inizio lo studio.
Premetto che il mio punto debole (almeno per ora) è il riconoscimento e l'esecuzione delle note (senza guardare i numeri).
Prima di iniziare lo studio aggiungo i numeretti che mancano e devo ammettere che se togliessi i numeri il riconoscimento della nota avviene, ma non la simultanea esecuzione.
Boh!? Vediamo...
Un passo alla volta; certo è che dovrò investire parte del tempo al riconoscimento e all'esecuzione contemporanea delle note.
Mi faccio coraggio, non si nasce "imparati":  l'importante è che questa passione continui nel tempo.
Buona musica.

Brego

Re:I miei studi sul Beyer
Aprile 14, 2021, 11:19:13 pm
....ccidempoli! Le prime 4 battute del secondo rigo sono spigolose e impegnative.
Non riesco ad unirle speditamente ad una velocità decente... :-\

*

guc

Re:I miei studi sul Beyer
Aprile 15, 2021, 09:36:31 am
Potresti aggiungere al tuo studio un pò di solfeggio.
Anche senza usare un libro dedicato, prima di suonare un brano te lo solfeggi un paio di volte.
Vedrai che in poco tempo avrai dei risultati eccezionali!

Brego

Re:I miei studi sul Beyer
Aprile 15, 2021, 01:06:49 pm
Ti ringrazio GUC, infatti prima di aggiungere i numeri vado a fare il riconoscimento delle note e al termine aggiungo i numerini.
Mi chiedo il lavoro che deve fare la mente nel:
1) Riconoscere la nota
2) Decidere quale dito corrisponde a quella nota
3) Pigiare il tasto corrispondente.

Meglio che non ci penso  :)
Grazie cmq a voi tutti per il vostro prezioso aiuto.
Buona musica.


*

guc

Re:I miei studi sul Beyer
Aprile 16, 2021, 09:01:41 am
Fai come reputi più opportuno.
Tieni solo presente che il solfeggio è un'altra cosa.
Vuol dire recitare il nome della nota rispettando il tempo della sua durata.
Ciò permette di sviluppare un riconoscimento immediato delle note e delle durate.


I numerini, invece, servono per attribuire le dita giuste alle note in modo tale da evitare che ti manchi qualche dito e da far assumere alla mano i movimenti più naturali possibili.


Siamo su due piani diversi: teorico e pratico.


...ovviamente entrambi utili!