Pianosolo Forum - Il forum sul pianoforte

Il cuore di Pianosolo => Tecnica => Topic aperto da: maria_pianista - Ottobre 16, 2013, 11:27:14 am

Titolo: Heller e Invenzioni a due voci
Inserito da: maria_pianista - Ottobre 16, 2013, 11:27:14 am
Qualcuno mi sa dire se il Heller e le Invenzioni a due voci di Bach possano essere abbastanza fattibili (livello Cesi Marciano, Duvernoy, Libro Anna Magdalena, per capirci)?

Titolo: Re:Heller e Invenzioni a due voci
Inserito da: antares - Ottobre 16, 2013, 01:29:33 pm
Heller dipende dall' opera..... le invenzioni... è un po prestino
Titolo: Re:Heller e Invenzioni a due voci
Inserito da: pianoforteverona - Ottobre 24, 2013, 09:58:56 am
Heller op.47 "Venticinque studi per il ritmo e l'espressione" va benissimo: è una preparazione al repertorio romantico, sono pezzi piacevoli e danno soddisfazione.
Le Invenzioni a due voci di Bach si possono iniziare dopo il "Libro di Anna Magdalena" se l'hai studiato bene.
Titolo: Re:Heller e Invenzioni a due voci
Inserito da: Christian - Ottobre 24, 2013, 10:39:56 am
Io mi ricordo che prima di passare dal libro di Anna alle invenzioni, sono passato per i 23 pezzi facili di Bach, che iniziano ad essere tostini, anche perché alcuni di quei pezzi sono presi direttamente dalle Suite Francesi.
Titolo: Re:Heller e Invenzioni a due voci
Inserito da: maria_pianista - Ottobre 24, 2013, 09:56:03 pm
Grazie!
Non avevo intenzione di iniziarli io per ora. È che invece mia figlia ha cominciato a studiarli, la sento suonare e mi sembrano tanto carini. E mi ha fatto invidia.  :D
Ma per ora aspetto. Io sono lenta come una tartaruga.
Titolo: Re:Heller e Invenzioni a due voci
Inserito da: pianoforteverona - Ottobre 25, 2013, 09:28:59 am
Io mi ricordo che prima di passare dal libro di Anna alle invenzioni, sono passato per i 23 pezzi facili di Bach, che iniziano ad essere tostini, anche perché alcuni di quei pezzi sono presi direttamente dalle Suite Francesi.

Sono d'accordo, Christian, anche io ho studiato i "23 pezzi facili" (che in realtà non sono poi così facili...). Però nel "Libro di Anna Magdalena", nella versione completa (così come riportato nella edizione Henle, ad esempio) c'è già una ricca esposizione di difficoltà progressive, ad esempio pezzi che sono scritti con la tecnica della "invenzione a due voci" (però più semplici delle 15 della raccolta omonima) e poi ci sono Corali, melodie accompagnate, movimenti di suites; troviamo persino il primo preludio del "Clavicembalo ben temperato" e l'Aria delle Variazioni Goldberg. Per questo motivo ho suggerito che, se si è studiato veramente bene questo libro, si è poi maturi per passare direttamente alle Invenzioni a due voci. Ma certo la raccolta intitolata "23 pezzi facili" (che è un'antologia di pezzi vari) è sempre consigiliabile come integrazione.