0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Arpège

Re:Hanon: pro o contro?
Dicembre 08, 2010, 11:16:05 pm
Due anni di Hanon, incremento progressivo della velocità, nessun problema alle mani...mi pare sia stato detto tutto. Da usare sempre, ma con moderazione...non potrei farne a meno

Baobab

  • Visitatore
Re:Hanon: pro o contro?
Gennaio 03, 2011, 12:29:05 am
[...] devo imparare l'educazione [...]
Ultima modifica: Gennaio 03, 2011, 12:32:24 am da Giulio

Pianorganist

Re:Hanon: pro o contro?
Gennaio 03, 2011, 05:32:37 pm
Salve.
Anatres, mi spiace dirlo ma per uno che fa il Gradus (di Clementi, suppongo), certe affermazioni e superficialità non me l'aspetto.
Chiunque dica che Hanon è noioso, ripetitivo, sui soli tasti bianchi, poco musicale, ecc, ecc, mi sa che di tecnica pianistica ne avrà capito ben poco. Senza offesa per nessuno, eh.
Hanon è un OTTIMO strumento che non mira a sviluppare la musicalità di ognuno di noi .. bensì mira a sviluppare 4 caratteristiche importantissime e fondamentali per lo studio corretto e l'applicazione corretta della tecnica pianistica: forza, indipendenza, perfetta uguaglianza del suono, agilità .. oltre a rinforzare le dita. Hanon non serve solo a "scaldare le mani" .. anche perchè, per scaldare le mani posso benissimo farmi tutte le scale maggiori, minori, per moto retto, contrario, terza, sesta, doppia terza, doppia sesta nell'estensione di quattro ottave (dove è possibile). Hanon, infatti, va studiato in un primo momento molto molto lentamente curando: affondo (forza), articolazione, peso del braccio e perfetta uguaglianza del suono. Un trasporto di mezzo tono e un tono sopra e sotto non farebbe male. L'applicazione delle varianti, non farebbe male. In un secondo momento (dopo averlo fatto in questo modo per un bel po' di tempo ..), quando si padroneggiano queste prime caratteristiche, si potrebbe iniziare ad accellerarlo per sviluppare la caratteristica mancante (agilità). E va fatto con consapevolezza (e non meccanicamente .. sennò non serve a nulla) tutti i giorni. Almeno fino al compimento inferiore. Ciò non toglie che sarebbe opportuno farlo anche sino al X. la teoria "per riscaldarmi faccio meglio Bach" è una teoria insensata perchè, coem ho appena detto, non è questione di riscaldarsi le mani.
Saluti.

Beeth125

Re:Hanon: pro o contro?
Gennaio 03, 2011, 06:02:22 pm
Salve.
Anatres, mi spiace dirlo ma per uno che fa il Gradus (di Clementi, suppongo), certe affermazioni e superficialità non me l'aspetto.
Chiunque dica che Hanon è noioso, ripetitivo, sui soli tasti bianchi, poco musicale, ecc, ecc, mi sa che di tecnica pianistica ne avrà capito ben poco. Senza offesa per nessuno, eh.
Hanon è un OTTIMO strumento che non mira a sviluppare la musicalità di ognuno di noi .. bensì mira a sviluppare 4 caratteristiche importantissime e fondamentali per lo studio corretto e l'applicazione corretta della tecnica pianistica: forza, indipendenza, perfetta uguaglianza del suono, agilità .. oltre a rinforzare le dita. Hanon non serve solo a "scaldare le mani" .. anche perchè, per scaldare le mani posso benissimo farmi tutte le scale maggiori, minori, per moto retto, contrario, terza, sesta, doppia terza, doppia sesta nell'estensione di quattro ottave (dove è possibile). Hanon, infatti, va studiato in un primo momento molto molto lentamente curando: affondo (forza), articolazione, peso del braccio e perfetta uguaglianza del suono. Un trasporto di mezzo tono e un tono sopra e sotto non farebbe male. L'applicazione delle varianti, non farebbe male. In un secondo momento (dopo averlo fatto in questo modo per un bel po' di tempo ..), quando si padroneggiano queste prime caratteristiche, si potrebbe iniziare ad accellerarlo per sviluppare la caratteristica mancante (agilità). E va fatto con consapevolezza (e non meccanicamente .. sennò non serve a nulla) tutti i giorni. Almeno fino al compimento inferiore. Ciò non toglie che sarebbe opportuno farlo anche sino al X. la teoria "per riscaldarmi faccio meglio Bach" è una teoria insensata perchè, coem ho appena detto, non è questione di riscaldarsi le mani.
Saluti.

Quoto anche le virgole

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3102
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
Re:Hanon: pro o contro?
Gennaio 03, 2011, 06:24:18 pm
vero avevo parlato a sproposito... l'hanon l'ho fatto in tutte le salse con senza varianti ritmiche lento veloce.. per 6/7 anni.... cmq continuo a preferire il Beringer all'Hanon
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so

*

gabry081

Re:Hanon: pro o contro?
Gennaio 09, 2011, 02:55:10 am
Non posso che quotare con Pianorganist per l'Hanon! in 5 mesi circa che lo uso (Sono all'esercizio 12) non ho avuto problemi, e ho notato notevole agilità delle dita e appunto forza.. cosa che prima non avevo.. poi è vero che aiuta molto nell'indipendenza delle dita! per avermelo dato la mia insegnante, dicendomi che lo farò per tutta la vita (Aihmè X_X)  un motivo ci sarà!  :)
Perché la musica è la ragione di vita per molti.
Perché la musica ti fa girare la testa, ti fa piangere, sorridere, urlare, pensare.
Perché la musica ti fa vivere momenti stupendi e ti consola nei momenti più brutti
Per questo amo la musica,perché un giorno io vorrei fare la musica e fare emozionare

jjeeffyyee

Re:Hanon: pro o contro?
Gennaio 14, 2011, 04:03:19 pm
Io sono un maestro di pianoforte Americano che vive a La Maddalena in Sardinia.  Io uso Hannon nel mio insegnamento ma in maniera molto diversa e funziona molto bene con i miei allievi.  Uso gli esercizi in maniera molto creativa.  Suono un accompagnamento (solitamente cosi / I9 - - - / ii9 - - - / iii9 - - - / IV7 - - - / V7 - - - / ecc ...).  Insomma, accompagno l'allievo mentre suona, in questo modo, posso spingere il tempo più o meno veloce, posso accenturare diverse semicrome nel accompagnamento aiutando l'allievo ad accentuare diverse ditta.  Facciamo gli esercizi in diverse tonalità.  Cambiamo i ritmi, invece di semicrome facciamo croma puntato più semicroma o viceversa.  Beh, bisogna utilizzare la creatività.  Se no, diventano soltanto esercizi noiosi.  Insegno anche bambini piccoli, quindi l'ultima cosa che voglio fare è di rendere la lezione noioso.
Jeff Edes

Daniele Lagatta

Re:Hanon: pro o contro?
Gennaio 16, 2011, 01:54:17 am
Non conosco l'Hanon se non per i video in cuo Christian lo presentava =P
credo cmq che tutto sta nelle capacità dell'insegnante di prendere da ogni libro ciò che c'è di buono ed utile...il mio prof ad esempio mi fa usare il Lebert (qual'è il vostro parere su lebert? mi piacerebbe sapere di più) però a tutti gli effetti dei 67 capitoli non facciamo tutti, alcuni poi vengono sostituiti con altri libri, ecc. quindi sinceramente credo che qualsiasi libro può essere funzionale ad un pianista, l'importante è non fossilizzarsi...