0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

ABM

Grandes Útudes de Paganini, S. 141 n 6
Novembre 28, 2019, 03:50:06 pm
Salve a tutti,
Ho iniziato a studiare e dato un'occhiata allo spartito di questo studio che, personalmente, amo.
Mi rivolgo a chi ha studiato questo pezzo e a chi lo conosce o a chi piacerebbe studiarlo.
 Sar˛ breve. La mia domanda Ŕ, a vostro parere, paragonandolo agli studi di Chopin e a La Campanella, questo studio dove lo collocheremmo? Tecnicamente li ritenete molto impegnativo o c'Ŕ di peggio? A livello tecnico Ŕ inferiore o al pari della Campanella?
Comunque, pi¨ in generale (anche per chi non lo conosce) cosa ne pensate?
A presto ragazzi👋
Buono studio😝😝
ABM
Ultima modifica: Novembre 28, 2019, 03:52:54 pm da ABM
"La musica Ŕ un diritto,
ma soltanto per colui che la merita"
Arturo Benedetti Michelangeli

*

Pianoth

Re:Grandes Útudes de Paganini, S. 141 n 6
Novembre 28, 2019, 11:27:36 pm
Gli studi di Chopin non sono tutti della stessa difficoltÓ, inoltre Chopin generalmente ha un tipo di difficoltÓ diversa rispetto a Liszt, Ŕ un po' personale la questione se Ŕ pi¨ difficile uno o l'altro.
Tra la campanella e il sesto studio invece, almeno secondo me, Ŕ pi¨ difficile il sesto, ma di poco, specialmente considerando che molte variazioni in realtÓ sono piuttosto semplici. Le ultime pagine della campanella inoltre sono molto impegnative.
Aldo Roberto Pessolano (aka Pianoth Eak˛s Shaveck)
Canale youtube | Ascoltarmi suonare dal vivo su twitch!
Supporta il mio contributo

*

ABM

Re:Grandes Útudes de Paganini, S. 141 n 6
Novembre 29, 2019, 05:00:58 pm
Ciao Pianoth,
Concordo pienamente con quanto affermato da te riguardo agli studi di Chopin mi accorgo ora che Ŕ stato un po' sciocco paragonare l'intera opera degli studi (certi sono pi¨ facili, certi pi¨ difficili: tra l'altro non ne ho affrontati molti😁😁😂) a uno di un altro compositore. Personalmente preferisco certe difficoltÓ lisztiane, come le ottave veloci alla tecnica "piccola" passatemi il termine ma spero di aver reso l'idea riguardo alla tecnica chopiniana.
Mi piacerebbe, inoltre, ricevere dei consigli sulle terze veloci della variazione n 6 alla sinistra: le fai con 4-2?! SarÓ che Ŕ da un po' che non esercito le scale di doppie terze con quella diteggiatura e a quella velocitÓ (la nuova insegnante non mi fa fare molti esercizi).
Attendendo una tua risposta, ti saluto.
ABM


"La musica Ŕ un diritto,
ma soltanto per colui che la merita"
Arturo Benedetti Michelangeli

*

Pianoth

Re:Grandes Útudes de Paganini, S. 141 n 6
Novembre 29, 2019, 11:01:32 pm

Tecnica "piccola"? A dire il vero, tra studiare gli studi di Chopin e quelli di Liszt, Ŕ meglio studiare quelli di Chopin, perchÚ sono molto pi¨ formativi: tutti i pianisti di un certo livello idealmente li dovrebbero affrontare tutti o quasi tutti.

Comunque, sempre 2-4 Ŕ la diteggiatura autentica di Liszt... Ma ti dico la veritÓ, quasi nessuno rispetta le diteggiature di Liszt in questi casi, specialmente ad alti livelli: anche in Mazeppa, Liszt mette 24 su tutte le terze delle prime pagine, il che limita moltissimo la velocitÓ massima possibile. Di conseguenza, ad alti livelli oggi non c'Ŕ nessuno che mette sempre 24 (o almeno, non che io sappia).
Quindi metti qualsiasi diteggiatura, l'importante Ŕ che rendi l'effetto giusto, cioŔ di certo non devi andare a creare un legato con quelle terze.
Aldo Roberto Pessolano (aka Pianoth Eak˛s Shaveck)
Canale youtube | Ascoltarmi suonare dal vivo su twitch!
Supporta il mio contributo

*

ABM

Re:Grandes Útudes de Paganini, S. 141 n 6
Novembre 30, 2019, 05:36:25 pm
Grazie mille per i tuoi preziosi consigli,
Definendo la tecnica chopiniana "piccola" non volevo assolutamente riduttivo, anzi... certi studi chopiniani li trovo pi¨ difficili dello studio in questione. Semplicemente intendevo che gli studi di Chopin implicano un'apertura minore della mano rispetto agli studi di Liszt in cui, ottave e accordi, richiedono una continua grande apertura.
Riguardo le terze, mi domandavo giusto come qualcuno riuscisse a usare la diteggiatura originale😁😁😂😂.
Ti ringrazio ancora per la tua disponibilitÓ e ti auguro un buon weekend,
ABM
"La musica Ŕ un diritto,
ma soltanto per colui che la merita"
Arturo Benedetti Michelangeli