0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

lukas82

Domanda su testo di studi non troppo noioso...
Aprile 26, 2013, 09:16:49 pm
Innanzitutto, visto che sono nuovo del forum ciao a tutti :) Allora la domanda è la seguente : finora ho studiato solo sull'hanon (che ho messo da parte, lo uso solo per scale e arpeggi) e l'op. 299 di Czerny, che sinceramente, almeno per i miei gusti personali, trovo alquanto noioso.Ora...sono consapevole che gli studi di tecnica, perlomeno ad un livello medio basso siano noiosi per forza di cose,ma sapete consigliarmi un testo adeguato al mio livello e un pò piu divertente? Pensavo di acquistare "24 studi di facile meccanismo" Di Pozzoli...voi cosa ne pensate?Per quanto riguarda il lvl tecnico diciamo che sto studiando le invenzioni a 2 voci di bach, ho fatto una sonata di haydn (quella "facile" in Do Maggiore hobXVI/50 se non sbaglio...ma potrei confondermi con un altra in Do maggiore che è invece difficilissima), e 2 valzer di chopin. Grazie in anticipo per le risposte :)

fkt

Mi sembra che tu abbia un approccio didattico un po' confuso, spero che il tuo maestro non ti faccia pagare :)

lukas82

in realtà è da un anno che vado avanti da solo...ma tra un pò ricomincerò le lezioni. :) in che senso "confuso"?Pensi che i brani siano di difficoltà molto diverse tra loro? comunque anche quando andavo a lezione pagavo poco :P

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3102
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
io fossi in te proverei con i preludi ed esercizi di Clementi abbinato a il mikrokosmos vol III però ti avverto che non sono studi "comuni"
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so

l.golinelli

Io ti consiglio Czerny op. 636  ;)

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3102
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
la 636 dopo la 299??  non mi sembra proprio il caso... la 636 è più semplice
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so

lukas82

Tra l'altro è sempre Czerny...utile ma noioso :P

fkt

in che senso "confuso"?Pensi che i brani siano di difficoltà molto diverse tra loro?

Non propriamente, nel senso che non ci vedo quella varietà necessaria per formarsi nei diversi ambiti…magari annoiandosi meno :)
Ad esempio:
Hanon non si usa per scale e arpeggi…al massimo anche per scale e arpeggi, ma uno che lo prende lo fa per risolvere un determinato tipo di problemi (di solito preliminari).
Sostanzialmente non lo usi, per cui perché noiso? Inoltre, come studi scale e arpeggi? Di fatto nulla è veramente noioso, al massimo ci sono approcci che possono portare a noiosità.

E in effetti:

sapete consigliarmi un testo adeguato al mio livello e un pò piu divertente?

Se la risposta fosse

Pensavo di acquistare "24 studi di facile meccanismo" Di Pozzoli...voi cosa ne pensate?
Non ci troverai molto di più che scale ed arpeggi…

Proseguendo:

invenzioni a 2 voci di bach
sonata di haydn (quella "facile" in Do Maggiore hobXVI/50 se non sbaglio...ma potrei confondermi con un altra in Do maggiore che è invece difficilissima),
2 valzer di chopin.
A parte non capire come uno si possa confondere su un ‘opera che ha scelto e studiato a fondo…

…vedo i tuoi contenuti didattici su 2 fronti: tecnica e repertorio.

-la tecnica non è fatta solo di scale e arpeggi
-manca completamente l’argomento “studi”
- il repertorio è variegato sufficientemente ma, come già detto, non supportato da approfondimenti specifici.

L’espressività chiesta da Chopin richiede di passare almeno dagli studi di Heller, in prima battuta, e poi Cramer più in la

La difficoltà contrappuntistica delle invenzioni a 2 voci di Bach dovrebbe essere preceduta da approfondimenti su opere più semplici … non so se ci sei passato

Pr Haydn servirebbero studi più tecnici e meno espressivi tipo Czerny o Clementi (come giustamente ti è stato già suggerito).

… non so quanto tu faccia di lettura a prima vista, trasporto e improvvisazione.

Ottimo Bartok, anche per uscire un po' dalla tonalità e abituarsi a linguaggi con sintassi diversa.
Ultima modifica: Maggio 02, 2013, 03:14:52 pm da fkt

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3102
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
concordo pienamente con ftk se sei partito subito dai contrppunti delle invenzioni a 2 voci nn è una grande idea io per fare una cosa più equilibrata sarei partito dal libro per anna magdalena bach possibilmente non revisionato o dai 23 pezzi facili.... e si sulla tecnica e studi concordo in pieno.... e ribadisco la mia idea su Clementi e Czerny
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so

lukas82

ho già studiato qualcosa dai 23 pezzi facili di bach...la musette in re, i due minuetti in sol maggiore e qualcos'altro...altrimenti le invenzioni a due voci non penso sarei riuscito a farle "decentemente"...l'opera di haydn è la hobXVI/1 in do maggiore non avevo il testo sottomano e non mi ricordavo...comunque sui valzer di chopin vi do pienamente ragione, ho studiato l'op 69 n 2 e l'op. 34 n 2 ma avevo la sensazione di "premere i tasti" e non di suonare...probabilmente dovrei affrontare chopin piu in là (anche se me li ha fatti studiare il mio maestro).Per gli studi purtroppo sto cercando di recuperare perchè ho avuto la prima insegnante di pianoforte decisamente incompetente, dopo 1 anno e mezzo di lezione mi ha fatto fare due studi dall'op 740 di czerny...tra cui uno sulle doppie terze...il 10 mi pare.ovviamente andavo pianissimo e mi uscivano male, poi ho cambiato insegnante e mi disse che andava messa in galera (scherzando ovviamente).Diciamo che l'approccio iniziale è stato un pò confusionario...ma sto cercando di rimettermi in riga :)
Ultima modifica: Maggio 02, 2013, 06:05:59 pm da lukas82

lukas82

Bach invention n 7 in E minor

ecco qui suono l'invenzione a 2 voci n 7...penso che non sia malaccio :)

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3102
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
coooooooooooooosa !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! l' Op. 740 dopo un anno e mezzo?!?!?!?!??!?! ora quello sulle doppie terze lo conosco bene l'ho fatto pure io il 10 ora mi sfugge quale sia meno male non ti ha dato l'8 per la sinistra sennò te la rovinava.... si l'op 740 è decisamente esagerato è almeno da 3° quelli più semplici, 4-5 gli altri alcuni li fanno fare pure al 6°...
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3102
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
l'invenzione non viene malaccio devi differenziare meglio le voci, su alcuni deteche ( o come accidenti si scrive) ho qualche perplessità staccati che io farei più appoggiati e viceversa quello che stona un po è quel trillo.... troppo forte...
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so

lukas82

guarda lasciamo perdere che è meglio...l'8 tra l'altro me l'aveva fatto iniziare...è quello con la sinistra che fa la stessa figurazione per tutto il brano no?...dopo 2 battute mi faceva male la mano e l'abbiamo abbandonato...roba da pazzi.Comunque mi aveva fatto fare il primo, che in realtà non è difficilissimo ma era comunque troppo per me, il 10 che è quello sulle doppie terze e l'8 per l'appunto.Il trillo che stona intendi quello acuto della mano dx o quello basso della mano sx?

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3102
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
quello nella destra sicuro non finito di vedere il video ma classicamente i trilli della sinistra sono peggio quindi immagino pure quello..... ah si mi stavo confondendo non tocco czerny da 6 anni almeno.... si l'8 è bestiale lo portai all'esame di 5° e quando lo stavo facendo in velocità l'8 ogni tanto la mia insegnante mi chiedeva come andava :D ma problemi tecnici non ne ho mai avuti e l'8 anche in velocità non mi dava grossi problemi ma sempre un 5° anno ero al tempo non 1-2°.... il 10..... fare le doppie terze legate non è una passeggiata per niente....

per il primo fatto lento è facile se devi farlo al tempo segnato da Czerny o poco sotto visto quei tempi sono quasi impossibili a volte il 1° studio cambia completamente musica e ti assicuro è bello faticoso...
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so