0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

deneb

studio pianoforte
Ottobre 25, 2011, 12:13:31 am
salve,
da piccolo avevo fatto un annetto di pianoforte, e mi era sempre piaciuto ricominciare, finalmente mi sono deciso a comprare una tastiera e da circa un mese ho ricominciato a studiare. Ho iniziato la pirma settimana facendo un po di esercizi di postura e solfeggio. Poi ho iniziato il Beyer e dopo un po anche il Cesi-marciano. Attualmente sono arrivato al 25 del beyer, il primo brano del cesi-marciano l'ho imparato abbastanza bene (con il metronomo a 75 riesco senza intoppi)  e sto studiando il secondo pezzo. Nel frattempo continuo con il solfeggio sia sul bona, che viene spesso consigliato in questo sito, che su un libro che ho trovato in casa che si chiama "esercizi progressivi di solfeggi parlati e cantati" di nerina poltronieri che mi sebra molto utile perché alterna chiave di violino a quella di basso sullo stesso esercizio.

Nella mia sessione di studio in genere faccio uno/due esercizi di solfeggio, poi faccio un po' di scale con entrambe le mani(separate e unite) sia su una che su piu ottave, faccio qualche esercizio di arpeggio, poi mi faccio 2/3 esercizi del bayer e i due brani del cesi-marciano, il primo perché mi da gusto che l'ho imparato e il secondo lo ripeto diverse volte perché ho ancora qualche difficoltà.

Secondo voi posso continuare così per un po'? devo introdurre qualche altro metodo contemporaneamente agli altri due? dovrei introdurre altri esercizi?  grazie!! :)

*

Christian

  • Administrator
  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 1355
  • Tutti i corsi approfonditi: https://www.pianosolo.
Re:studio pianoforte
Ottobre 26, 2011, 07:34:53 pm
Ottimo programma il tuo! :) Secondo me va benissimo così, davvero... aspetterei di finire il Beyer prima di aggiungere altra carne al fuoco! ;)
Tutti i corsi di pianoforte approfonditi: https://www.pianosolo.it/shop/

*

pianoforteverona

Re:studio pianoforte
Ottobre 27, 2011, 06:55:23 pm
Complimenti per il tuo programma e per la tua tenacia. Anche io ti confermo che va bene così, a meno che tu stesso non abbia qualche altro desiderio. Ad esempio, qualche lettura a prima vista.
Ciao!
Soddisfa il tuo bisogno di fare musica attivamente, per il tuo benessere.
Suonare Cantare Star bene

deneb

Re:studio pianoforte
Novembre 03, 2011, 02:04:56 pm
Grazie delle risposte. Continuerò ancora un po' così... l'unica cosa che mi sto rendendo conto è che la mano sinistra si muove un po' scomposta spesso... forse è normale essendo io destro, quindi voglio trovare qualche esercizio in più da fare con la sinistra.

*

pianoforteverona

Re:studio pianoforte
Novembre 07, 2011, 01:06:35 pm
La sinistra è un problema per tutti i "destri". Un medico mi disse, quando ero ragazzo, che sono un "destro puro", cioè con una forte differenza di abilità. Tuttavia, l'esercizio fa grandi cose. Io mi sono abituato da sempre a studiare prima la sinistra, poi la destra.
Soddisfa il tuo bisogno di fare musica attivamente, per il tuo benessere.
Suonare Cantare Star bene

deneb

Re:studio pianoforte
Dicembre 07, 2011, 12:26:20 am
Sono arrivato all'esercizio 40 del beyer e al quinto brano del cesi-marciano... sembra proprio che gli esercizi iniziano a farsi complicati  :P


*

Christian

  • Administrator
  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 1355
  • Tutti i corsi approfonditi: https://www.pianosolo.
Re:studio pianoforte
Dicembre 07, 2011, 09:00:57 am
Eh si, man mano che si va avanti le cose si fanno più difficili ;) In ogni modo io sono mancino e sono messo male allo stesso modo! :D :D
Tutti i corsi di pianoforte approfonditi: https://www.pianosolo.it/shop/

deneb

Re:studio pianoforte
Dicembre 14, 2011, 01:01:52 am
ok, ora mi viene un 'altra domanda, sono ancora sul pezzo 5 del cesi-marciano. Che ho iniziato la settimana scorsa, ora a mano separate va benone, a mane unite lo faccio lentamente, ma mi rendo conto che il miglior progresso l'ho ottenuto perché i passaggi più difficili a forza di farli li ho memorizzati ed ho evidentemente anche meccanizzato qualche movimento delle mani. Ora mi chiedo, ai fini didattici, è normale? va bene? o forse è bene che io continui con esercizi più semplici in modo che riesca a farli senza imparare il pezzo?

Massimiliano1

  • Visitatore
Re:studio pianoforte
Dicembre 14, 2011, 09:50:37 am
Impressionante...è come se avessi scritto io il topic, secondo me ci somigliamo molto nel pianoforte.
Comunque riguardo al primo topic: 1- è già tanto quello che fai, non aggiungere altro che dopo le cose si faranno difficili e sarà un problema rispettare le consegne quindi rimani come sei per adesso. 2- non alzare la velocità, mantieni il metronomo a un livello adeguato alle tue possibilità e impegnati a comprendere la ritmica e a "incastrare" ogni nota nel giusto spaazio temporale (la velocità è solo una questione di sicurezza, quando riesci a suonare correttamente a tempo significa che hai padronanza sul brano e di conseguenza la velocità poi viene da se. Una volta che hai suonato correttamente a tempo non ha più senso restare sull'esercizio, anche perché la memoria umana da il meglio di se "a riposo"; durante il sonno il cervello compie una deframmentazione tipo quella dei computer sistemando le informazioni raccolte durante la giornata, quindi più è stata corretta e lineare l'esecuzione il giorno prima, più ottieni sicurezza il giorno dopo)

Massimiliano1

  • Visitatore
Re:studio pianoforte
Dicembre 14, 2011, 09:57:49 am
Per il secondo post: inevitabile...finché non impari a suonare a prima vista (cosa che ottieni dopo parecchio tempo da quanto mi hanno detto) è inevitabile memorizzare quello che fai a furia di insistere, ma guarda il lato positivo: significa che la tua memoria risponde bene e alla fine è questo che conta, per cui non direi proprio che ciò vanifichi l'esercizio. Anche io ho difficoltà nella lettura a prima vista, ma se ti guardi attorno in internet troverai che non si parla d'altro. E' uno dei limiti meno sopportati da noi principianti, però alla fine TUTTI ci arrivano, anche quelli che suonano per hobby, è solo qestione di pratica.

*

sergiomusicale

Re:studio pianoforte
Dicembre 14, 2011, 10:29:52 am
Mi complimento con deneb per la forza di volontà e la determinazione, io credo che solo con gli esercizi avrei dato di matto  :o  , per questo alterno esercizi (Beyer, Hanon etc etc ) con lettura a prima vista di tutto quel che capita, utilizzando anche spartiti con sigle degli accordi -sono quelli che mi riescono meglio e mi illudono di essere più bravo di quel che sono  ;) - rispondendo poi a Horowitz vorrei sottolineare come sono diversi i comportamenti dei Maestri, ognuno è diverso dall'altro, un pò per la propria formazione e carattere, ed un pò per cosa si trova di fronte come allievo, ed è questo il bello della formazione fatta con il Maestro, non è fissa ed inamovibile, ma multiforme e flessibile e, se il Maestro è valido, offre la formazione migliore.

Massimiliano1

  • Visitatore
Re:studio pianoforte
Dicembre 14, 2011, 10:59:50 am
cioé?
non ho capito a cosa mi rispondi, le mie non sono considerazioni dell'insegnante, sono proprio principi mentali universali ^^, per un periodo mi sono appassionato alla psicologia e ho imparato ad applicare alcuni fondamentali al mio studio
Ultima modifica: Dicembre 14, 2011, 11:05:33 am da Horowitz

*

sergiomusicale

Re:studio pianoforte
Dicembre 14, 2011, 03:09:10 pm
Scusa Horowitz, ho mescolato due post diversi, parte della risposta che ho dato in questo si riferiva in realtà al post sullo stress da studio :
http://forum.pianosolo.it/di-tutto-e-di-piu/stress-da-studio-3123/
quando affermi rispondendo a deneb e rivolto al tuo insegnante: "Ha detto proprio il contrario a me" ... per questo ho affermato l'esistenza di diverse linee di pensiero.  ::)

Massimiliano1

  • Visitatore
Re:studio pianoforte
Dicembre 14, 2011, 05:55:11 pm
ah lol ok. [SPOILER]Personalmente credo che la tecnica vada applicata a qualsiasi cosa, anche agli esercizi scemi (che scemi non sono visto che ci barcollo ancora sopra), per cui anche io sono d'accordo sul fatto di privilegiare la qualità alla quantità, ma nel caso mio penso che abbia detto questo perché di fatto rispondo meglio ai brani mentre creo blocchi mentali tali da non riuscire a suonare bene gli esercizi [/SPOILER]
Ultima modifica: Dicembre 14, 2011, 05:58:28 pm da Horowitz