Il cuore di Pianosolo > Tecnica

Difficoltà di lettura

(1/1)

Korim71:
Salve a tutti, alla tenera età di 50 anni ho finalmente deciso di avvicinarmi al sogno del pianoforte che avevo sin da piccolo
Un po in ritardo, ma come si dice, meglio tardi che mai. Sono partito con impegno ed entusiasmo, prendendo lezioni e all'inizio tutto procedeva bene,
lezione dopo lezione, mi stupivo dei progressi e di come riuscissi ad articolare le 10 dita con movimenti e tempi diversi, cosa che credevo sarebbe stata
la mia difficoltà più grossa. Tuttavia, dopo qualche mese, ho capito che il vero problema sarebbe stata la lettura, superata la difficoltà di decifrare 2 chiavi diverse, il doverle leggere contemporaneamente mi rimane impossibile e non vedo nemmeno il più piccolo miglioramento. Certo, dopo un solo anno di studio, sebbene mi sia sempre esercitato quotidianamente per un paio di ore sia con esercizi pratici che con il solfeggio, non posso avere grandi pretese, tuttavia,
o leggo e suono il pentagramma per la destra o quello della sinistra. tentare di leggerli insieme mi porta al risultato di non leggere nessuno dei due.
Purtroppo non ho altre esperienze con cui confrontarmi e anche l'insegnante è stupito di questa difficoltà, che a detta sua, non rappresenta una limitazione
per gli altri studenti. A questo punto ho sospeso le lezioni in attesa di superare questo scoglio, perchè arrivato a circa 3/4 del Beyer mi trovo sempre a dover imparare completamente a memoria gli esercizi finchè le dita riescano a ricordare e coordinarsi da sole. Questo modo di procedere, oltre a portarmi via tanto tempo, credo non sia buono per l'apprendimento, inoltre con l'aumentare della difficoltà, ricordare tutto a memoria diventa problematico e soggetto a errori ed emotività.  Avrei bisogno di qualche consiglio o suggerimento su come risolvere il problema, e magari sapere se c'è un metodo per riuscire a
leggere due pentagrammi contemporaneamente, perchè io non riesco minimamente a farlo e col solo supporto della memoria non riesco ad andare oltre.
Mi scuso se mi sono dilungato troppo e ringrazio chi mi risponderà, anche solo con un incoraggiamento, perchè mi sento in un vicolo cieco ma mollare sarebbe un gran dispiacere.

Pianoth:
Ciao, ti consiglierei il metodo "A prima vista", di J. Norris, rigorosamente suonando tutti gli esercizi senza mai guardare la tastiera, piuttosto sforzandoti di guardare solo ed esclusivamente lo spartito.

Korim71:
Grazie, proverò a farlo, sperando che mi possa aiutare.

Navigazione

[0] Indice dei post

Vai alla versione completa