0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

dylandog1987

beh devi considerare che parte del tendine del mignolo e dell'anulare è comune...
secondo voi devo prima imparare per bene questo primo esercizio e poi andare avanti? oppure qualche altra cosa posso farla?

mmax2

capito ma l'anello compromette la velocità del dito e di conseguenza della mano?parlo sempre della posizione dove si trova, cioè l'anulare sinistro

Io suono da 40 anni. Porto l'anello da 16. Non trovo differenze. Però questo è solo il mio parere personale, magari un concertista potrebbe valutare la cosa diversamente, non so, io sono un dilettante.
Massimo

*

Lorenzo221

finalmente ho messo le dita per la prima volta sul piano! devo ammetere di essere emozionato! per prima cosa ho provato la posizione come christian suggerisce alla sua seconda lezione. come posizione mi trovo bene e riesco a tenerla(certo ora se faccio errori non lo sò) i gomiti gli ho attaccati al fianco,braccia non troppo distese,palmo alto(come se una mela fosse sotto) mani leggermente verso l'esterno e dita ad arco!
dal video vedo che christian mentre suona una nota le altre 4 dita restano attaccate sui taati,mentre a me viene naturale staccarle!

Devi essere fisicamente e psicologicamente preparato, cosa che succederà col passare dello studio.
Il mignolo ha il tendine meno usato, per cui meno allenato, ma normalmente si riesce a portare al livello degli altri con gli anni.
L'anulare è il dito più odiato - in ambito pianistico - più insultato e più condannato a esercizi, per via del suo controtendine più potente dello stesso, ai nostri livelli (a meno che uno di voi non sia pollini) ci si ferma ali insulti e alcuni di voi ci fanno degli esercizi. I grandi pianisti ultra-ricchi possono permettersi un'operazione chirurgica che può agevolare il dito.
In ambito di preparazione psicologica c'è un lungo discorso che di solito non viene ascoltato, neanche da espertissimi. Bisogna considerare la lunghezza dei tasti, orizzontale, come un centro, e bisogna comportarsi come un automa meccanico (almeno per adesso  ;) ), di solito si tende ad avvicinare il dito con il quale si suona oltre il "centro" e allontanare più o meno all stesso modo le altre dita dal centro. Invece bisogna allontanare verso l'alto, il dito che deve suonare e riabbassarlo quasi a peso morto oltre il centro. E quindi facendo caso, come farebbe un automa immaginato, con dei meccanismi e ruote dentate dentro la mano, terminanti con dita fatte per battere.
Dopo il silenzio, ciò che più si avvicina a esprimere l’ineffabile è la musica.
E. Jabès

dylandog1987


adesso sto migliorando parecchio rispetto ai primi giorni, facendo moltissimi esercizi con il beyer e sono all'esercizio 8 dove devo suonare con entrambe le mani(vabbè con la sinistra uso solo il sol e della durata di 4/4 :D) , ma sto cominciando ad avere le mie prime soddisfazioni :) per fortuna sono molto paziente e quindi fino ad adesso è un piacere. inoltre sto anche studiando la teoria con il libro di luigi rossi.

grazie :)
Ultima modifica: Agosto 16, 2012, 01:22:56 pm da dylandog1987

*

Christian

  • Administrator
  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 1335
  • Tutti i corsi approfonditi: https://www.pianosolo.
dylandog1987,

è vietato come da regolamento rispondere all'ultima risposta con il comando citazione. Rende meno scorrevole la lettura. il comando citazione è fatto per rispondere ad un utente che ha risposto almeno 2 post prima. Per rispondere all'ultimo messaggio c'è il tasto rispondi

Per rispondere all'ultimo post quindi utilizzare il tasto "Rispondi":



Grazie.
Tutti i corsi di pianoforte approfonditi: https://www.pianosolo.it/shop/

dylandog1987

hai ragione.scusa christian  ;D

quindi oltra al rossi mi consigli il Bona??? perchè io ce l'ho.
ma se non sbaglio sono entrambi di teoria musicale vero? o cambia qualcosa?

*

Christian

  • Administrator
  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 1335
  • Tutti i corsi approfonditi: https://www.pianosolo.
;)

E' ottimo il Rossi! Però è solo di teoria. Il Bona è anche pratico ma.. a mio parere hanno voluto strafare unendo teoria e solfeggio, creando un metodo incompleto.
Tutti i corsi di pianoforte approfonditi: https://www.pianosolo.it/shop/

dylandog1987

allora mi servono due consigli:
1)un buon libro solo per il solfeggio
2)un libro di esercizi come il beyer(quindi per super principianti)

grazie chr  :)istian

*

Christian

  • Administrator
  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 1335
  • Tutti i corsi approfonditi: https://www.pianosolo.
Per solo solfeggi: va benissimo il pozzoli... 1° corso o 2° o 3° in base al tuo livello.

Un libro con solo esercizi per principianti... potrebbe andare bene il Berens Op.70 ;)
Tutti i corsi di pianoforte approfonditi: https://www.pianosolo.it/shop/

dylandog1987

grazie. provvedo subito per averli! :)