0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

PianoR

Chopin op. 9 n.2 - "gruppetto" finale
Luglio 15, 2022, 11:08:55 pm
Mi chiedevo se per portare a velocitÓ il "gruppetto" finale ripetuto  DOb-SIb-DO-LA e renderlo fluido, sia sufficiente aumentare progressivamente la velocitÓ (magari con metronomo sull'intero gruppo) nel corso di pi¨ giorni/settimane. Oppure se sia necessaria/opportuna qualche metodologia diversa di lavoro.
Ovvio che mi riferisco a chi, come me, ha imparato a strimpellare il brano  :'( .
Suppongo, infatti, che chi sia all'ottavo anno di pianoforte (ho letto da qualche parte che il brano richieda questa esperienza pianistica) esegua il gruppetto in modo adeguato.
Grazie


[size=78%]   [/size]

*

Pianoth

Re:Chopin op. 9 n.2 - "gruppetto" finale
Luglio 15, 2022, 11:57:23 pm
Pu˛ essere d'aiuto percepire come se i gruppi di 4 note partissero dal pollice, invece che dal medio. Per il resto, Ŕ una questione di tecnica, quindi Ŕ difficile aiutarti senza avere idea di come metti le mani sul pianoforte. Con una buona tecnica, non Ŕ neanche un passaggio che richiede alcuno studio, una volta lette le note dovrebbe venire e basta. L'unica cosa sensata che puoi provare a fare per forzare la velocitÓ Ŕ la classica scalata metronomica, come tu stesso hai scritto, ma se stai rigido ottieni un suono terribile e probabilmente ti stanchi pure, quindi fai attenzione.

PianoR

Re:Chopin op. 9 n.2 - "gruppetto" finale
Luglio 16, 2022, 12:56:30 am
Il problema Ŕ esattamente liberarsi della rigiditÓ.
Nel suo testo "I fondamenti dello studio del pianoforte!, Chang scrive che per ottenere velocitÓ bisogna cambiare paradigma, come se un cavallo passasse dal trotto al galoppo. Un trotto veloce non ha senso.
Peccato che poi non spieghi come fare!  ;D
Posso chiederti cosa intendi col percepire che i gruppi di 4 note partano dall'1 invece che dal 3?


 

*

Pianoth

Re:Chopin op. 9 n.2 - "gruppetto" finale
Luglio 16, 2022, 10:03:04 am
Ti rispondo con un video per maggiore chiarezza.
https://www.youtube.com/watch?v=2MMtADWOD5I

PianoR

Re:Chopin op. 9 n.2 - "gruppetto" finale
Luglio 16, 2022, 04:27:34 pm
Grazie per la spiegazione. E' tutto chiaro!
Provo a imitare il movimento del polso sull'intera quartina partendo dal LA e ponendo l'accento sul DOb. Spero di portarlo a velocitÓ.
Vedo che hai anche tu un digitale Kawai (suppongo come muletto).
Hai avuto problemi con i tasti? Sul mio CA97 oramai diversi tasti sono inceppati. Devo farli sistemare, oppure farlo io. Devo sostituire i pad su almeno una decina di tasti!

*

Pianoth

Re:Chopin op. 9 n.2 - "gruppetto" finale
Luglio 17, 2022, 04:14:19 pm
Ho qualche problema anche io, ma Ŕ normale, tutti i pianoforti digitali dopo qualche anno iniziano a sviluppare alcuni problemi, ai tasti o anche alla pedaliera. Conviene farli sistemare da un tecnico ma alcune cose tecnicamente non dovrebbe essere complicato sistemarle da soli

PianoR

Re:Chopin op. 9 n.2 - "gruppetto" finale
Agosto 27, 2022, 05:33:33 pm
Imitando il movimento del polso sull'intera quartina che mi hai mostrato in video ho raggiunto un movimento fluido e a velocitÓ (sebbene ancora minore della tua).
Grazie Pianoth!
Vorrei gentilmente chiederti un altro consiglio.

Premetto che il brano eccede le mie capacitÓ e che il mio Ŕ un approccio "hobbistico" al brano. Tuttavia, sono arrivato a battuta 24 e riesco a "suonicchiare" a velocitÓ 62 di metronomo alla croma senza eccessivi patemi.
C'Ŕ tuttavia un punto che mi sta facendo penare, la battuta 16:



Precisamente quando devo passare al bicordo (FA-RE) sul basso e contemporaneamente LAb sulla chiave di violino. Ci˛ accade perchŔ suonando in velocitÓ i 32-esimi non riesco a tenere sott'occhio l'intera tastiera, e non riesco a "beccare" tutte le note  ;D .
Mi rendo conto che per suonare brani come questo si dovrebbe giÓ aver acquisito una memoria tattile della tastiera (e riuscire anche a suonare al "buio" guardando lo spartito). Tempo fa avevi pubblicato un interessante thread sull'argomento, con degli esercizi per "riconoscere" la tastiera senza guardarla. Mi riservo di riprenderlo.
Tuttavia, come ripiego, mi occorrerebbe una metodologia di studio. Un approccio di "emergenza"  ;D ! Anche perchŔ mi pare che nella parte finale del brano ci siano dei passaggi in cui suonare accordi con le due mani del tutto divergenti, e non potr˛ guardare contemporaneamente entrambe le mani.
La soluzione migliore che ho trovato Ŕ di esercitarmi per suonare al buio il passaggio sulla chiave di basso. A furia di provare dovrei acquisire una memoria di mano.
Concordi, oppure ritieni sia tempo sprecato e si debba percorrere un'altra via? Grazie





Ultima modifica: Agosto 27, 2022, 06:09:40 pm da PianoR