0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Cesk

Inizio iter tastiera
Luglio 26, 2012, 03:11:21 pm
Salve a tutti, suono tastiera da circa una settimana, non ho precedenti esperienze di strumenti a tasto e vorrei chiedervi un'informazione: i primi tre giorni mi sono esercitato sul scale, teoria ed esercizi semplici e in seguito ho subito incominciato esercitandomi in nuvole bianche di Ludovico Einaudi...la mia domanda è, il passo è piu lungo della gamba, oppure se prendo la cosa con assoluta calma in 4 o 5 mesi potrò imparare a suonarla?

*

sergiomusicale

Re:Inizio iter tastiera
Luglio 26, 2012, 05:34:57 pm
Ognuno può fare il suo percorso, l'importante è rimanere motivati... e tu mi sembri molto desideroso e motivato  :D  quindi prosegui così , le tue "nuvole bianche" saranno il tuo primo traguardo  ;)  ... ovviamente se vuoi arrivare a mete degne devi affiancare un percorso adeguato di formazione, il che significa continuare con le scale (fatte come si deve con l'adeguata diteggiatura), la teoria e quant'altro... perché tre giorni mi sembrano un pò pochino   :o . Inizia a vedere le lezioni del Beyer sul sito di Pianosolo, e presta attenzione alla chiave di basso perché se non hai esperienza di tastiera probabilmente, anche se possiedi pratica di lettura per un'altro strumento, potrebbe mancarti. In ogni modo.... BUONA MUSICA  ::)

Cesk

Re:Inizio iter tastiera
Luglio 26, 2012, 09:46:01 pm
Grazie mille gentilissimo :D...ne approfitto per porre un'ultima domanda su un dubbio di natura tecnica: nell'eseguire un pezzo che prevede l'utilizzo di entrambe le mani è consigliabile "automatizzare" una mano per esempio la sinistra oppure come mi sono abituato a fare a concentrarmi su entrambe le mani ed associare ad ogni nota realizzata dalla mano destra una della sinistra (non so se mi sono spiegato), oppure ancora ognuno fa come gli pare e non ci sono modi consigliabili? Grazie ancora  :)

*

sergiomusicale

Re:Inizio iter tastiera
Luglio 27, 2012, 07:26:58 am
Vi è un' ampia e consolidata letteratura in merito, la prassi è di fare pratica "a mani separate", solo quando ognuna delle due ha raggiunto un livello elevato di autonomia e riesce ad eseguire il pezzo ad una velocità alquanto superiore al volore finale desiderato, sarà consentito l'inizio dell'abbinamento tra le due mani, ricominciando da velocità estremamente basse. Puoi trovare consigli in merito sul sito di Pianosolo (Christian ha pubblicato un apposito scritto in merito, fruga un pò nel sito e lo trovi sicuramente), ma puoi fare riferimento anche ad altri testi, consultabili e scaricabili (anche gratuitamente)  in rete, tra questi potrebbe essere interessante il testo di Chuan C. Chang "i fondamenti dello studio del pianoforte" nel quale a pag. 30 cap II 7 afferma proprio che "Essenzialmente il 100% dello sviluppo della tecnica si ottiene studiando a mani separate", ma ve ne sono innumerevoli altri. Il problema che si può riscontrare nel tempo utilizzando il metodo di: "associare ad ogni nota realizzata dalla mano destra una della sinistra" risiede anche nel non permettere alla mente l'indipendenza della destra dalla sinistra, cosa che in molti passaggi risulta fondamentale, tanto da impedirti l'esecuzione del pezzo. Non voglio spaventarti, le cose proseguiranno per gradi, in maniera naturale ma, come vedi, man mano che ci si addentra si scoprono tante cose che l'approccio intuitivo e completamente autodidattico non suggerisce. Avremo modo di riparlarne a lungo  ;)

Cesk

Re:Inizio iter tastiera
Luglio 27, 2012, 08:47:36 am
Ti rigrazio davvero per la gentilezza e disponibilità  :) . Più che spaventato, sono estremamente affascinato; non ho fretta e spero di diventare discretamente abile in qualche anno, grazie ancora!

*

Lorenzo221

Re:Inizio iter tastiera
Luglio 27, 2012, 02:12:09 pm
Ti rigrazio davvero per la gentilezza e disponibilità  :) . Più che spaventato, sono estremamente affascinato; non ho fretta e spero di diventare discretamente abile in qualche anno, grazie ancora!

Sicuramente, se continui così. ;)
Dopo il silenzio, ciò che più si avvicina a esprimere l’ineffabile è la musica.
E. Jabès