0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Cambio tonalita'
Novembre 04, 2010, 11:03:27 am
Ciao a tutti gli amici, una domanda: Spesso capita che in una canzone si passi da una tonalita' a una piu' alta. C'e' una nota di passaggio? E se si c'e' n'e' una anche che raccordi il passaggio da una piu' alta a una piu' bassa? Grazie

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3102
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
Re:Cambio tonalita'
Novembre 04, 2010, 03:30:51 pm
ciao si chiamano modulazioni si può modulare a toni vicini o lontani di norma c'è una fase di passaggio dove si intuisce il passaggio di tonalità e poi la modulazione vera e propria alla tonalità....
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so

*

Giulio

  • Administrator
  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 1367
  • La musica vale più di mille parole
    • MSN Messenger - giuggio184@yahoo.it
Re:Cambio tonalita'
Novembre 04, 2010, 11:56:41 pm
Nel walking bass come ultima nota (quella di passaggio da una tonalità all'altra) si usa sempre la nota posta un semitono prima o dopo alla fondamentale che andremo a suonare poco dopo.

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3102
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
Re:Cambio tonalita'
Novembre 05, 2010, 12:20:58 am
giusto giulio vero... ma io preferirei la sensibile piuttosto della sopratonica opinione personale :D
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so

Re:Cambio tonalita'
Novembre 05, 2010, 10:40:04 am
Grazie ragazzi, ma se poteste aiutarmi con degli esempi? Grazie ancora

Desaparecidos

  • Visitatore
Re:Cambio tonalita'
Novembre 05, 2010, 12:35:14 pm
Il modo più semplice per cambiare tonalità è sfruttando gli accordi comuni, questo lo puoi fare solo se vuoi passare da una tonalità ad un' altra che sia vicina e che quindi abbiano almeno un accordo in comune. Ad esempio se vuoi passare da La maggiore(do#,fa#,sol#) a si minore(do#,fa#) puoi sfruttare tutti gli accordi dei gradi del la maggiore tranne quelli che contengono il sol#(infatti nella tonalità si minore non c'è il sol#). es. IV grado La maggiore=III grado si minore=Re-Fa#-La, una volta suonato l'accordo di passaggio devi far capire di essere passato ad un'altra tonalità magari suonando il IV grado del si minore (Mi-sol-si) che contiene il sol naturale,l'unica nota differente delle due tonalità. Un altro modo invece per cambiare di tonalità può essere quello di alterare una nota dell'accordo della tonalità di partenza creando una sorta di sospensione (indicativo del passaggio) che si risolverà in un accordo della nuova tonalità.
Comunque questa è poprio una spiegazione generica per capire bene i cambi di tonalità bisognerebbe studiare i vari compositori e capire gli stili ad esempio :Mozart è molto chiaro nei passaggi dei vari gradi degli accordi ivece è tipico nel romanticismo creare un'atmosfera di tensione/sospensione,addirittura Wagner nel Tristano e Isotta riesce a creare una tensione che dura 5 ore prima di arrivare alla risoluzione finale!!!

Re:Cambio tonalita'
Novembre 05, 2010, 03:11:11 pm
E se volessi passare ad esempio da una tonalita di Do a una di Re? che accordo di passaggio dovrei usare?

Desaparecidos

  • Visitatore
Re:Cambio tonalita'
Novembre 05, 2010, 05:54:37 pm
E se volessi passare ad esempio da una tonalita di Do a una di Re? che accordo di passaggio dovrei usare?
In teoria tutto dipende dal pezzo in questione, se è lento ,se è veloce se vuoi dare un  senso di chiusura al brano...
Il do maggiore è una tonalità forte,dura e il Re maggiore è considerata la tonalità più gioiosa e allegra. Il do maggiore non ha nessuna alterazione invece il Re maggiore ha il do# e il fa# quindi dobbiamo trovare un accordo di Do maggiore che non abbia nè il do nè il fa naturali, gli accordi comuni saranno il III grado del do maggiore che è formato da mi-sol-si e che corrisponde al II grado del Re maggiore; e il V grado di do+ che corrisponde al IV di Re+ (sol-si-re).

Re:Cambio tonalita'
Novembre 06, 2010, 11:03:11 am
Grazie Desaparecidos.. Il problema credo stia nel fatto che sono carente nella teoria. Tu mi parli di gradi. In realta' ho cercato di studiarli ma non  ci ho cpaito molto. Ho le idee un po' (e forte molto) confuse in merito.
Nella tua risposta precedente mi dici di trovare un accordo di Do maggiore che non abbia ne' il Do ne' il Fa naturali???? (Ma se togliamo il Do non e' piu' un accordo di Do o mi sbaglio?) . Poi tu metti nell'ultima parte della tua risposta un segno +:  (sta a indicare Maggiore o Aumentata?). Grazie ancora

Re Cremisi

Re:Cambio tonalita'
Novembre 06, 2010, 12:57:22 pm
Nella tonalità di Do Maggiore (Do+) gli accordi (triadi) possibili sono 7, cioè i sette accordi che si costruiscono sulle 7 note che compongono la scala di Do Maggiore, e sono:
I. Do Maggiore
II. Re minore
III. Mi minore
IV. Fa Maggiore
V. Sol Maggiore
VI. La minore
VII. Si diminuito

Per costruirli in pratica si fa così: tu prendi le 7 note della scala di do maggiore (cioè i tasti bianchi) e su ciascuna ci costruisci la triade, che a seconda delle note sarà maggiore, minore o diminuita.
Stessa cosa si fa con la tonalità di Re maggiore, ottenendo le 7 triadi (cosa che ti consiglio di fare per esercizio per ogni tonalità, anche quelle minori). Se sei in una tonalità maggiore i sette accordi saranno sempre così: il I il IV e il V grado (nel caso del Do+ sono il Do, il Fa e il Sol) saranno maggiori, il II il III e il VI (quindi il Re, il Mi e il La) minori e il VII grado (il Si) diminuito.

Ora se guardi gli accordi della tonalità di Re maggiore e quelli della tonalità di Do maggiore vedrai che gli unici due accordi in comune sono il Mi minore e il Sol Maggiore.
Il pianoforte è come la nutella, ma in effetti ci sono delle lievi differenze fra le due cose.

Re:Cambio tonalita'
Novembre 06, 2010, 03:22:32 pm
Grazie mille Re Cremisi. Grazie davvero. Credo avere capito. Grazie di cuore

*

Giulio

  • Administrator
  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 1367
  • La musica vale più di mille parole
    • MSN Messenger - giuggio184@yahoo.it
Re:Cambio tonalita'
Novembre 07, 2010, 12:16:58 pm
Nella tonalità di Do Maggiore (Do+) gli accordi (triadi) possibili sono 7, cioè i sette accordi che si costruiscono sulle 7 note che compongono la scala di Do Maggiore, e sono:
I. Do Maggiore
II. Re minore
III. Mi minore
IV. Fa Maggiore
V. Sol Maggiore
VI. La minore
VII. Si diminuito

Per costruirli in pratica si fa così: tu prendi le 7 note della scala di do maggiore (cioè i tasti bianchi) e su ciascuna ci costruisci la triade, che a seconda delle note sarà maggiore, minore o diminuita.
Stessa cosa si fa con la tonalità di Re maggiore, ottenendo le 7 triadi (cosa che ti consiglio di fare per esercizio per ogni tonalità, anche quelle minori). Se sei in una tonalità maggiore i sette accordi saranno sempre così: il I il IV e il V grado (nel caso del Do+ sono il Do, il Fa e il Sol) saranno maggiori, il II il III e il VI (quindi il Re, il Mi e il La) minori e il VII grado (il Si) diminuito.

Ora se guardi gli accordi della tonalità di Re maggiore e quelli della tonalità di Do maggiore vedrai che gli unici due accordi in comune sono il Mi minore e il Sol Maggiore.

Come nel jazz, là c'è solo una nota in più :)

Grazie della spiegazione ;)