0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

gianh501

Autodidatta o lezioni?
Gennaio 25, 2018, 07:33:08 pm
Ciao a tutti, ho scritto anche in un'altra sezione per chiarire altri dubbi, per sicurezza avevo postato in 'Di tutto e di più' per non sbagliare ma ho notato che è una zona del forum poco attiva.

Inizio col chiarire che non ho praticamente mai avuto approcci al pianoforte, solamente minimi avvicinamenti alla chitarra che ho suonato per qualche mese quando ero più piccino. Ho 20anni e volevo iniziare a suonare il piano, passando prima dalla tastiera, e qui risiedeva il mio dubbio primario: incominciare dalla tastiera è bene/male/indifferente per passare poi al pianoforte? (diciamo che ho paura di prendere un'impostazione sbagliata nel suonare lo strumento oppure potrebbe non essere proprio utile).

Ciò detto, volevo porre un altro quesito importantissimo. L'intenzione principale era quella di partire da autodidatta, e sicuramente acquistare qualche libro - bibbia del pianoforte - su indicazione dei più esperti, per partire dalla base e cioè le note musicali, saperle riconoscere e leggerle. Successivamente anche qui è subentrata la paura di prendere un'impostazione sbagliata sulla tecnica di suono. Perciò pensavo di andare a lezione. Ecco il mio secondo quesito: andare a lezione, e quindi esser seguiti da un esperto, facilita il lavoro di comprensione e 'velocizza' (non che io aspiri a livelli professionali di suono) l'apprendimento? Oppure, con costanza, da autodidatta posso farcela?

Diciamo che il pensiero di incominciare da autodidatta mi preoccupa sia per la paura di abituarsi male in qualsiasi ambito (tecnica, suono, mani) e inoltre mi disorienta in quanto non avendo una base non saprei da cosa partire. Sono uno studente universitario quindi il tempo diciamo che potrei ritagliarmelo per seguire delle lezioni ma più difficile sarebbe impratichirsi da autodidatta.

Grazie per la lettura :)

*

sergiomusicale

Re:Autodidatta o lezioni?
Gennaio 26, 2018, 09:48:16 am
Prima di tutto il: Benvenuto!!! fa sempre piacere incontrare qualcuno che vuole intraprendere questo bellissimo percorso di conoscenza e di emozioni  ;) ancor più se giovane  :D meglio se cosciente dei propri limiti e delle difficoltà a cui può andare incontro  ::) e splendido se riesce a far convivere questo con lo studio universitario! (cosa che a me, a suo tempo, non è riuscita  :-[).
Passiamo ai consigli (ovviamente molto personali)
1 - comincia con una tastiera "pianistica", è più facile passare dalla tastiera pianistica a quella "organistica", molto più difficile il contrario.
2 - parti tranquillo con la teoria (al tuo livello intellettuale vanno benissimo gli ormai "storici" :
Luigi Rossi Teoria musicale
Otto Karoly La grammatica della musica
od altro trattato similare - ve ne sono molti, vai presso un negozio di musica dalle tue parti e vedi cosa ti consigliano, anche di più moderni), affianca, se puoi, dei buoni ascolti e magari un accenno di storia della musica (tempo permettendo).
3 - se trovi un "buon" insegnante, che capisce le tue esigenze, le tue aspettative e ti porta sulla strada farai certamente assai prima e meglio, si riesce anche da autodidatti (si fa per dire, visto che ad oggi sempre da qualcuno si assorbe il sapere -internet, libri, etc.-) ma il rischio è quello di "riscoprire l'acqua calda" dopo aver perso un mare di tempo (cosa anche questa che ho provato personalmente  :-\).

gianh501

Re:Autodidatta o lezioni?
Gennaio 26, 2018, 04:25:47 pm
Grazie mille per il benvenuto prima di tutto. Diciamo che il tempo da dedicare ad una passione lo si deve trovare nonostante l'università, o meglio questo è il mio obiettivo primario. Proprio per il fatto che lo studio spesso mi leva tempo è meglio andare a lezione per impiegare nella maniera giusta il tempo che si dedica all'apprensione di questo strumento.

Beh si, come immaginavo da autodidatti si rischia di perdersi o tralasciare delle cose che possono poi successivamente metterti in difficoltà, ed anche il non aver ancora un pianoforte potrebbe male abituarmi all'utilizzo della tastiera. Non conosco molto bene le tipologie di tastiere, la mia, per intenderci, è una Casio CTK-431 e non so quanto possa aiutarmi, spero comunque che possa esercitarmi almeno in un primo momento su quella.

Riguardo la scelta dei libri da abbinare alle lezioni, cercherei - se qualcuno sa darmi una precisa indicazione, o non so se quelli da te riportati sono quel che cerco - un libro/più libri interamente dedicati allo studio del pianoforte e che partano da zero, quindi dalle prime nozioni al modo poi di esercitarsi. Spero si capisca la mia attuale confusione in materia, ma ho tanta voglia di imparare e di incominciare, e sono sicuro che approcciarmi ad un libro come quello da me descritto mi aiuterà non poco. Grazie in anticipo :)

*

Paola

Re:Autodidatta o lezioni?
Gennaio 27, 2018, 11:53:49 am
Ciao, il mio consiglio è quello di cercare un insegnante. Si può fare anche da autodidatti, ma partire proprio da 0 è un percorso molto facilitato se siamo accompagnati da qualcuno che sa indirizzarci.
Detto questo puoi fare riferimento ai corsi di Pianosolo, che rispetto ai libri, che comunque sono utilissimi, hanno video da guardare e in caso di dubbi puoi sempre chiederci spiegazioni.
Ad esempio:
https://www.pianosolo.it/corso-introduttivo-allo-studio-del-pianoforte-0-presentazione/
https://www.pianosolo.it/tutte-le-lezioni-di-solfeggio/

Ce ne sono moltissimi, magari trovi qualcosa che ti può essere utile.

*

c64

  • Virtuoso
  • Mostra profilo
  • *
  • 127
  • Mit der Dummheit kämpfen Götter selbst vergebens.
Re:Autodidatta o lezioni?
Gennaio 27, 2018, 11:20:45 pm
Sonoassolutamente d'accordo sul fatto che avere un insegnante sia estremamente utile. Ma questo vale per tutto, anche i corsi di lingiua. A maggior ragione per imparare uno strumento musicale.
Bisogna stare attenti però a non incappare in un "cattivo maestro" con cui non si riesce a lavorare bene, oppure che insegna male o ocn metodi obsoleti. In questo libro, che nonostante il titolo buffo presenta alcune informazioni interessanti ed alcuni brani da suonare, attenzione non in ordine di diffocltà, ma di tematiche, ad un certo punto dice che si era ritrovato da bambino una maestra che quando faceve errori lo picchiava con un righello. senza arrivare a casi estremi come questo trovare il maestro giusto nonè semplice.
Ah una cosa importante è verificare che l'insegnante sia effettivamente un maestro di pianoforte. Una mia amica è dipolmata in flauto. Mi ha raccontato che le prime lezioni le aveva ricevute da un maestro diplomato in clarinetto. Aveva fatto poi una enorme fatica a reimparare la tecnica giusta. Comunque avevo fatto solfeggio cantato/ear training con un ragazzo diplomato in sassofono, che comunque suonicchiava il piano è riuscito a rendere interessante una cosa noiosa, oltretutto la classe era simpatica e quindi l'ora passava rapidamente.

Altra cosa che può essere problematica è riuscire a trovare l'orario giusto. Arrivare a lezione dopo aver passato 45 minuti nel traffico non aiuta alla concentrazione ed anche al rilassamento, anche inteso come rilassamento muscolare.

Ah il libro lo trovi in tutti i Mondadori o sui siti di e commerce
http://www.mondadoristore.it/Pianoforte-tastiere-negati-Blake-Neely/eai978880459883/

gianh501

Re:Autodidatta o lezioni?
Gennaio 28, 2018, 02:34:55 pm
Grazie a tutti per i consigli. Mi sono documentato su internet ed ho acquistato la versione pdf del libro di Luigi Rossi "Teoria Musicale" e dando una prima letta mi sembra molto dettagliato ed utile per avere una base a tutto tondo sulla teoria musicale. Sicuramente mi sarà d'aiuto.

Per quanto riguarda il maestro, ne ho uno vicino e molti ne parlano bene, vedrò dalle prime lezioni come mi ci trovo e mi regolerò di conseguenza. Grazie nuovamente per le dritte, che ne pensate del Luigi Rossi?