0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

yonapot

arpeggio
Ottobre 25, 2011, 03:32:06 pm
Ciao a tutti
Una domandina a chi ne sa più di me .
Nella fase discendente su 4 ottave(arpeggio su accordo di do maggiore )nel  passaggio dal 5321 al 321 il pollice fa da perno facendo compiere una rotazione alla mano così che il terzo dito raggiunga il sol, o la mano compie un saltino e raggiunge  la nota sol.
Riesco a farlo in entrambi i modi,ma il primo  mi sembra esteticamente poco gradevole rispetto al secondo.
Quale'è il modo corretto.
Dedico moltissimo tempo allo studio di scale,accordi e tecnica in generale,mi piace osservare i movimenti che le mani devono compiere,sentire l' articolarsi delle dita mentre li eseguo,non so perchè ma talvolta li affronto con maggior entusiasmo rispetto allo studio di  un brano,basta dire che su 3 ore di studio 2 le dedico alla parte tecnica.
Con la mia insegnante non mi vedo che tra 2 settimane,onestamente non  oso telefonarle.
Studiare in modo sbagliato mi scoccerebbe un bel po.
Aspetto fiducioso.
grazie

berebè

Re:arpeggio
Ottobre 25, 2011, 04:09:42 pm
in un unico movimento devi suonare il do e passare sopra il pollice la mano sfruttando il rimbalzo: una specie di catapulta ;)
se muovi il gomito verso l'esterno è ancora più facile.

ciao!

yonapot

Re:arpeggio
Ottobre 25, 2011, 07:50:26 pm
grazie ho capito cosa vuoi dire ma per gli arpeggi fatti in velocità quel movimento rallenta l'intera esecuzione....occorre trovare un compromesso tra le 2 tecniche,caduta e rotazione aiutandosi con braccio e polso,ma saper gestire bene questo movimento e cosa tutt'altro che semplice,a parole e una cosa l'applicazione e ostica ,richiederà parecchio studio...comunque grazie



berebè

Re:arpeggio
Ottobre 25, 2011, 08:05:57 pm
no, non rallenta l'esecuzione proprio perchè sono due movimenti fatti in contemporanea: schiacci l'ultima nota col pollice e passi sopra la mano.
la rotazione sarebbe un rallentamento di questo movimento, il che comporta necessariamente una tensione visto che "trattieni" la mano dal cadere liberamente.

il movimento del gomito di cui ho detto è evidente solo se suoni lento, in esecuzione quasi non c'è. ma, avendolo studiato, il solo pensarlo ti evita di irrigidire il braccio.

yonapot

Re:arpeggio
Ottobre 25, 2011, 11:22:03 pm
ci sono 2 scuole di pensiero la prima si basa sull'uso del pollice come perno ed è quella storica ed anche + datata,la seconda suggerisce dopo il 5321 in fase discendete di evitare la sosta del pollice sul do come perno,ma bensì la mano deve scivolare direttamente sul sol con il 3 dito,spero di essermi spiegato bene.
Non voglio assolutamente convincerti , impormi o far polemica, solo che sperimentando entrambe mi sono accorto di quelli che secondo me erano i limiti della prima maniera.