0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

shinigamiphobos

  • Visitatore
Approccio ad un nuovo brano
Marzo 26, 2013, 10:32:30 am
Sono un autodidatta e sto seguendo un corso online per il pianoforte. Volevo chiedervi, chi magari ha anni di esperienza di piano, che approccio bisogna avere quando studiamo un nuovo brano?
Io per il momento eseguo prima la mano destra, poi la sinistra e poi viene il dubbio, cioè eseguo entrambi le mani ma cerco di proseguire nota per nota finchè non eseguo bene il pezzo. La mia domanda riguarda proprio questo, quando metto insieme le mani eseguo ogni singolo movimento della battuta sincronizzando le note della mano destra con quelle della sinistra, è corretto? Perchè mi accorgo che in questo modo associo in realtà la pressione del tasto che devo premere con la destra, con quello della sinistra. Non so se sia corretto come approccio... e non so nemmeno se sono riuscito a spiegarmi hehe  ;D

DarkKnight

  • Professionista
  • Mostra profilo
  • ***
  • 496
  • con il suono delle dita si combatte una battaglia
Re:Approccio ad un nuovo brano
Marzo 26, 2013, 12:23:10 pm
una volta mi pare christian aveva fatto un articolo sul sito ma non riesco più a trovarlo prova a farti un giretto tu.

*

Lorenzo221

Re:Approccio ad un nuovo brano
Marzo 27, 2013, 06:23:31 pm
Sì, è corretto l'approccio, con il tempo riuscirai a risolvere il problema dell'associare una mano all'altra, ed esistono altri trucchetti per velocizzare lo studio a mani unite che in teoria dovrebbe essere lungo come quello a mani separate.
Come inizio, stai andando bene.
Dopo il silenzio, ciò che più si avvicina a esprimere l’ineffabile è la musica.
E. Jabès

shinigamiphobos

  • Visitatore
Re:Approccio ad un nuovo brano
Marzo 28, 2013, 04:58:30 pm
Grazie mille, scusate se ogni tanto vi disturbo con qualche domanda magari sciocca ma come autodidatta i dubbi sono tanti...

*

Lorenzo221

Re:Approccio ad un nuovo brano
Aprile 05, 2013, 12:46:58 am
I forum servono a questo  ;)
Dopo il silenzio, ciò che più si avvicina a esprimere l’ineffabile è la musica.
E. Jabès

axisdeath

Re:Approccio ad un nuovo brano
Aprile 12, 2013, 02:48:18 pm
Ciao shinigamiphobos,
noto che finisco sempre sui tuoi post oggi, volevo dirti come facevo io, che in pratica mi sembra di intuire è il metodo che usano + o - tutti.

Inizio anche io a mani separate prima destra poi sinistra, fino ad eseguirle senza errori a velocità superiore a quella di esecuzione normale, poi quando sono in fase di unione generalmente divido le unioni per battute o insieme di battute legate da un portamento, questo più che altro per dare un quasi senso anche all'orecchio di quello che sto facendo.

Nello studio dell'intero esercizio inizio dalle battute che ritengo più complesse, avvolte ripetendole come un disco rotto, a velocità alterne, ma cercando di non superare la soglia di velocità nella quale non sono in grado di eseguire l'esercizio correttamente, il tutto fino al raggiungimento del inevitabile calo di attenzione. A quel punto a seconda delle mie residue facoltà mentali, decido se proseguire con la parte più semplice del esercizio o darmi all'ippica.

Come potrai intuire sono un cavallerizzo esperto ormai :)

shinigamiphobos

  • Visitatore
Re:Approccio ad un nuovo brano
Aprile 12, 2013, 03:05:05 pm
hahaha :)
Grazie delle info. Ho notato che il metronomo è essenziale, e pensare che volevo inizialmente nemmeno usarlo hehe ;)

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3102
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
Re:Approccio ad un nuovo brano
Aprile 12, 2013, 04:48:39 pm
magari potrà essere essenziale per te...
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so