0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

levnat

 :-\
Salve a tutti! Vorrei riprendere lo studio del piano dopo secoli, ricominciando in pratica da zero. Sto affrontando la difficile scelta dell'acquisto di un piano. Purtroppo non sono in grado di valutare la convenienza/qualità/condizioni di un piano usato e sto pensando di prenderlo nuovo.  Ho girato diversi negozi e per le mie esigenze pratiche (poco spazio, budget e tempo di studio limitato alle ore serali) x l'acustico mi sto orientando verso lo Yamaha B1 con silent. Tuttavia ho visto anche qualche buon digitale (Kawai CA67 o Yamaha Clavinova CLP645). Con il digitale risparmierei significativamente sul budget ma il desiderio di un acustico è tanto.
Girando per vari negozi  lo Yamaha B1 Silent nuovo  mi è stato proposto a prezzi differenti: un negozio a 4,950 euro, altri due rivenditori a 4,300 (con 5 anni di garanzia sull'acustica e 2 sull'elettronica).  Preciso che questi 3 rivenditori sono tutti autorizzati Yamaha.
Un altro venditore, invece, mi propone un Yamaha B1 silent ex demo a 3,900 euro con 5 anni di garanzia sull'acustica e 1 sull'elettronica. Precisa che è un'offerta molto conveniente dato che il piano nuovo costa più di 4,900 euro. Faccio quindi presente che altri due negozi mi propongono lo stesso piano nuovo a 4,300. Lui mi risponde che, probabilmente, anche questi sono ex demo ma i suoi concorrenti,  poco onestestamente, non lo precisano.
Le differenze di prezzo che mi sono stata proposte per lo stesso modello non mi sembrano marginali. Qualcuno sa qual è il prezzo di listino? Ed ancora: fra Yamaha B1 Silent e i due digitali sopra specificati cosa consigliereste di prendere? Grazie per il vostro aiuto e per i vostri consigli.

*

sergiomusicale

Benvenuta, vedo che al momento non hai ancora ricevuto risposte, e cercherò quindi di colmare il vuoto... anche senza avere un'esperienza diretta dei modelli da te suggeriti e neppure dei relativi costi. Posso però darti qualche dritta per riflettere su cosa stai per fare, almeno con la sensibilità derivata da molti anni di pratica da autodidatta.
1 - al momento le differenze tra acustico e digitale esistono ancora.
2 - se puoi suonare un acustico (vicinato, orari ect permettendo) togliti lo sfizio.
3 - se hai dalla tua parte un buon negozio a cui rivolgerti, e ti garantisce il prodotto, l'idea del "nuovo" intoccato, rispetto ad un ex demo finisce per svanire.
4 - un buon acustico dura anche più "vite".
5 - se non puoi permetterti un acustico, anche un digitale di fascia alta offre grandi soddisfazioni.
6 - non è detto che il pianoforte che acquisti sia quello di "tutta" la vita... forse tra diversi anni potrebbe esistere in casa tua un "gran coda"....
7 - per arrivare ad una certa destinazione la cosa fondamentale è mettersi in cammino.
8 - pensa a tutto il tempo che "vivrai" con "lui" ... ti deve piacere e dare soddisfazioni come un vero "amante" ... provalo e se non ti soddisfa interrompi subito la relazione, se invece scatta in te l'emozione...sposalo!
----
tornando a noi, per me potrebbe andare bene il B1 con silent (visto che te lo garantiscono), ma lo devi provare e ti ci devi sentire!!
come più volte ho detto in questo forum, io bazzico tra un verticale primi 900, uno splendido digitale Kawai, ed un Kawai RX2 mezza coda... e con tutti i difetti e le manchevolezze del caso quello che suono di più e con maggior soddisfazione è il veccho Klingmann ...
Ultima modifica: Aprile 13, 2018, 11:29:19 am da sergiomusicale

*

c64

  • Talentuoso
  • Mostra profilo
  • ****
  • 107
  • Mit der Dummheit kämpfen Götter selbst vergebens.
8 - pensa a tutto il tempo che "vivrai" con "lui" ... ti deve piacere e dare soddisfazioni come un vero "amante" ... provalo e se non ti soddisfa interrompi subito la relazione, se invece scatta in te l'emozione...sposalo!
----
tornando a noi, per me potrebbe andare bene il B1 con silent (visto che te lo garantiscono), ma lo devi provare e ti ci devi sentire!!
Su questo sono d'accordissimo. Di sicuro i pianoforti li devi provare dal vivo e con mano, se poi pensi ad un silent od un acustico, ognuno di essi è diverso. La versione ex-demo potrebbe anche andare bene, se provi quello e ti piace. Io ho preso un digitale in esposizione e per adesso è tutto ok e la garanzia è di due anni.
Nella garanzia dei cinque anni è compresa anche la meccanica dei sensori silent?



levnat

Grazie mille per i vostri gentilissimi e preziosi consigli! Ho riflettuto e, per ora, ho deciso di orientarmi verso un buon digitale. Al momento per l'acquisto dell'acustico sarei influenzata prevalentemente dagli aspetti pratici e tralascerei quegli elementi "epidermici e simbiotici" che, come da voi evidenziato, dovrebbero guidare la scelta dell'acustico. Dovrò togliere tanta ruggine e ci vorrà un pò di tempo ma l'entusiamo è tanto ...domani ho una lezione di prova in una scuola di musica..per citare una canzone degli Eurythimcs di qualche anno fa "....and it feels like I am seventeen again!"  A presto e ancora grazie

Fulvio_

Ciao,
ti dico la mia fuori tempo massimo  :)!
Se pensi di prendere lezioni chi meglio del tuo maestro potrà consigliarti nella scelta?
Io presi un Kawai Ca97 un mesetto prima di cominciare a prendere lezioni (adesso è un anno).
Il mio maestro mi ha lanciato uno sguardo di disappunto!  :)
Ebbene, l'acustico che uso a lezione (malandato, per un certo periodo completamente scordato e di cui non conosco neppure la marca), fa apparire il mio digitale pressapoco un giocattolo!
Altro è il suono, la sensazione tattile, l'uso del pedale. 
Mai e poi mai ricomprerei un digitale (magari gli Yamaha Avantgrand o il roland V piano... a provarli!)
A meno chè il silent non vada ad inficiare la meccanica del pianoforte (come alcune volte leggo). In tal caso la scelta di un digitale diventa necessaria nel caso si debba suonare con le cuffie.
Certo, si tratta di considerazioni personali.
In bocca al lupo per i tuoi studi pianistici!