0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

_ginko_

Silenziatore o pianoforte elettrico?
Ottobre 07, 2010, 08:21:16 am
Devo trovare una soluzione per poter suonare di più in orari poco "consoni" per il condominio.

Le uniche alternative che vedo sono:

- montare un silenziatore al mio Kawai
- acquistare un pianoforte elettrico

La prima mi preoccupa perché mettere le mani sul Kawai mi sembra quasi oltraggioso, la seconda mi preoccupa perché dovrei trovare un ulteriore posto in casa dove posizionare il piano e non è facile.

Detto questo e considerato che economicamente le due cose si equivalgono, cosa consigliereste?

ciao
_ginko_

Roby

Re:Silenziatore o pianoforte elettrico?
Ottobre 07, 2010, 10:14:30 am
Ciao, io ho avuto il tuo stesso problema....
Avevo un pianoforte Zimmermann, molto vecchio al quale qualche anno fa ho fatto mettere il silent; sarà che 7/8 anni fa queste tecnologie non erano ancora al massimo, sarà che il piano era già messo male e non era un granchè... comunque dopo un pò di tempo non suonava più bene nè il piano nè il silent....
Quindi ho acquistato un pianoforte digitale Yamaha (un clavinova) che per me è ottimo, davvero.
Di recente ho "eliminato" lo Zimmermann e ho acquistato un mezza coda Yamaha;  inizialment pensavo di dare via anche il digitale per avere un solo piano a coda col silent, ma poi ho cambiato idea, perchè ho la sensazione che un piano col silent non sia "puro" come un pianoforte solo acustico, e quindi adesso ho il mezza coda e anche il pianoforte digitale, e il mio appartamento non è certo grande.... ma sono molto contenta di questa mia scelta.
Inoltre, secondo me installare il silent su pianoforti è comunque peggio che non acquistarli col silent già installato fin dalla loro nascita...
Quindi, io comprerei un pianoforte digitale e non toccherei il Kawai....
Ciao!

l.golinelli

Re:Silenziatore o pianoforte elettrico?
Ottobre 12, 2010, 12:23:52 pm
Io prenderei una clavinova, magari usata... Spendi anche meno che a mettere il silent nell'acustico e ti rimane il kawai invariato...

*

Giulio

  • Administrator
  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 1367
  • La musica vale più di mille parole
    • MSN Messenger - giuggio184@yahoo.it
Re:Silenziatore o pianoforte elettrico?
Ottobre 13, 2010, 11:45:16 pm
Io prenderei una clavinova, magari usata... Spendi anche meno che a mettere il silent nell'acustico e ti rimane il kawai invariato...

Concordo.
Così avrai anche uno strumento che potrai portare dove vuoi... . Non sarà il tuo caso, per adesso, ma in futuro forse avrai la necessità di portare il tuo strumento in un locale per suonare, in vacanza per non perdere completamente il ritmo ecc...
Pensaci su! :)

*

_ginko_

Re:Silenziatore o pianoforte elettrico?
Ottobre 16, 2010, 09:47:07 pm
Ma il pianoforte clavinova è portatile? Scusate l'ignoranza...

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3102
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
Re:Silenziatore o pianoforte elettrico?
Ottobre 16, 2010, 10:05:49 pm
no ma si trasporta più facilmente di un acustico..
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so

*

Gianni57

Re:Silenziatore o pianoforte elettrico?
Ottobre 17, 2010, 02:34:50 pm
Concordo per il clavinova anche se io posseggo una yamaha dgx620 (ottimo rapporto prezzo/qualita' e trasportabilità), ma provando il clavinova mi è sembrato che avesse un"gran piano"migliore.
Se devi trasportarlo considera il P85  oppure il CP33 entrambi della yamaha.
Ciao.

lambi123

Re:Silenziatore o pianoforte elettrico?
Ottobre 20, 2010, 05:46:13 pm
I silenziatori da applicare oggi sono molto migliorati rispetto al passato, sono più affidabili e stabili, la qualità del suono e la dinamica sono ottimi. Certo l'acustico non si trasporta...
Ultima modifica: Ottobre 20, 2010, 05:52:30 pm da lambi123

*

Gianni57

Re:Silenziatore o pianoforte elettrico?
Ottobre 20, 2010, 09:23:49 pm
il problema è che bisogna avere il coraggio di fare mettere le mani sul tuo pianoforte, io ho uno Yamaha C3 e non me la sono sentita, per questo ho acquistato un piano digitale, certo che quando suoni è tutta un'altra cosa.

*

_ginko_

Re:Silenziatore o pianoforte elettrico?
Dicembre 15, 2010, 10:27:07 am
Alla fine ho seguito il vostro consiglio e ho preso un pianoforte digitale portatile.
La scelta è caduta sul KAWAI ES6 la cui azione mi è sembrata abbastanza buona. Niente a che vedere con l'acustico, ma lo stesso ottimo per studiare e ha un suono molto realistico.

Grazie a tutti per i consigli.

*

Giulio

  • Administrator
  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 1367
  • La musica vale più di mille parole
    • MSN Messenger - giuggio184@yahoo.it
Re:Silenziatore o pianoforte elettrico?
Dicembre 15, 2010, 07:02:39 pm
Alla fine ho seguito il vostro consiglio e ho preso un pianoforte digitale portatile.
La scelta è caduta sul KAWAI ES6 la cui azione mi è sembrata abbastanza buona. Niente a che vedere con l'acustico, ma lo stesso ottimo per studiare e ha un suono molto realistico.

Grazie a tutti per i consigli.

Grazie a te.

Dacci le tue impressioni a freddo, mi raccomando!

Ciao!

*

Arpège

Re:Silenziatore o pianoforte elettrico?
Dicembre 22, 2010, 11:28:00 pm
Mettete anche degli isolatori (possibilmente in materiale gommoso) sotto le ruote dell'acustico. Per il digit..beh, ci vuole sempre in casa. "Violare" un acustico col silent, almeno nella mia esperienza, mi aveva allontanato un po' dallo studio...alla fine un silent, per quanto eccellente, è sempre un suono campionato, scalettato...

lambi123

Re:Silenziatore o pianoforte elettrico?
Dicembre 23, 2010, 12:07:09 pm
Ho visto dei nuovi isolatori molto efficaci, si chiamano 'Pisolo', li ho trovati da un negozio di strumenti.
Per il Silent, non è necessario suonare sempre col suono digitale, puoi sempre usarlo solo quando è strettamente necessario. Sono assolutamente d'accordo che è da evitare che lo studio sia sempre fatto su un digitale, è come uccidere le proprie orecchie e dita, mortificare la cultura acustica e negare le infinite sfumature dinamiche e tonali che il pianoforte permette.