0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Maxx86

Quale pianoforte per un "ritorno alle origini"?
Ottobre 22, 2010, 04:29:47 pm
Ciao a tutti sono nuovo del forum!

Vi descrivo un po la mia situazione....ho iniziato a suonare il pianoforte all'età di 7-8 anni al conservatorio....

Dopo 4 anni mi ero stufato di solfeggio e della musica classica e sono passato ad un insegnante privato di blues-jazz-boogie...

O meglio vari insegnanti, perchè per un po di anni è stato tutto un tira e molla dovuto anche alla scarsa passione che mi trasmettevano gli insegnanti e al periodo addolescenziale....
Così dopo qualche anno di tira e molla ho mollato tutto e sono "andato avanti" da autodidatta....scaricando spartiti e cercando di arrangiarmi con le mie conoscenze

Complice della mia "morte" è stata anche la scelta del pianoforte....io non sono un fanatico della tecnica assoluta, mi piace suonare col cuore, interpretare la canzone, far trasudare emozioni...

Ho iniziato a suonare con un pianoforte a muro(di cui non ricordo la marca) per poi passare a un kawai digitale.....da cui sono passato, infine, alla tastiera Korg Triton LE(in progetto di andare a suonare con un gruppo)...complice del mio calo di interesse/passione

La Korg mi ha letteralmente ucciso la voglia(la passione c'è ancora)e l'abilità, perchè....come ho detto mi piace suonare le canzoni con passione...e tramite la Korg non riesco a trasmettere quello che voglio neanche a me stesso.
Penso sia dovuto alle 5ottave, al tasto non pesato, alla scarsa polifonia(dato che suono melodie abbastanza virtuose e uso tantissimo il sustain).
Sopratutto avendo visto calare brutalmente le mie performance quando suono pianoforti a coda/muro da amici o in qualche locale.

In genere io suono cazoni di artisti giapponesi(come Nobuo Uematsu, Yiruma, Sakamoto, ecc.....e canzoni di Anime, cartoni animati, film...).
Ma mi piace anche il blues, jazz, stride, boogie, swig, ragtime....e si anche la classica.

Teoricamente ho trovato un buon insegnante in una scuola vicino casa mia e volevo ricominciare!

Ora ecco la mia domanda dopo il breve Outing   ;D
Che pianoforte posso prendere per tornare a suonare come si deve e dare sfogo alla mia passione?
O meglio....che pianoforte elettronico? Purtroppo non ho tanto spazio e disponibilità come orari per suonarlo....
Cercavo qualcosa con 88 tasti pesati e tanta polifonia...mi interessa che abbia un bel suono come pianoforte...le casse le ho quindi va bene anche uno senza casse integrate.
Come budget non saprei di preciso...dipende da quanto ricavo vendendo la mia Korg....comunque penso sui 6-700€ o forse di più

A quanto posso vendere la mia Korg?

Sarei molto propenso ad un clavinova.....è possibile acquistarlo a rate?  :P

Grazie mille per le risposte

Ciao... la Korg Triton LE con il pianoforte non ha proprio nulla a che vedere.

Io l'ho tenuta un paio d'anni e naturalmente la usavo come synth abbinata a uno stage piano e mi sono trovato abbastanza bene ( di sicuro non è la tastiera di cui porto i ricordi migliori ). Penso che in un negozio se riesci a ricavarci 400€ ti puoi ritenere soddisfatto e magari piuttosto che puntare su uno stage piano nuovo prova a vedere se trovi un buon usato... Tipo un Kawai MP4 o Yamaha CP140 che con 600€ abbondanti magari li trovi.

Ti ho citato due stage piano che piacciono a me ma ce ne sono davvero molti anche a prezzi davvero maggiori.
Di sicuro ti sconsiglio i Casio che, anche se costano poco, per la qualità che hanno sono già troppo cari e i digital piano della Korg perchè sia timbricamente che come tastiera sono davvero orribili, al contrario dei synth che producono che sono strepitosi.

In ogni caso, sia che tu voglia uno stage piano nuovo o sia che tu lo voglia usato, puoi comprarlo a rate in qualsiasi negozio.

Maxx86

Mmm forse meglio se vi do più spunti :)

Il Korg l'ho preso in previsione di fare uscite a suonare con un gruppo melodic metal...ma è scemato tutto causa impegni e diverbi vari....ora come ora lo tengo in camera e uso solo il pianoforte come suono....come timbrica mi piace ma come polifonia sento tanto la carenza di questa tastiera dato che uso molto il sustain....sopratutto suonando canzoni giapponesi.....sento proprio che il suono viene smorzato/tagliato

Attualmente non cerco un piano trasportabile anche perchè l'idea di suonare con un gruppo non c'è più....e il 90% dei locali in cui avrei piacere suonare hanno già il pianoforte.

Ho bisogno di una tastiera da studio su cui riprendere destrezza con le dita(un buon tasto pesato gh o magari gh3) e che abbia più di 64 note di polifonia....
Principalmente mi interessa abbia il pianoforte come suono....se poi ha altri strumenti ben venga

Grazie per le info MrPianoSolo, domani farò un giro in vari negozi a vedere se hanno questi modelli.

*

eligen

Non posso darti un consiglio perchè sono poco più di un principiante (suono da autodidatta da circa due anni e da poco ho iniziato a prendere lezioni private di pianoforte per fare diventare questa mia passione qualcosa di più serio) ma posso almeno dirti quale è la mia esperienza relativamente ad un pianoforte digitale. Circa sei mesi fà mi sono comprato un Clavinova, modello CLP-340 (la serie CLP è la serie classica, meno timbri ma suono migliore, intendo campionamento più accurato, rispetto alla serie CVP, serie versatile in grado di riprodurre più strumenti e con i ritmi. Il CLP-340 ha tasti GH3 e 128 note di polifonia. Il pianoforte non è trasposrtabile con facilità (a meno di smontarlo ovviamente) e a mio parere ha un suono davvero notevole. Il costo però è però circa il doppio di quello che volevi spendere. Un consiglio, vai sul sito della Yamaha e fatti un giro per capire meglio che caratteristiche ha: poi vai un negozio e prova a suonarlo per vedere se ti soddisfa. Io ho scelto di spendere un briciolo in più perchè volevo uno strumento che non dovessi rivendere subito (rimettendoci) perchè non all'altezza delle mie aspettative e posso dire oggi di essere contento della scelta. Ciao, eligen.