0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

mmax2

Re:Piano digitale
Aprile 05, 2012, 11:57:50 pm
Io ho acquistato questa estate proprio il DGX640.
Vedo che sei quindi andato parecchio sotto al budget iniziale, il che non è detto che sia un male, dipende da te.
Per quello che costa, direi che il rapporto qualità/prezzo è molto buono. La tastiera di un pianoforte non è comunque paragonabile a quella di questo strumento. Il DGX640 ha una tastiera pesata a 88 tasti, però, mi ripeto, quella di un pianoforte "vero" è di gran lunga molto migliore. Io ho acquistato questo perché mi interessava avere una vasta gamma di suoni, ok che ci fosse il pianoforte ma anche tanti altri, e la sezione ritmica con i vari drum kit ecc ecc. Da questo punto di vista non sono rimasto deluso, i suoni sono belli e si possono anche un po' "decorare" con la sezione dsp. Se ti servono altre informazioni, chiedi pure.
Massimo

Re:Piano digitale
Aprile 12, 2012, 04:36:32 pm
Ciao jollystar5
Mi chiamo mario e sono di genova.
Qualche mese fa mi trovavo nella tua stessa posizione e ho concluso per comprare il KAWAI CA63 R. Solo che qualche tempo dopo ho deciso di intraprendere altri studi e ora del piano non so che farmene. E' il miglior prodotto. A dirla tutta esiste il CA93 che costa mille euro in più e ha una sorta ti tavola armonica per creare vibrazione e un simulatore di doppio scappamento (presente nei piani a coda). Io l'ho pagato 2070 euro e se vuoi posso rivendertelo a una cifra che ci vada bene. pensavo 1800. Prodotto acquistato nel dicembre 2011 con garanzia di 24 mesi. Non potresti trovare occasione migliore:)

Saluti
in bocca a lupo

Re:Piano digitale
Aprile 12, 2012, 04:40:27 pm
dimenticavo il numero 345.43.46.401

jollystar5

Re:Piano digitale
Aprile 13, 2012, 03:47:56 am
Io ho acquistato questa estate proprio il DGX640.
Vedo che sei quindi andato parecchio sotto al budget iniziale, il che non è detto che sia un male, dipende da te.
Per quello che costa, direi che il rapporto qualità/prezzo è molto buono. La tastiera di un pianoforte non è comunque paragonabile a quella di questo strumento. Il DGX640 ha una tastiera pesata a 88 tasti, però, mi ripeto, quella di un pianoforte "vero" è di gran lunga molto migliore. Io ho acquistato questo perché mi interessava avere una vasta gamma di suoni, ok che ci fosse il pianoforte ma anche tanti altri, e la sezione ritmica con i vari drum kit ecc ecc. Da questo punto di vista non sono rimasto deluso, i suoni sono belli e si possono anche un po' "decorare" con la sezione dsp. Se ti servono altre informazioni, chiedi pure.
Massimo


Grazie Massimo.
In effetti sono molto dubbioso. Mi spiego meglio.
Per un verso vorrei evitare di spendere cifre consistenti perché ho il timore di non trovarmi bene con un pianoforte digitale. In questo caso sarebbero tanti soldi buttati.
D'altra parte però, temo che se prendo un prodotto troppo "cheap", poi non ha le caratteristiche che mi soddisfino adeguatamente. Anche in questo caso i soldi sarebbero buttati ma almeno sarebbero di meno.
Insomma, oscillo tra queste due possibilità senza riuscire a decidere...  :(

jollystar5

Re:Piano digitale
Aprile 13, 2012, 03:48:48 am
dimenticavo il numero 345.43.46.401

Ti ringrazio, lo terrò presente  :)

mmax2

Re:Piano digitale
Aprile 13, 2012, 03:17:04 pm
Certo il DGX-640 è un prodotto "cheap", che manca di molte caratteristiche presenti in modelli più costosi. L'unica è andare in negozio e provare, provare, provare...
Massimo

whitu

Re:Piano digitale
Aprile 17, 2012, 09:26:21 am
Io ne ho provati diversi, anche il DGX-640 che non è male considerando il prezzo, come suono di piano c'è di meglio però.
Tuttavia il feeling con la tastiera è molto soggettivo e consiglio di fare un giro e provarne il più possibile dal vivo e magari con le cuffie perché le casse integrate non sempre rendono giustizia.
Dopo un anno di prove e studi, dopo aver capito che la passione per il piano non era passeggera, ho deciso di acquistare il Kawai CA63, soprattutto per l'eccellente tastiera il legno, rende molto più facile suonare e dare espressività ai brani.
Come tastiere entro i 1000 euro circa sono buone anche le GH Yamaha (P155, P140, P120) o le Casio PX 330-130, però i suoni Casio non mi entusiasmano.

midisil

Re:Piano digitale
Maggio 12, 2012, 09:43:40 am
Ciao io ho acquistato da qualche settimana un Roland Hp 505 con tecnologia supernatural... Tastiera pesata ivory feel con doppio scappamento.

L'ho provato in negozio e me ne sono innamorato.

Poi l'ho acquistato su internet a 2.200€ compreso di panca e cuffie roland.


Albepie

Re:Piano digitale
Maggio 12, 2012, 03:25:57 pm
Ciao jollystar5
Mi chiamo mario e sono di genova.
Qualche mese fa mi trovavo nella tua stessa posizione e ho concluso per comprare il KAWAI CA63 R. Solo che qualche tempo dopo ho deciso di intraprendere altri studi e ora del piano non so che farmene. E' il miglior prodotto. A dirla tutta esiste il CA93 che costa mille euro in più e ha una sorta ti tavola armonica per creare vibrazione e un simulatore di doppio scappamento (presente nei piani a coda). Io l'ho pagato 2070 euro e se vuoi posso rivendertelo a una cifra che ci vada bene. pensavo 1800. Prodotto acquistato nel dicembre 2011 con garanzia di 24 mesi. Non potresti trovare occasione migliore:)

Saluti
in bocca a lupo


 :'(  com'è ingiusto il mondo  :'(
Io son qui che da mesi faccio la formichina per upgradare il mio piano.. e c'è chi può permettersi di dire "adesso del piano non so che farmene"... sob...!


jollystar5

Re:Piano digitale
Maggio 16, 2012, 03:54:10 am
Per altri problemi ho dovuto trascurare la scelta del pianoforte digitale.
Negli scorsi giorni, ho provato uno yamaha cvp501 e ho avuto una buona impressione.
Certo, non so se tutto il sistema dell'accompagnamento poi sarà effettivamente utile e non so se vale la pena di spendere di più per averlo (il piano costa 2049 euro su scavino)
Una cosa però mi ha lasciato interdetto: sul pdf illustrativo di questo piano e sul manuale di istruzioni, il modello 501 è privo della possibilità di registrare e riprodurre su usb (che esiste invece su modelli di fascia più bassa).
Dunque, si può farlo solo collegandolo al computer?

midisil

Re:Piano digitale
Maggio 16, 2012, 08:36:38 am
Per altri problemi ho dovuto trascurare la scelta del pianoforte digitale.
Negli scorsi giorni, ho provato uno yamaha cvp501 e ho avuto una buona impressione.
Certo, non so se tutto il sistema dell'accompagnamento poi sarà effettivamente utile e non so se vale la pena di spendere di più per averlo (il piano costa 2049 euro su scavino)
Una cosa però mi ha lasciato interdetto: sul pdf illustrativo di questo piano e sul manuale di istruzioni, il modello 501 è privo della possibilità di registrare e riprodurre su usb (che esiste invece su modelli di fascia più bassa).
Dunque, si può farlo solo collegandolo al computer?

Io devo essere sincero... ho provato il yamaha cvp501 in negozio.... e di fianco c'era il Roland HP 505 (che poi ho acquistato) e devo dire che il yamaha cvp501 non mi è piaciuto per nulla... il confronto a livello di timbri non reggeva assolutamente.

Roland molto più pieno ai bassi...  ed anche la tastiera non mi aveva convinto (ma quello è un fattore personale)

jollystar5

Re:Piano digitale
Luglio 04, 2012, 01:25:38 pm
Per altri problemi ho dovuto trascurare la scelta del pianoforte digitale.
Negli scorsi giorni, ho provato uno yamaha cvp501 e ho avuto una buona impressione.
Certo, non so se tutto il sistema dell'accompagnamento poi sarà effettivamente utile e non so se vale la pena di spendere di più per averlo (il piano costa 2049 euro su scavino)
Una cosa però mi ha lasciato interdetto: sul pdf illustrativo di questo piano e sul manuale di istruzioni, il modello 501 è privo della possibilità di registrare e riprodurre su usb (che esiste invece su modelli di fascia più bassa).
Dunque, si può farlo solo collegandolo al computer?

Io devo essere sincero... ho provato il yamaha cvp501 in negozio.... e di fianco c'era il Roland HP 505 (che poi ho acquistato) e devo dire che il yamaha cvp501 non mi è piaciuto per nulla... il confronto a livello di timbri non reggeva assolutamente.

Roland molto più pieno ai bassi...  ed anche la tastiera non mi aveva convinto (ma quello è un fattore personale)

Effettivamente ho notato anche io questa differenza tra yamaha e roland nelle ottave più basse. Il roland mi pare migliore come timbro, ma forse meno attraente per la tastiera.
Approfitto per farti qualche domanda più specifica.
Il 501 ha tutto il sistema dell'accompagnamento automatico che fa molta scena, ma non so quanto poi mi piacerebbe usare in concreto.
Il roland invece non mi pare che ce l'abbia, perché mi pare più essenziale nelle caratteristiche.
Ma mi chiedo: collegando un pc al roland con appropriato software (quale?) si potrebbe ottenere un ampliamento delle possibilità dello strumento?
Insomma, le caratteristiche che non ha di base (tipo l'accompagnamento automatico e via dicendo) si potrebbero cmq ottenere in tempo reale (senza elaborazione successiva) attraverso l'utilizzo di un software esterno?
Apprezzo ogni suggerimento! :-)

*

Lorenzo221

Re:Piano digitale
Luglio 04, 2012, 01:50:56 pm
Non ho seguito tutti post, ma posso rispondere al primo:
I pianoforti digitali, sono studiati in laboratori più tecnologici al mondo, per ricostruire con materiali sintetici il tocco, e la pressione di un tasto di piano forte acustico (la Roland ad esempio, utilizza plastiche speciali per sostituire l'avorio), non ha senso cambiare l'approccio con un pianoforte digitale, apparte gli esperti, chiunque potrebbe confondere un tasto di un pianoforte acustico con uno digitale. La voglia di questo acquisto è un po' da giustificare, e comunque io te la sconsiglierei in ogni caso, se vorresti sentire il timbro di un altro strumento suonando con la tecnica del pianoforte, posso assicurarti che le tue aspettative non saranno esaudite (rimarrai deluso dopo pochi giorni :( ), il volume regolabile è quasi del tutto inutile, perchè ti accorgerai che quando non potrai suonare con il massimo del volume, non potrai suonare in alcun modo, anche con il volume al minimo; inoltre la scarsa fedeltà di suono del pianoforte ed il tocco simile ma non uguale, non fanno che aumentare la controproducenza nel suonare un pianoforte acustico.
In effetti, i veri motivi per cui si acquista un pianoforte digitale, pur avendone uno acustico, sono la traspotabilità ed il fatto che si possa suonare con le cuffie, a meno che tu non abbia esigenze di suonate notturne, o comunque fuori orario, o di suonare durante le vacanze, quando esci e vai in albergo, il pianoforte digitale, è un ammasso di tecnologia avanzata controproducente alla vera e propria suonata acustica.
Della tastiera midi, non ne voglio parlare, prendi tutti gli svantaggi che o descritto riguardo al pianoforte digitale, e moltiplicali per 10, è come un altro strumento, e bisogna avere un approccio diverso, una scuola diversa, dei brani diversi, tutta quella plastica per i tasti, che le danno un tocco innaturale, per non parlare delle dimensioni dei tasti, la lunghezza e addirittura la possibilità di avere meno di 8 ottave...
Lascia perdere, dopo appena 2 o 3 mesi, la tua maestra ti dirà di lasciar perdere, dovresti raddoppiare tutto il lavoro con il pianoforte acustico, a meno che tu non lo voglia proprio abbandonare, ma sarebbe un vero peccato, e partiresti in salita per suonare la tastiera.  :'(
Potrei continuare a parlare di svantaggi all'infinito, ma ti scrivo solo questi per non annoiarti troppo.
Se l'hai già comprata, non è un problema, la puoi rivendere, o conservare per ogni necessità.  ;)
Saluti, Loryea.
Dopo il silenzio, ciò che più si avvicina a esprimere l’ineffabile è la musica.
E. Jabès

jollystar5

Re:Piano digitale
Luglio 05, 2012, 02:22:28 am
Non ho seguito tutti post, ma posso rispondere al primo:
I pianoforti digitali, sono studiati in laboratori più tecnologici al mondo, per ricostruire con materiali sintetici il tocco, e la pressione di un tasto di piano forte acustico (la Roland ad esempio, utilizza plastiche speciali per sostituire l'avorio), non ha senso cambiare l'approccio con un pianoforte digitale, apparte gli esperti, chiunque potrebbe confondere un tasto di un pianoforte acustico con uno digitale. La voglia di questo acquisto è un po' da giustificare, e comunque io te la sconsiglierei in ogni caso, se vorresti sentire il timbro di un altro strumento suonando con la tecnica del pianoforte, posso assicurarti che le tue aspettative non saranno esaudite (rimarrai deluso dopo pochi giorni :( ), il volume regolabile è quasi del tutto inutile, perchè ti accorgerai che quando non potrai suonare con il massimo del volume, non potrai suonare in alcun modo, anche con il volume al minimo; inoltre la scarsa fedeltà di suono del pianoforte ed il tocco simile ma non uguale, non fanno che aumentare la controproducenza nel suonare un pianoforte acustico.
In effetti, i veri motivi per cui si acquista un pianoforte digitale, pur avendone uno acustico, sono la traspotabilità ed il fatto che si possa suonare con le cuffie, a meno che tu non abbia esigenze di suonate notturne, o comunque fuori orario, o di suonare durante le vacanze, quando esci e vai in albergo, il pianoforte digitale, è un ammasso di tecnologia avanzata controproducente alla vera e propria suonata acustica.
Della tastiera midi, non ne voglio parlare, prendi tutti gli svantaggi che o descritto riguardo al pianoforte digitale, e moltiplicali per 10, è come un altro strumento, e bisogna avere un approccio diverso, una scuola diversa, dei brani diversi, tutta quella plastica per i tasti, che le danno un tocco innaturale, per non parlare delle dimensioni dei tasti, la lunghezza e addirittura la possibilità di avere meno di 8 ottave...
Lascia perdere, dopo appena 2 o 3 mesi, la tua maestra ti dirà di lasciar perdere, dovresti raddoppiare tutto il lavoro con il pianoforte acustico, a meno che tu non lo voglia proprio abbandonare, ma sarebbe un vero peccato, e partiresti in salita per suonare la tastiera.  :'(
Potrei continuare a parlare di svantaggi all'infinito, ma ti scrivo solo questi per non annoiarti troppo.
Se l'hai già comprata, non è un problema, la puoi rivendere, o conservare per ogni necessità.  ;)
Saluti, Loryea.

Ti ringrazio.
In realtà, io non sono un musicista, quindi suono il piano (diciamo maluccio) per mero diletto. So bene che un pianoforte digitale ha tutta una serie di limitazioni, ma ha anche alcune caratteristiche che lo rendono per me interessante.

*

Lorenzo221

Re:Piano digitale
Luglio 05, 2012, 03:17:53 pm
Quali caratteristiche? A me pare di averle indicate tutte,
oltre alle limitazioni ha:
- Il cambio di timbro (che oltre a non essere più divertente dopo un po', è anche controproducente allo studio [anche allo strimpellamento] del pianoforte acustico);
- Il cambio di volume (che non viene utilizzato quasi mai appunto per il fatto che ci sono pochissimi casi in cui il volume non può essere al massimo e puoi comunque suonare senza disturbare);
Poi ha funzioni aggiuntive:
- Canzoni registrate;
- Metronomo incorporato;
- Amplificatore audio;
ma tutte queste funzioni possono essere sostituite da un costo complessivo minore del pianoforte digitale.
Non riesco a capire a cosa ti possa servire...  :(
Dopo il silenzio, ciò che più si avvicina a esprimere l’ineffabile è la musica.
E. Jabès