0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Ifigenia

kawai BL61 o schulze pollmann?
Maggio 20, 2013, 04:56:38 pm
Gentili amici del forum,

sono ancora alla ricerca di un pianoforte acustico verticale. Ultimamente ho avuto occasione di provare, presso un rivenditore, un kawai mod. BL61  special degli anni Settanta (h. 131 cm), completamente rigenerato (sono state rifatte anche le cavigliere) circa tre anni fa. Il suono corposo  mi piaciuto molto e il negoziante me lo venderebbe per 2.700 con un anno di garanzia.
Poi ho provato, presso un privato, uno schulze pollmann acquistato nuovo nel 2009, mod. sp 114  matricola zz4889. Il suono mi ha convinto un po' meno ma il pianoforte stato tenuto molto bene. La proprietaria si trasferisce negli Stati Uniti e, pertanto, costretta a liberarsene. Ho aperto il coperchio superiore e ho notato che sui feltrini dei martelli si notava l'impronta delle corde e il legno del coperchio era leggerissimamente, dico leggerissimamente imbarcato sul lato sinistro. La proprietaria ne chiede 2.500 e non disposta a trattare sul prezzo.
Cosa ne pensate? meglio un rigenerato ma alto 1.30, imponente etc. o un pianoforte nuovo? Cosa scegliereste?
Inoltre come vi sembrano le richieste?
Attendo con ansia il Vostro parere. :)

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3102
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
Re:kawai BL61 o schulze pollmann?
Maggio 22, 2013, 03:57:03 pm
2.700 per un rigenerato degli anni 70???? mah non saprei..... il fatto che abbiano cambiato le cavigliere direi quasi di norma pure se nn lo fosse.... spero abbiano cambiato l'intera cordiera piuttosto.... anche se mi piacerebbe vedere com' messa la cassa armonica....  per lo shulze.... l'imbarcatura non mi preoccupa troppo se lieve... i feltri... mi pare strano siano gi segnati dopo neanche 4 anni.....
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ci che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verit che la vera musica non mai 'difficile'. Questo so