0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Domy90

Consiglio su nuovo tastiera/piano
Luglio 18, 2021, 09:17:32 pm

Buonasera a tutti.
Chiedo consigli a voi,

Vorrei comprare una tastiera con i tasti pesati così che io possa eseguire i coloriti.
Ho già una tastiera che non ha i tasti pesati e vorrei cambiarla.

Budget sui 350€

Se qualcuno può consigliarmi in modo da fare un buon acquisto.

Grazie mille a tutti. 😊

*

sergiomusicale

Re:Consiglio su nuovo tastiera/piano
Luglio 19, 2021, 12:52:54 pm
Penso che tu abbia gi  letto questo post:
https://forum.pianosolo.it/quale-pianoforte/primo-approccio!-consigli-piano/
altrimenti comincia da questo per farti un'idea... nella sezione ci sono molti consigli al riguardo  ;)

Domy90

Re:Consiglio su nuovo tastiera/piano
Luglio 19, 2021, 03:15:27 pm

Penso che tu abbia già letto questo post:https://forum.pianosolo.it/quale-pianoforte/primo-approccio!-consigli-piano/altrimenti comincia da questo per farti un'idea... nella sezione ci sono molti consigli al riguardo  ;)


Grazie mille Sergio,  si avevo già letto questa discussione.
Infatti ho preso nota dei modelli.
Leggendo un po in giro ho trovato questi modelli:
YAMAHA P45, P127, P121, P71
CASIO CDSP 100
KORG B1


Ecco sono confuso perché non capisco le differenze tra di essi.
Mi potrebbe spiegare, in maniere semplice, le differenze?
La ringrazio per il suo tempo e pazienza.

*

MarkVip0

Re:Consiglio su nuovo tastiera/piano
Luglio 27, 2021, 04:51:03 pm
Buonasera,
io ti consiglio Yamaha, perchè dimostra alta qualità e soprattutto, rispetto alle altre, maggiore durata nel tempo.
In base al tuo budget ti consiglierei:
Tastiera Yamaha Piaggero NP-32
61 tasti pesati
Può essere appoggiata ad un tavolo o su un supporto per tastiera a x.

Pianoforte digitale Yamaha P-45
88 tasti pesati
È possibile abbinare il supporto coordinato che rende lo strumento molto più stabile ed è possibile abbinare il pedale del sustain.

Spero di esserti d'aiuto
Ultima modifica: Luglio 27, 2021, 04:53:58 pm da MarkVip0
«La musica deve toccare le emozioni prima e l’intelletto poi.»
Maurice Ravel
Valentina Lombardo