Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - mmax2

Pagine: 1 2 [3] 4 5 ... 11
31
Quale pianoforte? / Re:Yamaha DGX 650
« il: Maggio 31, 2014, 11:27:38 am »
Ciao! Io ho il DGX640, ma l'ho preso perché ho già un piano acustico e volevo qualcosa con tastiera "pesata" che potesse fare tanti timbri. Immagino che il DGX650 sia il modello più nuovo ma non si discosti più di tanto. Ho messo tra virgolette il "pesata" perché ritengo che non sia una gran tastiera, come tipo di tocco intendo. Poi se devo valutare il rapporto qualità prezzo, mi sembra buono. Se tu intendi intraprendere un percorso serio di studio del pianoforte, penso sia meglio andare su altre tastiere. Se invece hai poco budget e vuoi sia il piano che le altre timbriche che questi strumenti danno, allora...
Massimo

32
Di tutto e di più / Re:Contest improvvisazione!
« il: Maggio 30, 2014, 10:27:50 pm »
Ma... ma... bisogna filmarsi mentre si improvvisa per 2 minuti!
Ma... leggo dall'articolo relativo: "Il mio intento è di avvicinare a questa pratica chi dice di non essere in grado di creare musica in tempo reale...". Io mi riconosco in questa frase! Quindi bisognava regalare i posti a chi ne aveva più bisogno, cioè noi poveri "ancorati" allo spartito!  :'(
Vabè, non c'è speranza, "è un'ingiustizia però..." (emoticon di Calimero)...
Massimo

33
Di tutto e di più / Re:"Unire" i fogli degli spartiti musicali
« il: Maggio 26, 2014, 11:08:50 pm »
Eeeh, magari fossi capace di eseguire un brano improvvisando da me... ormai ho fatto certi studi e ho imparato a suonare così, leggendo lo spartito. Ho anche provato, tempo fa, ad andare a lezione da un peraltro bravissimo insegnante di pianoforte jazz, ma ho visto subito che ci voleva troppo impegno, e mi manca la volontà. Lo stesso mi piace suonare le trascrizioni jazz in questo modo, so benissimo che così non è più jazz ma mi va bene così. E vedo che piace anche a quelli che mi stanno intorno, quindi non ci trovo niente di male.
Massimo

34
Di tutto e di più / Re:"Unire" i fogli degli spartiti musicali
« il: Maggio 22, 2014, 11:29:15 pm »
Pianoth! Io immagino che tu sia un professionista, cioè uno che ha scelto di fare della musica la sua professione e quindi può dedicarci un tot di ore al giorno, come è giusto che sia. Però io penso che la maggior parte delle persone che frequentano questo forum siano dei dilettanti, come me, cioè gente che suona per diletto (proprio e di chi gli sta intorno), gente che molto probabilmente non farà mai concerti, ma che lo stesso trae grandi soddisfazioni dal proprio strumento. Io posso dedicare pochissimo tempo al pianoforte, faccio un altro lavoro, ho famiglia e 4 figli ancora "ben minorenni", quando trovo mezz'ora al giorno per suonare mi va grassa, tanti giorni non faccio niente, per imparare un pezzo nuovo ci metto mesi... che possibilità avrei di far sentire ai miei amici un pezzo che va oltre le 2-3 pagine se non escogitassi degli stratagemmi "poco professionali"? Non è assurdo perciò riscrivere 8 pagine in 3 (che Lilypond sia più lento è da dimostrare, stiamo facendo una gara io e mio figlio, lui scrive con Sibelius (fa il liceo musicale) e per ora vinco io). Il risultato si può vedere qui:
http://www.youtube.com/watch?v=I5qFbG1hFoY#
Non era pensabile per me studiare questo pezzo senza riscriverlo, perché non c'è un solo punto in cui si possa girar pagina. E' per me troppo difficile imparare a memoria, e poi dovrei costantemente "rinfrescare" per non dimenticare, mentre con lo spartito in 2 volte mi torna tutto nelle dita. Ecco perché ho scritto quel post, se magari qualcuno è nelle mie stesse condizioni può trarre ispirazione.
Tra parentesi, l'ultimo concerto che sono andato ad ascoltare è stato di Enrico Pieranunzi: un grandissimo! Aveva i suoi spartiti, ogni tanto anche si girava la pagina (da solo), ma la musica non ne ha minimamente risentito.
Massimo

35
Di tutto e di più / Re:Nuovo corso su Pianosolo
« il: Maggio 22, 2014, 10:39:18 pm »
Grandissima idea!
Approvo!
Massimo

36
Di tutto e di più / Re:"Unire" i fogli degli spartiti musicali
« il: Maggio 22, 2014, 03:18:03 pm »
Problema moolto interessante.
Anzitutto, io non trovo vero per tutti quello che dice 71demy, nel mio caso per esempio non lo è. Verissimo che imparare a memoria ti consente di padroneggiare il brano molto meglio, però per me è molto peggio, durante l'esecuzione, dover ricordare le note che non leggerle direttamente. Quindi cerco modi per evitare il giramento di pagine, ma senza molto successo. Il sistema finora migliore, ma purtroppo estremamente dispendioso in termini di tempo, consiste nel ricopiare lo spartito in un programma di videoscrittura per spartiti. Con il programma che uso io (Lilypond) si può:
- Scegliere quando inserire l'interruzione di pagina (durante pause lunghe, quindi).
- Stampare in formato A3 (ci stanno molti più righi!).
- Ridurre a piacere la dimensione dei vari elementi dello spartito (note, righi...), una specie di zoom che però è molto più intelligente di uno zoom: il foglio viene infatti rielaborato e quindi se il rigo è più piccolo e le note sono più piccole ce ne stanno di più, non so se mi spiego.
In questo modo sono riuscito a far stare uno spartito da 8 fogli A4 in 3 fogli A3, e non giro più pagine in quella composizione... mi sta venendo un'idea: che ne dicono i "grandi capi" di Pianosolo di aggiungere una scelta nella sezione spartiti tipo "senza girar pagine", in cui chi ha la possibilità invia spartiti che appunto hanno certe caratteristiche opportune per noi "smemorati"? Si potrebbe fare una specie di votazione per lo spartito (ovviamente senza problemi legati al diritto d'autore) da "unificare" e chi ne ha la possibilità (tecnica e di tempo) si prende l'impegno e lo pubblica... attendo feedback.
Massimo

37
Armonia / Re:Stile e omplessità di E Poi vista dal lato pianistico
« il: Maggio 14, 2014, 10:43:57 pm »
In che punto del video?
Massimo

38
Tecnica / Re:Domanda ingenua sulla velocità di esecuzione
« il: Aprile 29, 2014, 11:26:04 pm »
Non capisco la domanda. Chi ha già la tecnica parte sicuramente avvantaggiato rispetto a chi non ce l'ha, indipendentemente dal genere musicale. O non era questa la domanda?
Massimo

39
Presentiamoci / Re:Mi presento e chiedo aiuto!
« il: Aprile 28, 2014, 11:03:53 pm »
Ciao Andrea.
Io ho 47 anni e purtroppo comincio ad avere problemi di tendini, non al gomito, almeno per ora, però il discorso mi interessa: potresti tenerci informati di quello di cui vieni a conoscenza?
Grazie
Massimo

40
About Jazz / Re:Che brano è?
« il: Aprile 25, 2014, 11:14:17 pm »
Mille grazie.
Massimo

41
About Jazz / Che brano è?
« il: Aprile 20, 2014, 11:43:32 pm »
Buonasera a tutti.
Ho visto questo:
keith jarrett - Piano Solo
e chiedo aiuto agli esperti jazzisti: sapete di che brano si tratta?
Grazie
Massimo

42
Problemi tecnici / Re:ampli x cuffie alta impedenza… help
« il: Aprile 20, 2014, 11:37:15 pm »
Direi anch'io: uscita "line" del piano che entra nell'aux (se c'è anche il preampli) del Rotel.
Massimo

43
Problemi tecnici / Re:ampli x cuffie alta impedenza… help
« il: Aprile 18, 2014, 12:47:06 am »
Da quello che so, le cuffie ad alta impedenza sono più "difficili" da pilotare, cioè richiedono un amplificatore più potente del normale. Visto che di solito l'impedenza delle cuffie va da 8 a 25 ohm, con 120 ohm la potenza cala parecchio... Per apparecchi alimentati a pile, es. chiavetta mp3, iPod e compagnia non credo che si possano collegare direttamente e avere un suono abbastanza potente.
Che sia il caso di prendere un amplificatore per cuffie? Da quello che vedo in Internet, pare che non sempre sia la soluzione, ma può portare altri problemi. Quindi, secondo me, non ti puoi fidare di comprare alcunché "a scatola chiusa" (neanche il mixer), ma o vai in negozio con il tuo strumento e provi "dal vivo", o cerchi di farti dare l'articolo "in prova" dal negoziante per verificare bene a casa tua.
Massimo

44
Tecnica / Re:Studiare con il metronomo
« il: Aprile 08, 2014, 03:21:29 pm »
Non sono un esperto, ma credo che i tempi dei metronomi software servano per capire dove scade il primo quarto, o comunque il primo "battere" della battuta. Quindi se metti 3/4 avrai l'accento (o il suono diverso, tipo campanello) ogni 3 battiti, se metti 6/8 ce l'hai ogni 6. Se vuoi un tempo di 80 alla croma, se metti 3/4 avrai il campanello all'inizio e a metà battuta. Se metti 6/8 ce l'hai solo all'inizio della battuta. Poi bisogna vedere quali opzioni prevede il software. Se si esclude il campanello, mi sembra che questi tempi non abbiano più alcun significato... attendiamo il parere di qualche esperto.
Massimo

45
Tecnica / Re:Studiare con il metronomo
« il: Aprile 05, 2014, 11:53:17 pm »
Io il quarto punto l'ho capito così:
Per fare un esempio, immagina una scala di do maggiore "do re mi fa sol la si do" scritta in sedicesimi.
Per prima cosa, la si studia a 40 bpm, e fin qui tutto bene.
Poi si comincia a "sfasare" di un sedicesimo: immagina di mettere una pausa di un sedicesimo e poi la stessa scala: ecco che gli accenti sul primo e secondo quarto che prima erano do e sol, adesso diventano la pausa e il fa (e l'ultimo do scadrà sul terzo quarto). E così via, immagina di mettere una pausa di un ottavo... poi di un ottavo e mezzo... e hai fatto tutti i possibili slittamenti di fase dei sedicesimi.
Massimo

Pagine: 1 2 [3] 4 5 ... 11