Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - Pianoth

Pagine: 1 ... 76 77 [78]
1156
Tecnica / Re:Schubert: improvviso op. 90 no. 2
« il: Giugno 24, 2013, 11:23:43 am »
Mi correggo, non ero davanti al piano, metto la seguente:
321 321 312 321 321 321 321 321 321 532...
Comunque il concetto è quello, per farlo con semplicità bisogna mettere la stessa diteggiatura in passaggi con difficoltà tecnica uguale.

1157
Tecnica / Re:Schubert: improvviso op. 90 no. 2
« il: Giugno 24, 2013, 11:10:15 am »
Io in quel passaggio metto la diteggiatura:
321 312 312 321 321 321 321 321 321 532 ...
Da notare la ripetizione del 3, per evidenziare più facilmente la terzina.
5 per dare un po' di importanza in più alla nota e perché 4 è il dito più debole della mano.
Personalmente la ritengo la migliore, non ho mai neanche pensato di provare a cambiarla dato che così esce perfettamente pulita. Ad essere sincero non ci ho mai neanche fatto caso, l'ho trovata automaticamente. Nei passaggi in cui si ripete una stessa tipologia di tecnica conviene ripetere le stesse dita. D'altronde anche Christian l'ha fatto, ripetendo (312). Io preferisco (321) perché mettere il pollice su un tasto nero potrebbe dare accidentalmente un accento non voluto. Dipende comunque anche dalla mano.

1158
Tecnica / Re:pedale nel preludio la goccia d'acqua
« il: Giugno 23, 2013, 02:54:21 pm »
Adesso che ci penso un po' meglio però, se non vuoi mettere il pedale nella parte centrale non devi metterlo neanche all'inizio e alla fine. La nota che ripete, ripete e ripete deve essere sempre uguale in tutto il pezzo. Se non metti il pedale nella parte centrale ma lo metti all'inizio allora in effetti è come se improvvisamente avessi completamente cambiato il pezzo, mentre invece è un pezzo unico, è un preludio tra l'altro. Comunque è sempre un'opinione personale.

1159
Tecnica / Re:pedale nel preludio la goccia d'acqua
« il: Giugno 23, 2013, 02:39:37 pm »
Allora diciamo che non è né giusto né sbagliato, è interpretazione.
In effetti mi viene in mente che il quarto pezzo del Children's Corner viene sempre suonato con tantissimo pedale, dall'inizio alla fine, mentre invece personalmente quando lo suono ne uso pochissimo, solo nella parte centrale.

1160
Tecnica / Re:pedale nel preludio la goccia d'acqua
« il: Giugno 23, 2013, 02:27:04 pm »
Secondo me invece il pedale ci vuole, perché altrimenti il suono in quella parte è troppo secco, dovrebbe essere più fluido, pieno e continuo possibile... Secondo me. Non è un parere assolutamente di cui fidarsi, però è un'opinione.

(E ovviamente, mentre postavo, pianomanvictor ha detto meglio praticamente quello che volevo dire io... Ci tengo a precisare però che "goccia d'acqua" è un nome che non è stato dato da Chopin.)

1161
Di tutto e di più / Re:Scrivere il programma di quinto anno...
« il: Giugno 23, 2013, 02:00:46 am »
Comprendo il tuo parere. L'anno scorso ho studiato 4 sonate di Mozart, allora diciamo che per variare un po' ho studiato questa di Beethoven che è raramente portata agli esami perché comunque difficile a livello interpretativo...
Per quanto riguarda gli studi, ho studiato tantissimi studi di Czerny e tantissimi di Cramer. Dato che, come puoi facilmente vedere, volevo portare un programma con tanti autori, ho studiato anche 4 studi di Clementi e ben 7 di Chopin... E ho scelto quelli che mi uscivano un po' meglio. In particolare Chopin: op. 10 N. 1 è perfetto per me, che ho una mano destra grande e veloce.
Ho studiato talmente tanti pezzi comunque che forse potrei addirittura fare un altro programma completamente diverso da questo. Non ho intenzione di cambiario in ogni caso, sono sicuro di tutto ciò che porto.
Direi che la prova che mi preoccupa di meno sarebbe sempre la lettura a prima vista: quando avevo qualcosa come 12 anni, ho imparato Mefisto Valzer di F. Liszt a memoria in qualcosa come una settimana (anche se a 12 anni suonavo molto peggio di come suono ora).

Grazie della risposta comunque.

1162
Di tutto e di più / Scrivere il programma di quinto anno...
« il: Giugno 22, 2013, 05:33:16 pm »
Come si scrive il programma di quinto anno (compimento inferiore, vecchio ordinamento)? È veramente l'unico dubbio che ho. Mi rendo conto che è un dubbio veramente stupido, credo. Cosa bisogna scrivere oltre alla lista dei pezzi da portare?
Porterò i seguenti:

____
C. Czerny  : Op. 740 N. 1, 3, 7, 8, 17, 27 e 37
G. B. Cramer - Bülow : 60 Studi Scelti per pianoforte N. 1, 8 e 35
M. Clementi : Gradus ad Parnassum N. 2 e 9
F. Chopin : Op. 10 No. 1

J. S. Bach
- Suite inglesi II e III
- Invenzioni a tre voci : 10, 11 e 15
*
D. Alberti : Giga (Allegro molto)
D. Scarlatti :
- Sonata in sol maggiore (Allegro)
- Sonata in re maggiore (Tempo di ballo)
*

L. Beethoven : Sonata (Sonata quasi una Fantasia) Op. 27 N. 2

C. Debussy : Children's Corner

Scale maggiori e minori melodiche ed armoniche per terze e per seste, per moto parallelo e contrario.

* Sono prese da "Clavicembalisti Italiani" di T. Gargiulo e G. Rosati. Sono rispettivamente N. 3, 18 e 20.
____

Grazie in anticipo per l'aiuto.

Pagine: 1 ... 76 77 [78]