Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - GikoGomez

Pagine: [1]
1
Quale pianoforte? / Re:Consiglio su silent postmontato o ibrido
« il: Dicembre 12, 2020, 03:21:19 pm »
Spiace di arrivare tardi a rispondere, ho avuto guai di varia natura, anche se non virale , un brutto incidente.
Vorrei dire la mia, innanzitutto concordo con il fatto che un silent aftermarket (si chiamano così quelli installati dopo) non va ancora bene... si lo so, siamo a fine 2020... eppure.... non va. Tasti che suonano piu piano, alcuni che smettono di suonare, se non ti piace il suono ed usi il midi, non tutti trasmettono, inoltre alcuni perdono la curva dinamica e suonano sempre allo stesso volume, sia che tu premi piano che forte.
Chiarisco che questi problemi non avvengono tutti assieme, uno di essi accade spesso, e anche se per un periodo l'installazione è coperta da garanzia, è comunque una bella botta di male al basso ventre.
Inoltre hai mai considerato che:
- un piano a coda va messo in mezzo alla stanza (90% delle volte) e il cavo elettrico che attraversa la stanza potrebbe far ululare (questa volta a ragione) la consorte? Diverso il caso dei verticali il cui cavo e la presa possono venire nascosti dal piano;
- Un acustico silent, ha una meccanica davvero rumorosa se confrontato ai digitali puri, e se risolvi il problema nel condominio, potresti avere il problema dentro casa perchè se nella stanza, o vicinanze, c'è qualcuno che studia o guarda la TV lo sbattere della meccanica è davvero fastidioso. In seconda posizione, come rumorosità ci sono i digitali ibridi, con la meccanica simile all'acustico ma racchiusa dentro il case del piano, quindi meno rumorosa. Vai a provare come suona un piano ibrido da spento, e moltiplica quel rumore per due;
- il silent di fabbrica pur considerando la stessa versione, ha un costo che incide per circa 3000€ nei modelli di pianoforte base, fino a 7000€ nei modelli top. Perchè? E lo chiedi a me?
- alla fine ho preso  un GL-10 ATX 2 per provare, beh lo suono acustico.... il cavo elettrico non si può proprio vedere.
Se hai domande... se non l'hai comprato... sono qui... ma spero di esser stato utile a coloro i quali devono scegliere.
Se ho scritto inesattezze non mi offendo, correggetemi pure.

2
Le mie composizioni / La mia composizione
« il: Febbraio 03, 2020, 10:14:44 am »
Ciao vorrei proporre all'ascolto questo brano


https://www.youtube.com/watch?v=_nDB8dQEuaw


per avere una vostra opinione, grazie

3
Quale pianoforte? / E' arrivato il momento di scegliere il pianoforte
« il: Febbraio 01, 2020, 11:04:11 am »
Ciao a tutti dopo varie problematiche che non sto a raccontarvi... E' venuto il momento di scegliere il piano. Un piano "con la coda" come l'ho sentito chiamare da un negoziante.
Come consigliato in numerosi post, dovrebbe essere un acquisto per la vita e quindi meglio nuovo.


Il problema è che il margine di guadagno è superiore nei piani usati e quindi nessuno tiene modelli nuovi; per provarlo nuovo dovrei andare a Milano o Vienna, dove però i prezzi per lo stesso strumento sono superiori rispetto a un mega negozio nei miei dintorni che lo ordinerebbe senza problemi.


Ovviamente sono consapevole che fra modelli nuovi le differenze sono minori rispetto agli usati, ma ci sono.
Che fare? Un usato non mi va soprattutto per il silent, che se installato post vendita non mi soddisfa come suono (dai un conto è accendere il silent e suonarlo, un altro è accendere anche il pc, avviare pianoteq, ecc ecc).


Silent, e qui c'è un problema nel problema.


Dal momento che l'installazione di un retrofit ha costi fissi sia per un Verticale che per un Coda, non capisco proprio come lo stesso sistema di fabbrica costi dai circa 3K di un verticale ai circa 6-8k di un 180cm. E qui se vogliamo, c'è un problema, nel problema, nel problema.
Kawai la mia preferita, mette il sistema ATX3 solo sul verticale, che è il sistema dei piani digitali CA98, e costa esattamente come il CA98, circa 3k. Pertanto sul verticale la spesa è giustificata.
Nei coda invece, oltre a seguire la logica del prezzo crescente, ci ficcano un ATX2, che è un sistema vecchio di 7-8 anni se non erro. Yama installa comunque l'ultimo sistema, il SH2
Poi se vogliamo c'è l'ultimo 1/4 di problema (dai non ridete) che kawai in italia è praticamente inesistente. Io sto nel veneziano, chi viene in caso di problemi? Vienna? Milano?


Pertanto  la mia scelta che sarebbe stata GX1 ATX2 al momento ricade su C1X SH2.
Si lo so che con un paio di mille euro in più mi salterebbe fuori il C2x ma temo che suoni troppo forte. La stanza è 4.40x4.


Che ne pensate?

4
Quale pianoforte? / Re:Dilemma
« il: Agosto 08, 2019, 06:24:38 pm »
si, ora sto usando firefox e li vedo piccoli

5
Quale pianoforte? / Re:Dilemma
« il: Agosto 07, 2019, 03:13:18 pm »
grazie ho provato a modificare anche se lo vedo correttamente

6
Quale pianoforte? / Re:Dilemma
« il: Agosto 07, 2019, 02:40:06 pm »
Ciao e grazie, vorrei capire questa cosa dei caratteri io li vedo normali, anche se grigi e con il monitor mi danno un po' fastidio. C'è modo di cambiare il colore di default di tutti i forum?


Per il piano avevo anche pensato di metterci un modulo silent, ma su un piano di quel livello... ci penserò.

7
Quale pianoforte? / Re:Chiedo consiglio per acquisto pianoforte digitale
« il: Agosto 07, 2019, 02:17:21 pm »
bella la serie ca di kawai, da non sottovalutare la connettività bluetooth che ti fornisce varie possibilità fra le quali seguire uno spartito sul tablet con le note che si evidenziano man mano che le suoni


Altra cosa da non sottovalutare, visto che chi opta per il digitale potrebbe aver problemi di rumorosità, provare ad ascoltare anche come suona da spento, perchè ce ne sono alcuni di veramente rumorosi e messi in una sala TV o vicino una camera da letto non sono il massimo.

8
Quale pianoforte? / Dilemma
« il: Agosto 07, 2019, 02:08:15 pm »
Allora premetto che mi sono letto tutte le aree del forum e non ce n'è una adatta alla mia domanda, quella che forse più si avvicina è questa;

Nell' 80 i miei mi regalarono il mio primo (e unico) piano acustico, un Horugel verticale.
Niente di che, ma è grazie ad esso che sono diventato il pianista strimpellatore che sono oggi.

Mio padre da qualche tempo non c'è più ed il piano, ancora a casa sua, subisce i cambi climatici in quanto non ci abita nessuno.
Quindi per non vedere soccombere uno strumento al quale sono affezionato, ho studiato tutte le soluzioni possibili per ricavare nel mio appartamento un posto a tale piano senza rinunciare al mio angolo musicale composto da 88 tasti, qualche expander, computer microfono ecc.

Sono riuscito a ricavare una situazione di emergenza in attesa di modificare la disposizione del mobilio. A questo punto però nasce un dilemma...
Portare da me il famoso piano o comprarmi un bel Yamaha o Kawai e dare dentro l'Horugel?

Immagino che voi, avendo disponibilità economica, ed valutando dal di fuori la cosa consigliereste la seconda opzione ma per me è un po' dura, ci sono molto affezionato.

Dovrei decidermi prima del prossimo inverno...

9
Presentiamoci / Re:Mi presento anch'io
« il: Agosto 07, 2019, 01:02:48 pm »
Ciao! I miei gusti musicali generali sono orientati alla musica leggera melodica, bossa nova, jazz


Quelli pianistici, orbene mi sono formato con - provate a indovinare? no, dai troppo difficile ve lo dico - con il BEYER! Chi l'avrebbe mai detto!
Poi sono passato ai classici, mi piacciono mozart, chopin, schubert, e tutti quelli che scrivevano brani piacevoli all'ascolto.
Ad esempio, mi sono studiato lo studio 3 op 10 di chopin perchè mi piaceva la prima parte, mentre la seconda non mi è mai piaciuta e l'ho studiata per far contento il maestro e poi immediatamente dimenticata.


Poi passiamo al pianoforte moderno, mi sono formato con Clayderman e Stephen Schlacks, dei quali strimpello qualche pezzo nel mio canale youtube, poi ho studiato per un periodo piano jazz e i miei preferiti sono Bill Evans (mio avatar) oscar peterson, diana krall, petrucciani.


Diciamo che da giovane suonavo meglio di adesso ma or ora leggo meglio la musica che tempo fa.
Infatti, una volta abbandonato il maestro (dovevo dare la maturità e non ero un secchione...) ho continuato per conto mio, ma per colpa del mio grande orecchio non compravo mai spartiti, e suonavo tutto a... primo orecchio, ossia la musica giusta già dal primo colpo senza averla mai suonata prima. E' il caso per esempio, di eleana di Clayderman, che non è certo un pezzo facile, ma l'ho fatta tutta corretta quasi dal primo colpo.


Secondo fattore, ad esempio, mi interessava una musica di un certo tizio, ma per avere quello spartito dovevo prendere tutto l'album, e quindi non potevo ogni volta torturare il portafoglio dei genitori, che già si erano sacrificati per comprarmi il piano.


Quindi non ho seguito con lo studio della lettura, al contrario di adesso che anche solo cercando spartiti free se ne trovano a quintali. La rimanenza si compra per pochissimi euro senza dover comprare tutto l'album.


Fosse stato un tempo come oggi, sarei un pianista migliore.

10
Presentiamoci / Mi presento anch'io
« il: Agosto 07, 2019, 11:55:42 am »
Ciao, sono Giancarlo (Giko) e suono come autodidatta (con lezioni private) da moltissimi anni.
Ho ripreso da qualche anno dopo un periodo difficile, ed è stata dura.


Ho ripreso un certo livello ma non quello giovanile, pazienza.
Ho suonato con varie formazioni (e vabbè, non che ci voglia chissà quale tecnica) e anche un 4et jazz.


Mi diverto anche a comporre, e sono iscritto alla Siae.


Da tempo seguo questo forum come ospite, ed ho deciso di iscrivermi.


Ciao intanto

Pagine: [1]