Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - Frank_9.5

Pagine: [1] 2 3 4
1
Di tutto e di più / Re:Allevi forse forse ha più ritmo di Bach...
« il: Dicembre 16, 2013, 09:41:57 pm »
Dico la mia, secondo me affermazioni del genere sono prive di qualunque senso e perciò incommentabili, serve solo a fare "pubblicità", della serie: bene o male basta che se ne parli... e ci riesce.

2
Di tutto e di più / Re:Percezione distorta dell'orecchio?
« il: Dicembre 06, 2013, 03:20:41 pm »
Per caso studi sempre con le cuffie?
Io quasi sempre sì; e mi sono accorta che devo stare attenta a non esagerare con il volume perché poi quando levo le cuffie mi succede quello che dici tu. Tutto mi sembra stonato.
Non tralasciare questo problema; ti consiglierei di rivolgerti a un otorrino per scartare qualcosa di funzionale nel tuo orecchio.

No a dire il vero non uso mai le cuffie né per studiare né per ascoltare musica... mi sa proprio che è meglio fare qualche controllo!

3
Di tutto e di più / Percezione distorta dell'orecchio?
« il: Dicembre 05, 2013, 02:46:45 pm »
Salve a tutti, oggi vi pongo un quesito un po' strano... un po' di tempo fa suonando il pianoforte mi sono accorto che era un po' stonato perciò ho chiamato l'accordatore per farlo mettere a posto visto che comunque l'ultima accordatura era stata fatta un anno fa. Dopo questo però continuo a suonare i suoni del pianoforte un po' "strani" e mi sono accorto di una cosa ancora più particolare: tutti i suoni che sento mi sembrano "stonati"! Dalla suoneria del telefono, all'intermezzo del telegiornale, al suono di accensione del computer, tutto mi sembra "storto"! Come è spiegabile una cosa del genere? Ho provato a fare ricerche ma non ho trovato nulla  :o

4
Di tutto e di più / Quali sono i migliori insegnanti in Italia?
« il: Novembre 14, 2013, 08:51:08 pm »
Salve a tutti, come da titolo da un bel po' di tempo mi pongo questa domanda... quest'anno frequento l'ultimo anno di liceo e ho deciso di prendere la strada del conservatorio, è ormai un anno che ho iniziato a pensarci e sono convinto di voler intraprendere questa strada. Da parte mia sono molto motivato, ho iniziato a studiare vari brani utili per le ammissioni nei vari conservatori e ho comprato libri di armonia e storia della musica che sto studiando con l'aiuto del mio insegnante... il problema è che non ho la più pallida idea di dove andare l'anno prossimo, molti mi hanno detto che quello che conta non è tanto il conservatorio quanto l'insegnante che ti prende e ti segue e questo mi sembra molto ragionevole, perciò chiedo a voi se sapete dirmi qualche buon nome... io abito nella provincia di Caserta ma personalmente vorrei indirizzarmi verso nord, per cambiare ambiente. Aspetto risposte :)

5
Libri e Materiale didattico / Re:Quale libro per studiare armonia?
« il: Ottobre 28, 2013, 12:47:39 pm »
come ho già detto dipende dall'utilizzo che ne deve fare..... il Piston è un ottimo libro teorico ma se deve fare esercizi anche quella parte è più limitata.....

Per il momento voglio assicurarmi di avere una preparazione adeguata per superare la prova... ecco qui un fac simile: http://www.conservatoriopollini.it/system/files/documenti/Facsimile%20Test%20di%20Armonia%20Ammissioni.pdf
E questo invece è un altro fac simile del test di storia della musica:
http://www.conservatoriopollini.it/system/files/documenti/Facsimile%20Test%20Storia%20della%20Musica%20Ammissioni.pdf

In ogni caso sul sito dice che il non superamento di queste prove di teoria comporta comunque l'ammissione ma con dei debiti, chiaramente però vorrei arrivare lì già con una preparazione di base per poi continuare a studiare :) considerate che vado da un insegnante privato da 9 anni e sto a digiuno con queste materie...

6
Libri e Materiale didattico / Quale libro per studiare armonia?
« il: Ottobre 27, 2013, 08:33:01 pm »
Salve a tutti, come da titolo, sto cercando dei libri per studiare armonia e storia della musica in vista dell'esame di ammissione al triennio che sosterrò l'anno prossimo a settembre.. per quanto riguarda i brani sto già studiando, devo iniziare però con queste due materie. Ho fatto varie ricerche online ma non riesco a orientarmi... per quanto riguarda la teoria generale ho già l'Apreda, com'è come libro?

7
Di tutto e di più / Migliori conservatori nord Italia?
« il: Ottobre 04, 2013, 02:25:42 pm »
Salve ragazzi, come da titolo sto cercando un consiglio sul conservatorio da scegliere per provare a fare l'ammissione l'anno prossimo, dato che frequento il quinto superiore quest'anno. Sono della provincia di Caserta ma ho intenzione di trasferirmi al nord, però non essendo la mia "zona" non saprei proprio dove orientarmi tra i vari istituti... qualcuno mi dà un mano? In particolare mi interesserebbe sapere se qualcuno sa dirmi qualcosa su quello di Padova, visto che la mia ragazza andrà lì a studiare l'università voglio informarmi per vedere se sarebbe una buona scelta studiare lì... ovviamente bisogna mettere in conto anche il costo degli affitti e il resto, spero che qualcuno riesca a darmi una mano :)

8
Le mie esecuzioni / Re:II fuga Bach - WTC - accenti in levare
« il: Agosto 31, 2013, 03:18:58 pm »
Buona idea! Ora torna a farla normalmente grazie ;D
Comunque ho sentito varie note diverse, se l'hai fatto apposta ok, altrimenti ricontrolla bene tutte le note.
Hahaha sì, meglio tornare a quella normale :D qualche nota modificata ci sta, qualche altro piccolo errore comunque c'è! Torno a esercitarmi su quella seria  ;D

9
Le mie esecuzioni / II fuga Bach - WTC - accenti in levare
« il: Agosto 31, 2013, 02:40:48 pm »
Chi non ha mai passato quei momenti in cui non avendo nulla da fare si fa venire in mente le migliori stupidaggini per passare il tempo?  :D stamattina stavo ripetendo come al solito il II preludio e fuga del clavicembalo ben temperato e mi è venuta la bizzarra idea di provare a cambiare un po' gli accenti... personalmente così mi piace e lo trovo abbastanza "jazzistico", basta che non lo fate sentire ai vostri insegnanti di conservatorio altrimenti mi mettono su una qualche black list hahaha buon ascolto! Scusate per la qualità generale e per i soliti, immancabili, piccoli errori :)

II fuga clavicembalo ben temperato - accenti in levare

10
Quello di secret love eccolo qua: Spartito - Giovanni Allevi - Secret Love
Per quanto rigarda 13 dita se non sbaglio non esiste la trascrizione ufficiale, però non sono riuscito a trovarne nessuna online fatta da qualche fan...

11
Tecnica / Re:Come studiare brani molto difficili?
« il: Agosto 29, 2013, 12:56:38 pm »
se per me, prendilo come un esempio esagerato, può essere molto difficile la marcia turca di mozart per te potrebbe essere facile la versione di volodos della stessa.
Adesso non esagerare, sono estremamente difficili entrambi, la differenza è che la versione di Volodos è anche estremamente difficile tecnicamente. Comunque si può decidere di usarlo o no il metronomo, non è una cosa che va usata per forza. Nella versione di Volodos può essere utile per rendersi conto di quanto devono essere veloci certe parti, o può essere utile per praticarle lentamente tenendo sempre lo stesso tempo per poi aumentarlo piano piano... Si potrebbe anche però decidere di usarlo nella versione originale di Mozart, se si ha qualche problema tecnico.

Alla fine credo sia questa la questione, se hai un problema tecnico in una parte è molto consigliabile usare il metronomo, se invece viene già "liscia" non è proprio necessario al 100%...

12
Tecnica / Re:Come studiare brani molto difficili?
« il: Agosto 28, 2013, 10:26:15 pm »
Wow quanti commenti :D da parte mia posso dire che per esperienza usando il metronomo mi sono trovato benissimo per superare difficoltà tecniche (sto provando a suonare la campanella). Parecchie volte quando ero un po' più stanco ho provato a suonare senza metronomo ma è stato totalmente improduttivo, mentre usando il metronomo e aumentando gradualmente la velocità in appena una mattinata la situazione generale era migliorata sensibilmente... proprio perché è impossibile per una persona mantenere esattamente e precisamente sempre lo stesso tempo!

13
Tecnica / Re:Come studiare brani molto difficili?
« il: Agosto 27, 2013, 07:41:03 pm »
Infatti intendevo questo, cioè per brani complessi è utile usare il metronomo per curare ogni minimo particolare tecnico, può essere noioso e stancante ma molto utile alla fine!

14
Tecnica / Re:Come studiare brani molto difficili?
« il: Agosto 27, 2013, 07:01:58 pm »
Per me il metronomo è fondamentale per l'aspetto prettamente tecnico, sul quale poi si costruisce l'interpretazione... ma deve esserci questa base! Chiaramente per i pezzi non di musica classica che conosco già bene non serve usare il metronomo, però per quelli più tosti è utilissimo per partire prima lentamente e poi aumentare gradualmente la velocità, altrimenti da solo rischio di non riuscire a regolarmi bene soprattutto quando cambiano le figure ritmiche in gioco e rischio di combinare casini andando a "orecchio"... poi una volta che il pezzo è imparato chiaramente si butta il metronomo e ci si mette il proprio, non riuscirei a immaginare un pezzo suonato meccanicamente con la stessa identica velocità dall'inizio alla fine, perfino negli studi ci vuole interpretazione secondo me!

15
Tecnica / Re:Come studiare brani molto difficili?
« il: Agosto 26, 2013, 11:05:59 pm »
Sono entrambi validi come metodi, la differenza è che se dividi in parti il pezzo da studiare e lavori tanto su ogni parte alla volta poi dovrai fare un po' di fatica in più per unire le parti.
Per quello studio in particolare, dopo averlo più o meno imparato tutto, suona per vario tempo e impara a memoria solo la sinistra senza rubato (con metronomo se possibile), poi studia solo la destra rispettando con la massima attenzione le dinamiche sempre senza rubato (con metronomo se possibile), e poi rimettile assieme facendo attenzione che la destra vada correttamente assieme alla sinistra: attenzione, quando la destra fa semicrome e anche la sinistra fa semicrome queste devono essere suonate assieme, quando la destra fa una terzina e la sinistra fa una quartina bisogna cercare di fare sentire il 3 su 4 correttamente! Dopo avere pensato a tutte queste cose puoi rubare un po', senza esagerare, però sempre considerando queste cose! Cerca anche di fare attenzione ai particolari e a cose che probabilmente non ti rendi conto di fare: per esempio dopo l'accordo iniziale c'è una pausa di 1/8, poi parte la sinistra, quindi evidenzia quella pausa però senza allungare la durata, perché stai dando il tempo iniziale del pezzo.
Se capisci l'inglese vedi il tutorial (su questo studio) di Paul Barton, se non l'hai già fatto, che è sicuramente istruttivo.

Grazie mille per la preziosa analisi! ;) credo che alla lunga suonare una e una sola parte del pezzo fino a farla uscire perfetta può essere molto noioso, però specie su pezzi molto lunghi mi sembra troppo "dispersivo" arrivare direttamente alla fine perché poi bisogna comunque fermari sui particolari... in ogni caso il "guaio" è che in questo periodo non sto andando a lezione dal mio insegnante, ovviamente perché è estate, e avrei voglia di imparare qualsiasi pezzo mi capita a tiro hahaha infatti questo studio era uno dei tanti, ma proprio per questo motivo non penso di iniziarlo subito perché ci sono già altri brani "in coda". Darò uno sguardo al tutorial :)

Pagine: [1] 2 3 4