Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Topics - DanielePiano

Pagine: [1] 2 3 4
1
Libri e Materiale didattico / Un consiglio!
« il: Agosto 25, 2013, 12:47:18 pm »
Salve a tutti
Quest'anno comincierò finalmente il conservatorio (primo livello) e ho bisogno di un consiglio su di un pezzo romantico da studiare. Vorrei che sia un pezzo abbastanza particolare, uno di quelli che non portano tutti. Mi piace moltissimo Sogno d'amore di Liszt ma lo faranno in tantissimi, perciò non credo che a un esame faccia una bellissima figura.......

......grazie 1000 a tutti :)

2
Manutenzione / Rottura corde
« il: Febbraio 01, 2013, 12:20:25 pm »
Salve a tutti.

Nel giro degli ultimi 3 mesi si sono rotte 3 corde tutte e tre dei bassi, 1 del Sol2 e 2 del Do3 (che quindi non suona più), l'ultima ieri sera.

Il pianoforte è un Kawai KX-21 comprato a marzo 2010, ha quindi tre anni.

E' normale che dopo tre anni si rompano le corde o è un problema del pianoforte (il pianoforte è stato utilizzato moltissimo)?? A chi mi dovrei rivolgere per risolvere questo problema e cosa dovrei fare, anche perchè in questi anni mi sono imbattuto spesso in tecnici completamente incompetenti, uno mi ha addirittura rotto un martelletto e attaccato con la colla (poi dopo un mesetto si è rotto di nuovo). Vorrei quindi sostituire le corde con materiali di ricambio KAWAI studiati appositamente dalla ditta e possibilmente vorrei un tecnico professionista della Kawai.

Ah....e comunque suppongo che se già 3 corde si sono rotte, altre 10 sono in procinto di rompersi, quindi credo che il problema non si risolvi sostituendo le 3 corde, correggetemi se sbaglio....

Potete darmi chiarimenti in merito???

Grazie 1000

3
Armonia / Analisi del brano - Mozart - Sonata 11 K331, in La, tema
« il: Settembre 12, 2012, 07:08:52 pm »
Studiando da autodidatta contrappunto e composizione ho provato ad analizzare questo il tema di questa celebre composizione. Ho voluto condividere la mia analisi per avere un commento critico (consigli, errori) siccome non ho mai seguito un corso di contrappunto ma solo letto un libro da autodidatta.
Ringrazio gli amministratori del forum e chiunque voglia commentare. :D


Mozart – Sonata 11, tema

In LA maggiore, tempo 6/8 e schema metrico ABA

Cantus firmus

Nelle prime due battute con salti di terza e poi per grado congiunto, viene ripetuta due volte la stessa frase la prima volta con finale 3°-2° e la seconda 3°-1°. La seconda frase parte sul 5° verso un culmine sul 8° con un salto di terza per poi chiudere verso il 2°. Si ripete di nuovo la prima frase.
All’inizio vi sono note di volta 121 che culminano con salti di terza per poi dopo due battute per grado congiunto viene abbellita la chiusura 32 con l’ornamento 54; nella seconda ripetizione il finale 4321 viene armonizzato con Bm riv, A riv, E riv, A riv.  La seconda frase comincia con note di volta per arrivare poi al culmine sul 8° con salto di terza e appoggiatura, scendendo fino alla chiusura 32, ci si ferma sul 5° che viene ornato di arpeggi 531 e 542. La prima frase si ripete di nuovo modificando la relative chiusura, il finale viene armonizzato con una progressione di accordi Bm riv, A riv, E-A, A riv, E7 sus 5, E5 e chiusura con ornamento sul culmine 8° seguito dal salto di ottava sul 1° e chiusura con 321.

Voce del basso

Segue sempre la progressione dei salti di terza e delle note di passaggio per poi grado congiunto e chiusura, armonizzandosi con una sequenza di accordi 1545 e ripetizione 15451. Nella seconda frase la voce si ferma sul 1° in contrappunto e poi scende in finale sul 5°. Nella chiusura del tema appoggia all’ottava e alla sesta e settima il finale.

Voce mediana

Sempre ferma sul 5° grado per quasi tutta la durata del tema, nella seconda frase si muove leggermente in contrappunto. Armonizza come suddetto la voce del basso.

Analisi armonica

Il brano è in La maggiore e si schematizza su una successione di accordi 1545 e 15451, l’unico cromatismo usato è la diminuzione del 5 in chiusura nella seconda di frase. Ritmicamente il brano è schematizzato in SM – C , la parte in SM viene divisa in C∙SM C per i primi tre tempi delle prime due battute. Nella seconda frase gli accordi vengono arpeggiati per poi essere eseguiti in bicordi in chiusura di B. Nell’ultimo finale il brano viene armonizzato a dare forza al passaggio dal P al F.

Analisi dinamica

Il brano segue un andamento P grazioso per fino a un lieve rafforzamento sulle chiusure di frasi. Nella frase B la dinamica va in MF senza eccessi per tornare sul P iniziale. Nella chiusura del tema il brano raggiunge il più alto F con la sequenza di accordi per chiudere in P durante la cadenza.

4
Tecnica / Wagner - L'anello del Nibelungo
« il: Luglio 04, 2012, 10:11:15 pm »
Salve a tutti

Fra una settimana devo fare l'esame di Stato e il prof. esterno di italiano, sapendo che studio musica e che nella tesina porto l'olocausto, ha detto che mi chiederà il rapporto fra Wagner e Hitler, con particolare riguardo all'opera la tetralogia del Nibelungo.

Su youtube sono però purtroppo riuscito a trovare una guida all'ascolto solo della prima parte, l'oro del Reno, c'è qualcuno che è capace di spiegarmi la trama???

Grazie 1000

5
About Jazz / Iniziare con il jazz
« il: Luglio 02, 2012, 02:13:10 pm »
Salve a tutti

Salve sono ignorantissimo sul jazz e vorrei cominciare ad aprire i miei orizzonti su questo bellissimo campo musicale......solo che non so da dove cominciare!....C'è qualcuno che mi può dare qualche gradito suggerimento?

C'è bisogno per forza di un maestro di pianojazz o si può imparare da autodidatti?
Quanto tempo ci vorrebbe per farsi una discreta cultura jazz?
ah....una curiosità..........è il jazz un derivato del blues o viceversa???

comunque suono da 4 anni il pianoforte e ho buone basi di teoria musicale

Grazie 1000

6
Tecnica / Suonare l'organo
« il: Luglio 02, 2012, 02:05:12 pm »
Salve a tutti

Suono il pianoforte da 4 anni e ora vorrei avvicinarmi allo studio dell'organo. Per quanto ne so basterebbe solo abituarsi all'uso della pedaliera perchè la tecnica sulla tastiera è la stessa del pianoforte.

C'è qualcuno che conosce un manuale che insegni ad usare i pedali?
Quanto tempo ci vorrebbe per imparare ad usare dignitosamente i pedali?
Lo studio dell'organo disturberebbe quello del pianoforte...e se si perchè?
....non ho un organo a casa...ma in chiesa sono ben disposti a farmi usare l'organo...potrebbe essere un problema?
....non ho intenzione di spendere altri soldi per lo studio dell'organo....è possibile imparare da autodidatta?

Grazie 1000 a tutti

7
Tecnica / Mozart - Sonata K331 in LA
« il: Giugno 28, 2012, 11:36:09 am »
C'è gentilmente qualcuno di buona volontà che mi spiega come va eseguito il gruppetto nella 9°battuta della V variazione?

Grazie 1000

http://www.youtube.com/watch?v=kNJitmxzPMc&list=FLShzFnvuwVZJWjAkFVcVG6g&index=121&feature=plpp_video

Nel video si trova a 11:56 - 12:00

8
Tecnica / Rottura di un martelletto
« il: Aprile 16, 2012, 11:23:00 pm »
Salve a tutti
Oggi stesso è venuto l'accordatore a fare la manutenzione del pianoforte, un kawai verticale. Mentre controllava l'intonazione dei tasti, premendoli, ha rotto un martelletto, precisamente il MI3 del pianoforte. La gamba del martelletto (diciamo il manico di legno del martelletto) si è spezzata e lui l'ha sistemato con colla attack, vi ha passato sopra la fiamma di un accendino per far fare presa prima alla colla, e poi ha legato le due parti spezzate con dello spago per poi passare ancora altra colla e la fiamma dell'accendino. Lui ha detto che in questo modo ora il MI3 è più resistente degli altri martelletti (almeno così dice lui).

Chiedo a qualcuno che magari è esperto se il modo di operare dell'accordatore è stato corretto o c'è la possibilità che il martelletto in futuro si rompa di nuovo e quindi mi ha fatto un danno non indifferente....un altro dubbio....è vero che quel martelletto è più resistente degli altri come ha detto???

Grazie a tutti :D

9
Tecnica / La paga di un pianista
« il: Marzo 11, 2012, 02:12:56 pm »
Chiedo scusa se ho sbagliato sezione ma non so dove metterlo.

Comunque dovrei a luglio andare a suonare a un matrimonio...è la prima volta che vado a suonare ufficialmente...anche se ho già suonato in pubblico ma per improvvisazione perchè c'era un piano nel posto dove stavo in quel momento.

La domanda è.....Quanto si fa pagare un pianista?...Da cosa dipende il prezzo??

Grazie a tutti !!

10
Suggerimenti e idee / L'opera del giorno! :)
« il: Marzo 03, 2012, 01:02:03 pm »
Credo sia una buona idea creare un'apposito spazio chiamato per es. Sonata del giorno....Musica del giorno.......cose di questo tipo.

Così ogni giorno (o anche con diversa cadenza) si ascolta "insieme" una certa opera con tanto di commento e discussione sulla stessa!

....per me potrebbe essere una buona idea, voi che ne pensate?

11
Tecnica / Terze (Mozart - Sonata k331, IV Var.)
« il: Febbraio 28, 2012, 07:56:17 pm »
Nella sonata k331 di mozart nella IV Variazione, dove ci sono le doppie terze e l'incrocio di mani mi fa un leggero male (cioè sopportabile) nella parte di sotto dell'avambraccio destro quando suono le terze alternate con il mi con la mano destra. Anche in altri casi ho dovuto diciamo "fare più forza" quando suono le terze e ho notato che in condizioni di normale rilassatezza le terze vengono troppo piano o con spinta di polso...quindi metto più forza nelle dita per evitare l'uso del polso con il risultato di avere l'avambraccio destro un pò teso (quello sinistro non accusa nessuna sensazione di dolore).

Spero di essere stato chiaro....la mia domanda è : è possibile suonare queste terze senza alcuna tensione (quindi c'è qualcosa nel mio approccio che non và) oppure è normale che succeda quello che ho descritto sopra??

Grazie 1000

12
Tecnica / Mozart - Sonata K331 in LA
« il: Febbraio 21, 2012, 02:35:14 pm »


Sto studiando la sonata k331 in La maggiore di Mozart (con il finale alla turca)...c'è qualcuno che possa darmi una sorta di guida all'ascolto di questa splendida sonata per comprenderla meglio??

Grazie 1000

13
Tecnica / Eccone un altro
« il: Febbraio 16, 2012, 09:39:19 pm »
Dopo quello precedente in inglese, ora ho trovato un altro video credo sia in francese sulla tecnica di Argerich.

Stavolta credo sia più difficile, c'è qualcuno che sa il francese e può fornire a tutti una traduzione??

Grazie1000 :)

http://www.youtube.com/watch?v=l_86HRWzuIQ&feature=related

14
Armonia / Come suonare Bach
« il: Febbraio 13, 2012, 09:27:47 pm »
Propongo un video che spiega come suonare Bach...ma ahimè il video è in inglese....c'è qualcuno che è capace di darne una traduzione riassuntiva?? Thank you so much...! :D


http://www.youtube.com/watch?v=ZAeLjliS1LY&feature=player_embedded

15
Di tutto e di più / Educazione musicale in Italia
« il: Febbraio 09, 2012, 11:22:39 pm »
Vi dico brevemente come sono entrato a contatto con la musica

Sono cresciuto a ritmo di Beatles e canzoni classiche napoletane (Papà è un grande appassionato), verso i 10 anni ho avuto la tendenza ad abbandonare questo tipo di musica per avvicinarmi a quella leggera che si porta al momento, musica pop rap r&b, mi piacevano Laura Pausini, Tiziano Ferro, Paolo Meneguzzi, Fabri Fibra e simili......poi alle medie ho cominciato a studiare musica e ho chiesto alla mia famiglia di imparare a suonare il pianoforte, solo che a 12 anni non avevo mezzi economici per studiare piano, per farla breve a 15 e mezzo la situazione economica è un pò migliorata (non che ora sia florida) e con molti sacrifici anche da parte della famiglia ho cominciato a studiare pianoforte. Ora ho 18 anni e studiare pianoforte ha cambiato completamente la mia mentalità, mi ha fatto maturare tantissimo, studiare musica non è per niente un gioco da ragazzi ma la passione c'è, tantissima, e grazie a questo riesco ad andare avanti....ho conosciuto quelli che sono veramente i grandi geni della musica (Bach, Beethoven, Mozart.......ecc) e la musica che ascoltavo prima è diventata per me banale, ripetitiva e di bassissima qualità.....ora ascolto quasi sempre musica classica...e ho notato che mi sono di gran lunga allontanato dalla gente comune, musicalmente ignorante, che ascolta per la stragrandissima maggioranza musica Disco.

E' quest'ultima musica commerciale, fatta esclusivamente per fare soldi (al pari come si fabbricano saponette o qualche altra cosa in una catena di montaggio), sfruttando l'ignoranza musicale di molta gente.....e intanto la musica classica, la musica vera, quella che è arte è per la maggior parte ascoltata da gente anziana o esclusivamente da strumentisti....credo sia molto difficile che un ragazzo che non suona nessuno strumento si avvicini a beethoven o altri simili......probabilmente direbbe che Beethoven è per vecchi e il suo idolo musicale sarebbe David Guetta.


Per arrivare al nocciolo della questione credo che in Italia l'educazione musicale (quella vera, non quella banale che ho studiato alle medie) sia riservata solo a poche persone "aristocratiche" che hanno cultura e buone se non ottime disponibilità economiche...intanto nel nostro bel paese (non in senso ironico,potrebbe essere veramente un paese meraviglioso) si tende a favorire lo spazio a una musica molto banale e ripetitiva specchio di questa società moderna marcia e corrotta in buona parte.
Eppure siamo nel paese dell'opera, del bel canto, invidiato dai compositori dei secoli precedenti.....come siamo caduti in basso.

Ovviamente queste sono mie riflessioni personali e ognuno è (ovviamente) libero di non essere d'accordo, anzi scrivo questo post proprio per essere criticato e venire a conoscenza di quello che pensate anche voi.

Pagine: [1] 2 3 4