Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Topics - Antonio27

Pagine: [1]
1
Armonia / Quando ribattere un accordo?
« il: Marzo 14, 2020, 02:05:41 pm »
Suono il cosidetto "pianoforte moderno" (in realtà pianoforte semplificato).
Ovvero, melodia con la mano destra, e armonici (a tre note) con la sinistra.
Utilizzo spartiti dove gli armonici sono riportati in lettere, e quindi leggo solo in chiave di sol.
Due domande:
1 Quando all'inizio di una battuta è riportato un accordo, non seguito da altri accordi in quella stessa battuta, quanto è lecito replicarlo? In un 4/4 io spesso lo replico alla terza battuta?
2 Se nelle battute seguenti non sono riportati accordi, si intende che l'ultimo accordo va replicato all'inizio di ogni battuta, o che queste battute non devono avere armonia?



2
Tecnica / Accordi nella parte centrale
« il: Luglio 30, 2019, 03:34:50 pm »
Quando con le tastiere, o con il pianoforte, si vuole solo  accompagnare, si usa fare gli accordi con la mano destra nella parte centrale, rinforzando l'armonia con la nota più bassa dell'accordo (1 ottava sotto) battuto con la mano sinistra.
A volte la sinistra può battere la nota più acuta passando sopra la destra (celeberrimo l'incrocio della mano sinistra di Mercury in Bohemian Rhapsody).
Essendo capace di suonare gli accordi solo con la sinistra (sono anche mancino) é possibile fare accompagnamento suonando gli accordi con la mano sinistra nella parte centrale, rinforzando con la destra nella parte più acuta (salvo a volte incrociare a sinistra) ?



3
Armonia / Aggiungere l'armonia alla melodia
« il: Marzo 21, 2018, 05:09:54 pm »
Come ho già accennato nella mia presentazione, mi piace comporre melodie suonando la tromba ad orecchio (che è il mio principale strumento).
In seguito trascrivo la melodia sullo spartito, e infine tento di aggiungere gli accordi con il piano (del quale ho per ora una conoscenza limitata).
Per aggiungere gli accordi in genere seleziono tutti quelli che  includono le note principali di ogni battuta, e scelgo quello che mi suona meglio.
Spesso devo provarne moltissimi, e più volte. E' un processo interminabile.
Sapete suggerirmi dei criteri, magari meno empirici, che mi permettono di selezionare il minor numero possibili di accordi potenzialmente adatti ?

4
Presentiamoci / Un saluto, e una domanda.
« il: Marzo 21, 2018, 01:11:38 pm »
Buongiorno a tutti !

Sono un suonatore di strumento a fiato, non più giovane.
Sono arrivato al piano perché volevo aggiungere l’armonia alla parte melodica di una mia composizione.

Ho studiato una quarantina di accordi a 3 note, per la mano sinistra, con i rivolti per comprimerli in una ottava.
Gli accordi sono descritti solo con lettere, non con la chiave di basso. 
Aiutato dal fatto che sono mancino, riesco a passare agevolmente da un accordo all’altro.

Ora che lo scopo della composizione è stato raggiunto, vorrei proseguire lo studio del piano, pur rimanendo di base un suonatore di strumento a fiato.
Ho però constatato che uno studio classico, con uso contemporaneo delle due chiavi, mi è proibitivo in un contesto di secondo strumento.

E allora vi chiedo: per un uso amatoriale, suonare il piano eseguendo la melodia solo con la mano destra, lasciando alla sinistra l’uso degli accordi espressi solo con lettere, e quindi senza lettura della chiave di basso, è ammissibile e dignitoso, oppure è un approccio troppo limitante?

Pagine: [1]