Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Topics - barbara bologna

Pagine: [1]
1
Con il concerto di domenica 19 giugno, nella Sala Maestra del Palazzo Chigi di Ariccia, con inizio alle ore 19,30 proseguono gli appuntamenti de “I Concerti dell’Accademia degli Sfaccendati” con il teatro musicale.

Due centenari, per due straordinari compositori, un appuntamento musicale in uno scenario mozzafiato, quale quello del Palazzo Chigi di Ariccia, dove la storia diventa parte essenziale dell’esecuzione musicale.

In occasione del centenario della nascita di Gian Carlo Menotti viene proposta la messa in scena di una breve e fortunata piéce da camera, “Il Telefono”.
Rappresentato per la prima volta a New York il 18 febbraio 1947, “Il Telefono” tra musical ed opera buffa, con sguardo profetico, ironizza con levità sulla tendenza dei prodotti della tecnologia a trasformarsi da mezzo a fine, imponendo la propria tirannia.
 
Per la regia di Giacomo Fasola, con i costumi di Maria Paradiso, [bGiovanna Manci sarà Lucy e Roberto Abbondanza Ben mentre al pianoforte siederà Antonello Maio.

Prima della rappresentazione de “Il Telefono” l’altro omaggio, stavolta a Gustav Mahler, nel centenario della sua morte. Giovanna Manci e Roberto Abbondanza con Antonello Maio interpreteranno alcuni tra i più bei lieder del ciclo “Des Knaben Wunderhorn” (“Il corno magico del fanciullo”).

PROGRAMMA

Dai Lieder aus “Des Knaben Wunderhorn” (1888 – 1899)
Gustav Mahler (1860 – 1911)

Trost im Unglück (Conforto nell’infelicità)
Wer hat dies Liedlein erdacht? (Chi ha inventato questa canzoncina?)
Der Tamboursg’sell (Il tamburino)
Rheinlegendchen (Piccola leggenda del Reno)
Des Antonius von Padua Fischpredigt (Sant’Antonio da Padova predica ai pesci)
Wo die schönen Trompeten blasen (Dove suonano le belle trombe)
Der Schildwache Nachtlied (Canto notturno della sentinella)

***

Il telefono

(The Telephone or l’amour à trois)
Opera buffa in un atto
Parole e musica di Gian Carlo Menotti (1911 – 2007)
New York, 18 febbraio 1947

GIOVANNA MANCI  Lucy
ROBERTO ABBONDANZA  Ben
ANTONELLO MAIO  pianoforte
GIACOMO FASOLA  regia
MARIA PARADISO  costumi


BIGLIETTI:
Intero numerato €. 15,00 // Ridotto giovani fino a 25 anni €. 8,00 // Ridotto €. 13,00 over 65 e Soci

ACQUISTO BIGLIETTI
Il botteghino di Palazzo Chigi è aperto il giorno del concerto dalle ore 18

PREVENDITE
Prevendita senza costi aggiuntivi presso:
Profumeria di via A. Chigi, 12. Ariccia – 06.9334185
Drin service, Genzano – 06.9364605
Mae, Frascati – 06.9419551
Itaca, Via della Consulta, 1. Roma – 06.48.93.07.36


INFORMAZIONI  06.9398003 -- [email protected]


2
Domenica 29 maggio, alle ore 19.30, al Palazzo Chigi di Ariccia, la stagione primaverile de “I Concerti dell’Accademia degli Sfaccendati”, per la direzione artistica di Giacomo Fasola e Giovanna Manci, ospita un trio di straordinario interesse musicale.

Un graditissimo ritorno sul palco di Palazzo Chigi sarà quello di Danilo Rea che, questa volta in trio con Ares Tavolazzi al contrabbasso ed Ellade Bandini alla batteria, col suo magico pianoforte renderà un irresistibile tributo al mitico quartetto dei Beatles.

Amici da molti anni, i tre musicisti sono una novità in formazione trio,
Bandini e Rea si incontrano per la prima volta in sala di incisione per la registrazione di Rea di un disco per Edoardo De Angelis, cantautore romano che in futuro avrebbe prodotto molti artisti, mentre Bandini e Tavolazzi sono amici da sempre, nonché conterranei, tutti e due ferraresi.

Mina, Celentano,Guccini, Baglioni, De André, Zero, Conte, Dalla, Paoli: sono solo alcune delle loro straordinarie collaborazioni con il modo “melodico”, ma profonda è la loro diversità “jazzistica”. Le loro personali esperienze li rendono imprevedibili sul palco, speciali, disposti ad intraprendere qualsiasi strada mettendo tutta la loro esperienza al servizio della Musica. La loro unione è certamente ricca di fascino e il loro concerto un appuntamento originalissimo.
Il trio potrebbe dare vita a nuove vie di compositive e di interpretazione del jazz italiano.


BIGLIETTI:
Intero numerato €. 15,00 // Ridotto giovani fino a 25 anni €. 8,00 // Ridotto €. 13,00 over 65 e Soci
BCC Toniolo – Unitre Ariccia – Unitre Marino – Domenichino – Rivista Castelli Romani (a presentazione tessera)

ACQUISTO BIGLIETTI
Il botteghino di Palazzo Chigi è aperto il giorno del concerto dalle ore 18

PREVENDITE
Prevendita senza costi aggiuntivi presso:
Profumeria di via A. Chigi, 12. Ariccia – 06.9334185
Drin service, Genzano – 06.9364605
Mae, Frascati – 06.9419551
Itaca, Via della Consulta, 1. Roma – 06.48.93.07.36


INFORMAZIONI  06.9398003 -- [email protected]

3
Eventi e spettacoli / Marcella Crudeli a Roma l'8 dicembre
« il: Dicembre 06, 2010, 06:42:48 pm »
I CONCERTI DELL’ACCADEMIA DEGLI SFACCENDATI
I Concerti d’autunno 2010


AUDITORIUM DEL SERAPHICUM   Roma, 8 dicembre 2010 - ore 18

MARCELLA CRUDELI  pianoforte
GIOVANNA MANCI  soprano

ORCHESTRA DELL’ACCADEMIA DEGLI SFACCENDATI
FILIPPO MANCI  direttore


Si conclude mercoledì 8 dicembre la sezione romana dei i “Concerti dell’Accademia degli Sfaccendati”, per la direzione artistica di Giovanna Manci e Giacomo Fasola.
Sul palco dell’Auditorium del Seraphicum di Roma, alle ore 18, Marcella Crudeli, pianista e Giovanna Manci, soprano, con un programma interamente dedicato a W.A.Mozart.

Sul palco la pianista considerata dalla critica internazionale una delle più eminenti rappresentanti del concertismo italiano, Marcella Crudeli, insignita da prestigiosissimi riconoscimenti, tra cui, nel 2003, la medaglia d’oro e il diploma di prima classe, conferiti dal Presidente della Repubblica ai Benemeriti della scuola, della cultura e dell’arte. Al suo fianco Giovanna Manci, soprano dalla “voce potente, con timbro limpido fraseggio è perfettamente controllato e sensibilità musicale indiscutibile” (Paolo Pinto).

 Ad accompagnare Marcella Crudeli e Giovanna Manci, il giovane direttore Filippo Manci alla guida dell’orchestra dell’Accademia degli Sfaccendati che sarà protagonista soprattutto nel secondo tempo con il Concerto per pianoforte e orchestra in La maggiore K488, in assoluto il concerto più amato del compositore salisburghese.

PROGRAMMA
Wolfgang Amadeus Mozart (1756 – 1791)
“Ah, lo previdi” recitativo e aria da concerto K272
per soprano e orchestra

“Ch’io mi scordi di te” scena e rondò K505
per soprano, pianoforte obbligato e orchestra

“Non mi dir, bell’idol mio” recitativo e aria di Donna Anna
da Il dissoluto punito ossia il Don Giovanni K527

* * *
Concerto per pianoforte e orchestra
in La maggiore K488

BIGLIETTI (posti numerati)  15 € intero, 13 € over 65 anni, 8 € under 25 anni

ACQUISTO: un’ora prima dell’inizio dei concerti al botteghino del Seraphicum (via del Serafico, 1)
PREVENDITA: presso L’Auditorium dal lunedì al venerdì, dalle ore 15 alle ore 19, rivolgendosi alla segreteria dell’Accademia Musicale Risonanze tel. 06.51 50 32 40 – 347.17 79 449
INFORMAZIONI 06. 9398003www.concertiaccademiasfaccendati.it

I Concerti dell’Accademia degli Sfaccendati ricevono il contributo e il patrocinio di:
Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Regione Lazio – Provincia di Roma – Comune di Ariccia – BCC Giuseppe Toniolo di Genzano di Roma



4
Eventi e spettacoli / Maurizio Baglini 13 novembre a Roma
« il: Novembre 11, 2010, 06:02:14 pm »
I CONCERTI DELL’ACCADEMIA DEGLI SFACCENDATI
I Concerti d’autunno 2010

Sabato 13 novembre – ore 21
Auditorium del Seraphicum – Roma (EUR)


Maurizio Baglini, pianoforte
I due Concerti per pianoforte e orchestra di Chopin, versione per archi

Con l’ Orchestra d’archi dell’Accademia degli Sfaccendati 
Filippo Manci, direttore


Concerti dell’Accademia degli Sfaccendati inaugurano il segmento romano della propria stagione autunnale sabato 13 novembre, alle ore 21, all’Auditorium del Seraphicum, la nuova sede che, affiancando quella istituzionale del Palazzo Chigi di Ariccia dedicata alla musica da camera, sarà riservata a programmi sinfonici o con organici più numerosi.

 Per questa inaugurazione i direttori artistici della rassegna, Giovanna Manci e Giacomo Fasola, hanno pensato di festeggiare l’anniversario chopiniano con Maurizio Baglini che sarà interprete dei due concerti per piano e orchestra del grande polacco nella sua versione per archi.

Interprete di Chopin tra i più apprezzati, Maurizio Baglini ha al suo attivo l’incisione in CD di due versioni, con pianoforti d’epoca e moderno, dell’integrale degli Studi.
Recentemente su RAI Radio Tre è stato applauditissimo interprete dei 12 Studi trascendentali di Liszt, incisi quest’anno per la Decca, eseguiti in diretta nell’ambito del programma “La stanza della musica”. Baglini suonerà con l’Orchestra d’archi dell’Accademia degli Sfaccendati guidata dal giovane e talentuoso direttore Filippo Manci, allievo di Bruno Aprea e Carlo Maria Giulini.


Maurizio Baglini
Premiato giovanissimo nei più importanti concorsi (Busoni di Bolzano, William Kapell del Maryland), a 24 anni vince con consenso unanime della giuria il World Music Piano Master di Montecarlo. Ospite dei più prestigiosi Festivals – La Roque d’Anthéron, Lockenhaus, Yokohama Piano Festival, Australian Chamber Music Festival, Festival Pianistico di Bergamo e Brescia, Rossini Opera Festival – viene regolarmente invitato come solista e in formazioni di musica da camera da istituzioni internazionali come Salle Gaveau, Salle Cortot e Auditorium del Louvre di Parigi, Kennedy Center di Washington, Gasteig di Monaco di Baviera.
Ha un vasto repertorio che spazia da Byrd alla musica contemporanea, con riferimenti importanti a Chopin. Dal 2005 suona stabilmente in duo con la violoncellista Silvia Chiesa. Ha al suo attivo una rilevante discografia che include fra l’altro due versioni dei 27 Studi di Chopin, eseguiti sia su strumenti originali del XIX secolo che su pianoforte moderno. Nel 2005 ha dato inizio alla registrazione integrale delle trascrizioni di Busoni da Bach. Ha pubblicato un DVD con il Concerto n° 1 di Chopin accompagnato dalla New Japan Philharmonic Orchestra. Di recente pubblicazione l’integrale dell’opera pianistica di Rolf Urs Ringger, che include cinque prime assolute, e, per la Decca, la Nona Sinfonia di Beethoven nella trascrizione per pianoforte solo di Liszt (2009) e i 12 Studi trascendentali di Liszt (2010), accolti con entusiasmo dalla stampa specialistica in Italia e all’estero.
Nel 2007 è stato invitato, unico pianista italiano, a festeggiare i 100 anni della Salle Gaveau a Parigi in una serata trasmessa in televisione da France 3 a cui, fra gli altri, hanno partecipato Martha Argerich e Nelson Freire. Nel 2008 è stato ospite principale della trasmissione televisiva Toute la Musique qu’ils aiment, su France 3, e ha eseguito al Musée d’Orsay a Parigi la Sinfonia n° 9 di Beethoven nella trascrizione per pianoforte solo di Liszt, con il Coro di Radio France, in diretta radiofonica su France Musique. Nel 2009 all’Israel Festival ha eseguito nella stessa serata un monumentale programma formato dalla Nona di Beethoven-Liszt seguita dai 24 Studi di Chopin.
Fra i suoi impegni più recenti nel 2010, il debutto con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai nella prima mondiale del Concerto scritto per lui da Azio Corghi, il debutto all’Accademia di Santa Cecilia con i 12 Studi trascendentali di Liszt, eseguiti poi anche in diretta su Radio Tre nell’ambito del programma “La stanza della musica” e all’Auditorium di Milano, la partecipazione alle maratone lisztiane progettate da Michele Campanella per Musica Insieme a Bologna, recitals, concerti in duo e con orchestra a Roma per la IUC, a Bologna per Musica Insieme, alla Fenice di Venezia, a Parigi (Salle Gaveau e Salle Cortot) e ai Festival francesi “Liszt en Provence” e “Nuits Romantiques”, a Berlino, Ginevra, in Belgio, in Australia.
Fra i suoi prossimi impegni, il ritorno all’Accademia di Santa Cecilia nell’ambito delle maratone lisztiane, concerti con l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano, recitals a Palermo per gli Amici della Musica e a Venezia, concerti in duo in Francia e Algeria, e due nuove registrazioni: un terzo CD dedicato a Liszt per la Decca con i Sei grandi studi da Paganini, la Fantasia su “La campanella” e altre pagine e, in duo con Silvia Chiesa, le Sonate di Brahms e la Sonata “Arpeggione” di Schubert per la Universal. È direttore artistico del Festival Dionisus che si tiene ogni estate nel castello di Colle Massari, a Cinigiano presso Grosseto. (www.mauriziobaglini.com)

BIGLIETTI (posti numerati)  15 € intero, 13 € over 65 anni, 8 € under 25 anni

ACQUISTO: un’ora prima dell’inizio dei concerti al botteghino del Seraphicum (via del Serafico, 1)
PREVENDITA: presso L’Auditorium dal lunedì al venerdì, dalle ore 15 alle ore 19, rivolgendosi alla segreteria dell’Accademia Musicale Risonanze tel. 06.51 50 32 40 – 347.17 79 449
INFORMAZIONI 06. 9398003 – www.concertiaccademiasfaccendati.it

Pagine: [1]