Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - Sacha

Pagine: [1]
1
Quale pianoforte? / Yamaha U3 vs Yamaha N2
« il: Marzo 18, 2021, 09:27:21 am »
Buongiorno


Volevo qualche esperienza sul modello N2.
Attualmente ho un  Yamaha U3, vorrei finire gli studi di Conservatorio, ma per problemi condominiali, sono indeciso sul modello indicato. Sulla carta sembra un valido ibrido con una meccanica che dovrebbe,  farmi fare un salto di qualità.  Opinioni da darmi?? 
Consigli?

Grazie

2
Quale pianoforte? / Re:Ibrido Yamaha NU1X o verticale silent?
« il: Ottobre 19, 2018, 09:24:24 am »
Ciao Stefy

ti riporto le mie impressioni, perche'  da poco, ho fatto la mia scelta sul cambio di pianoforte puntanto sia ad una qualita' di studio sia a un problema "seriamente grave" di disturbo condominiale.
Sicuramente come te, ho letto, visionato filmati, scoperto problematiche dei vari prodotti IBRIDI e differenze di pesatura dei tasti.. ecc. ecc.

Ho scelto un acustico con SILENT.  Ok.. io ho avuto la fortuna di acquistare un YAMAHA U3H a cui mi installeranno a giorni un sistema della GENIO ALPHA.
Considerazioni sempre mie personali.. Ho testato sia YAMAHA con silent di fabbrica.. sia il modello della GENIO.
Devo dire che quello originale e' piu' tagliente come ascolto in cuffia, a differenza di una morbidezza di ascolto del secondo sistema. Inoltre in entrambi i casi su opere per esempio di Chopin beh.. una buona esecuzione resta a mio parere in acustico nel pieno controllo di dinamiche, risposta dei tasti e martelletto.
Certo.. vuoi mettere la comodita' di metterti la cuffia anche alle 2.00 della notte :-)
Quello che si sente pero' e' il picchiettare dei martelletti al di fuori.. abbattibile il rumore con uno strato di lana di roccia o similari nella cassa armonica dietro, tappetino ecc ecc.

Dell'IBRIDO NU1X resta ancora ad oggi, come nel modello NU1 uno strano comportamento della lettura delle fibre ottiche quando trilli velocemente sui tasti. C'e chi parla di dover fare una taratura di tutti i tasti col software.. altri invece di aver ridato in dietro il pianoforte per acquistarne un altro… altri che invece convivono con questa anomalia che c'e' e a volte e' estemporanea. (ci sono dei video su YouTube sul problema)

Io avevo infatti puntato l'occhio sul modello KAWAI  Cs11 ma alla fine, credo che l'acustico.. sia e resti un punto di partenza fondamentale. Un leggero risparmio lo hai con il modello CS8.

Spero troverai una soluzione a te piu' consona.

Saluti

3

Buongiorno

Volevo aggiornarvi sulla scelta definitiva scelta dopo lunghe meditazioni.
Ho optato per  un YAMAHA U3H rigenerato ufficiale e il montaggio del SILENT GENIO BASIC ALPHA.
Provato a lungo, soddisfatto del prezzo finale applicato.

Grazie a tutti per i consigli.

4
Si, concordo sul fatto di dover provare uno strumento, al di là, del brand e della pubblicità che viene postata in internet. Ti dirò.. ero partito con delle ottime speranze per il Casio, e per la sua meccanica. Purtroppo resto con una sorta di amaro in bocca e anche un dubbio se il modello 300, avesse qualche forma di “interpretazione” magari non corretta. Mah..  Non è facile trovare rivenditori in zona con i modelli 500 o 400, pur avendo la stessa meccanica del GP-300.
Adesso mi resta provare il CLP 685 e il CS11. Anche qui confiderei nel Kawai.
Ti tengo aggiornato..

5
Grazie Sergio

Ho avuto modo oggi di provare il modello GP300 questo pomeriggio, e anche un Yamaha B2 con Silent Di fabbrica.
Impressioni personali provate in entrambi i pianoforti con pezzi classici (Pozzoli, Bach invenzione a due voci, Cramer).
Non mi soffermo sulle sonorità del GP-300, discutibili o meno.  Sono rimasto invece “dubbioso” sulla dinamica di interpretazione del tocco e la risultante del suono. Mi spiego meglio.. quando la ripetizione veloce dei tasti, a una pressione costante del tocco, ridava una differenza di interpretazione del volume in espressione. Provata la stessa cosa nella esecuzione di trilli. Praticamente è come se le prime note rimanessero costanti e le successive si “ovattassero” per una qualche forma di interpretazione dei sensori. La stessa prova di brani sul pianoforte classico Yamaha, invece mantenessero in modo netto è sempre preciso l’esecuzione  in atto. Per coerenza devo comunque dire che il Silent a differenza del GP-300, ha anche lui una gestione però delle sfumature di piano e fortissimo, meno sensibile.
Vorrei capire se anche altri pianisti qui del forum hanno percepito la stessa cosa.. 

6

Buongiorno a tutti,
Vi ringrazio fin da subito quanti potranno rispondermi con loro impressioni, consigli, esperienze su questi modelli di pianoforte riportato in oggetto

Premetto che la mia attuale ricerca, e' dovuta al prossimo trasloco di abitazione e mi trovo costretto a dover rivedere "i pianoforti che attualmente dispongo" nella mia abitazione, ( un KAWAI ACUSTICO e un YAMAHA CLP 635 digitale) , e trovare una nuova soluzione che mi permetta di proseguire con gli studi classici.

La nuova situazione e' quella in condominio e con studio in orari ovviamente del "non disturbo della quiete pubblica"..
Per il budget di spesa del nuovo, vorrei rimanere sui 4500 euro. (premessa se eventualmente avete qualche altro brand su cui farmi riflettere.)

YAMAHA CLP 685 vs  KAWAI  CS11


Da ricerche, video postati in rete, forum piu' stranieri in lingua inglese, ho trovato un confronto per quel che riguarda il CLP 685 e il CS11, nel quale sembrerebbe esserci una differenza di durezza della tastiera (con la prova di un peso al tasto di circa 60gr) a svantaggio del 685 per durezza e nel CS11 di troppa morbidezza.
In altri forum invece, si parla a strumento spento di una minore rumorosita'  della meccanica,e fluidita' del KAWAI CS11 e di una rumorosita' del 685.

L'attenzione maggiore nella mia scelta, ovviamente rimane sulla "dinamica e pesantezza" il piu' possibile vicina al modello  acustico.
Questo per precisare che se la soluzione di questi modelli digitali. potesse avere una valenza alternativa al modello YAMAHA U1 con sistema SILENT ... avrei anche un vantaggio di eventuale portabilita' e costi d'accordatura nel tempo.
Chiaramente.. se l'U1 e' davvero un abisso da questi modelli.. vien da se quale soluzione dover prendere..

Non ho avuto modo di testare e trovare negozi nella mia zona questi modelli digitali.. per ora, confido nelle vostre impressioni o suggerimenti, test, prove personali, o esperienze di studio su questi modelli. (Io sono al 5 anno ).
Ho potuto provare il modello U1, ma non il modello con installato il SILENT, quindi non ho testato  la sensazione e la dinamica quando il silent e' inserito.. e farmi una idea personale, di altri utenti che dicono "cambiare" sulla tastiera.

Grazie
Sacha[/font][/size][/size]
 

Pagine: [1]