Benvenuto > Presentiamoci

Che follia: voler imparare la musica a 76 anni

(1/1)

giovannj:
Io l'ho chiamata follia... come altro lo definireste voi questo raptus insano di una persona che decide di mettersi in questa impresa a 75 anni? E difatti... me ne sto rendendo conto da solo che senza più l'elasticità mentale e la memoria di quando eravamo giovani, non ce la potrò mai fare. Però, di sicuro so una cosa, se dipende dalla volontà e dalla passione quelle ne ho d'avanzo. E, forse, con l'aiuto di qualcuno penso di potermi mettere in questo viaggio.

sergiomusicale:
Benvenuto!!! , incamminati, senza pretese, con la volontà e l'entusiamo molto giovanile che hai vedrai che ti leverai delle soddisfazioni!!!
e poi considera che la musica non è solo suonare uno strumento, ma che quando ti ci avvicini scopri un mare immenso con isole ed altre meraviglie che non avresti mai pensato esistessero ::), ed inizi a comprendere cose ed aspetti che mai avresti creduto... :o quindi approccia anche la teoria, la storia... assaggia altri e nuovi sapori, scopri e... buon divertimento!!!  ;)

Paola:
Caro Giovannj, come dice qualcuno, l'importante non è la meta finale in sé, bensì il viaggio e credimi, quello dello studio è sempre un magnifico percorso.
Chissà perché ma sento che ce la farai e trovo meravigliosa questa tua impresa musicale.
Buono studio!

sirio174:
Vale sempre il consiglio del bel libro "La Grammatica della Musica" di Einaudi: capisce più di musica chi esegue piano piano una partitura anche semplice piuttosto che il maniaco dell'alta fedeltà che non legge una nota e che ha come cultura musicale la collezione delle copertine dei suoi dischi. Non porti dei limiti ed ama la musica. Tutto qui. Io l'ho riscoperta dopo 20 anni di abbandono.

Navigazione

[0] Indice dei post

Vai alla versione completa