0 Utenti e 2 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Manutenzione pianoforte digitale
Settembre 13, 2022, 11:31:06 am
Ciao a tutti, dal 2010 sono in possesso di un pianoforte digitale Clavinova CVP509, mi chiedevo se, secondo voi, devo provvedere ad una manutenzione dello stesso (tarature, regolazioni, aggiustamenti in frequenza etc). Non riscontro al momento nessun problema di natura meccanica (ritorno tasti, pesatura etc) tuttavia, a volte,mi sembra di avvertire su alcuni tasti (non sempre gli stessi) specialmente con GrandPiano2, un suono più squillante, più forte (quasi distorto). Per farmi capire meglio: ad esempio quando faccio un arpeggio a volte alcuni tasti ( ma ripeto non sempre gli stessi) emettono un suono più forte (come scrivevo prima, quasi distorto). Potrebbe essere un problema di pre-amplificazione ? Cosa mi consigliate? Grazie per la Vostra eventuale collaborazione.

*

eligen

Re:Manutenzione pianoforte digitale
Settembre 15, 2022, 10:07:16 pm
Anche io ho ormai da parecchio tempo lo stesso problema (ovviamente molto fastidioso) con il mio Clavinova CLP-340. Quando suono piano, soprattutto all'inizio della sessione di studio, una nota ogni tanto risulta ad un volume maggiore. Dopo avere suonato per un po' di tempo, specie pigiando più forte sui i tasti, il problema sparisce o comunque compare molto più raramente. Come per Antonio, un vostro parere / suggerimento sarebbe molto apprezzato, grazie !

*

eligen

Re:Manutenzione pianoforte digitale
Novembre 23, 2022, 10:10:14 pm
Alcuni giorni fa sono riuscito a contattare un tecnico riparatore che fa assistenza anche per Yamaha. Purtroppo il problema avvertito sulla dinamica di questi pianoforti digitali è ben noto (e ho capito sovente inevitabile dopo un po' di anni), per risolverlo è necessario cambiare dei gommini (ormai usurati) e revisionare il tutto. Purtroppo il costo della riparazione a domicilio non è per nulla esiguo (e per risparmiare non più di tanto non ho nessuna intenzione di smontare il piano e fare decine di km per portarlo e riprenderlo)  e la vendita del piano anche se revisionato (e ormai con più di dieci anni) rischia di coprire a malapena il costo della riparazione, costo che quindi avrebbe senso solo nel caso in cui volessi continuare ad utilizzarlo. Ma in tutta sincerità inizio ad essere un po' stufo, troppa la differenza rispetto ad un piano "vero" quando vado a lezione, sto patendo troppo.
Sto quindi seriamente meditando di comprare un altro piano, abitando in un condominio penserei inevitabilmente ad un ibrido o ad un silent (originale o facendo montare il sistema su un acustico usato), ho già provato entrambe le tipologie, molto molto belle ma ... i prezzi in entrambi i casi sono davvero molto alti ... è un bel problema ... dovrò pensarci con calma, molta calma ...

*

guc

Re:Manutenzione pianoforte digitale
Novembre 24, 2022, 09:11:51 am
Per come la vedo io i soldi su un piano acustico sono ben spesi!
Per due motivi:
1) il piacere di suonare su un piano vero è impagabile! Per quanto ci siano piani digitali di buona fattura il suono e il "feeling" del piano acustico non è paragonabile
2) è un ottimo investimento. Penso che sia il prodotto che mantiene di più il prezzo. Se un domani decidessi di rivendederlo riusciresti comunque a ricavarci un buon prezzo (pensa a come perde valore qualsiasi altro prodotto dopo uno o due anni...)

*

eligen

Re:Manutenzione pianoforte digitale
Novembre 24, 2022, 05:05:46 pm
Grazie Guc ! Sono d'accordo con quello che hai scritto e infatti  le cose che mi spaventano di più nell'eventuale acquisto di un ibrido sono la sua svalutazione e la sua possibile veloce obsolescenza con la tecnologia che ormai corre a mille.
Il problema è che sono purtroppo consapevole che, abitando in un appartamento, finirei per suonare praticamente sempre "in digitale" e la possibilità di potere regolare il volume eviterebbe l'uso continuo delle cuffie. Sabato andrò a fare un giro in qualche negozio, vediamo cosa si mi diranno e cosa mi proporranno ... ciao !