0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

leletop

Il Requiem di Terezin
Gennaio 28, 2014, 12:38:16 pm
Ieri come sapete Ŕ stato il giorno della memoria.
Con l'occasione Ŕ stato ripubblicato il libro Requiem di Terezin in una nuova edizione.
La trama Ŕ molto bella, un omaggio alla musica classica. Tratta di musicisti ebrei deportati nei campi di concentramento.
Di seguito una trama pi¨ dettagliata.


Trama
Josef Bor (Bondy), l'autore, fu testimone della pi¨ singolare e drammatica messa in scena di tutto il Novecento.
Un campo di concentramento, TerezÝn o, in tedesco, Theresienstadt.
Un'orchestra e un coro composti esclusivamente da deportati ebrei, in attesa di essere mandati a morte, e consapevoli di quanto li aspettava.
Come pubblico, oltre ai prigionieri, alti gradi nazisti; qui nel romanzo campeggia tra gli spettatori Adolf Eichmann in persona.
E la musica? Quanto di apparentemente pi¨ lontano dalla tradizione ebraica si possa immaginare, il Requiem di Giuseppe Verdi, ispirato alla liturgia cattolica per i defunti e cantato in latino.
Tutto il libro ruota attorno a Rafael Schńchter, un giovane musicista internato a TerezÝn, che aveva fatto di questa rappresentazione una ragione di vita, quella poca che ancora sarebbe riuscito a vivere.
Con un solo pianoforte malconcio e un'unica copia della partitura, che orchestrali e cantanti dovevano imparare a memoria, Schńchter aveva messo assieme, nel 1942, uno spettacolo di grande livello e d'inaudita forza simbolica.
źCanteremo ai nazisti quello che non possiamo dire loro╗





Che dire a mio avviso vale la pena leggerlo!