0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

sergiomusicale

Spettacolo: pianoforte e vestiario
Febbraio 25, 2012, 04:20:59 pm
Per un pò prometto di non postare altro .... altrimenti mi prendete per spammatore :( ma fissate un attimo l'attenzione alla parte spettacolare dell'esecuzione pianistica, e dite cosa ne pensate dell'abbigliamente connesso con l'esecuzione stessa. Per me è piacevole vedere eseguire dei pezzi da pianisti intonati con l'abbigliamento, e non lo reputo uno snobismo, ad esempio un brano di classica con tanto di code e papillon bianco, od un brano di jazz con jeans e polo ... alcuni altri invece pensano che occorra separare nettamente bravura di esecuzione da abbigliamento e mandare altresì un segnale di anticonformismo ....cosa ne pensate?

Re:Spettacolo: pianoforte e vestiario
Febbraio 25, 2012, 04:41:01 pm
...quando si fa spettacolo/entertainment bisogna curare tutto... anche l'abbigliamento!

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3102
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
Re:Spettacolo: pianoforte e vestiario
Febbraio 27, 2012, 12:19:09 pm
ok ma quell'abbigliamento classico mi va bene solo in un teatro..
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so

*

Paola

Re:Spettacolo: pianoforte e vestiario
Febbraio 27, 2012, 02:36:53 pm
per me se uno suona bene può suonare anche in mutande e ciabatte, manco lo vedo!
sennò è come dire che l'abito fa il monaco e per me non è così...

non mi piace giudicare le persone dal loro aspetto esteriore, anche perchè questo spesso è soggetto a un conformismo culturale e sociale da cui mi dissocio. Il valore di un artista non credo si debba valutare da come si veste, ma da quello che produce.

Il cosiddetto "rituale" che impone ai musicisti classici un certo tipo di vestiario classico-elegante secondo me è anche deleterio, allontana i giovani, fa sì che quel tipo di musica sia considerata un luogo inaccessibile.

Il grande Gulda che suonava con la papalina di lana colorata e a volte con camicie di dubbio gusto non credo sia un talento da mettere in discussione.
Ma è solo un mio pensiero.

*

sevy72

Re:Spettacolo: pianoforte e vestiario
Febbraio 27, 2012, 02:57:35 pm
per me ci vuole armonia anche nel vestire ... se cominciamo a stonare da lì...
ibis, redibis non morieris in bello

Re:Spettacolo: pianoforte e vestiario
Febbraio 27, 2012, 06:48:27 pm
per me se uno suona bene può suonare anche in mutande e ciabatte, manco lo vedo!
sennò è come dire che l'abito fa il monaco e per me non è così...

non mi piace giudicare le persone dal loro aspetto esteriore, anche perchè questo spesso è soggetto a un conformismo culturale e sociale da cui mi dissocio. Il valore di un artista non credo si debba valutare da come si veste, ma da quello che produce.

Il cosiddetto "rituale" che impone ai musicisti classici un certo tipo di vestiario classico-elegante secondo me è anche deleterio, allontana i giovani, fa sì che quel tipo di musica sia considerata un luogo inaccessibile.

Il grande Gulda che suonava con la papalina di lana colorata e a volte con camicie di dubbio gusto non credo sia un talento da mettere in discussione.
Ma è solo un mio pensiero.


Paola, senza ombra di dubbio la prima cosa da curare è la qualità della musica, converrai però con me che se si andasse a vedere un concerto di Joey DeFrancesco e lui suonasse da paura come sempre ma in pantaloni della tuta e canotta, anche tu diresti "...bravo come sempre ma almeno un paio di jeans e una camicia no?"

...ecco magari non vedo sempre necessario il frac per il pianista classico ( vedi Fazil Say ) ...ma nemmeno in jeans però!!
Ti dirò, secondo me che allontana molti giovani dall'ambiente classico non è il vestiario ma la troppa puzza sotto al naso che c'e' in moltissimi conservatori e ti dirò di più, non molto da parte del corpo docente ma da parte di moltissimi studenti che, anche se in giovane età, sono già dei parrucconi...  ...dei "Mario Monti seduti al pianoforte". Per fortuna non sono tutti così.

*

Paola

Re:Spettacolo: pianoforte e vestiario
Febbraio 27, 2012, 08:36:22 pm
per me se uno suona bene può suonare anche in mutande e ciabatte, manco lo vedo!
sennò è come dire che l'abito fa il monaco e per me non è così...

non mi piace giudicare le persone dal loro aspetto esteriore, anche perchè questo spesso è soggetto a un conformismo culturale e sociale da cui mi dissocio. Il valore di un artista non credo si debba valutare da come si veste, ma da quello che produce.

Il cosiddetto "rituale" che impone ai musicisti classici un certo tipo di vestiario classico-elegante secondo me è anche deleterio, allontana i giovani, fa sì che quel tipo di musica sia considerata un luogo inaccessibile.

Il grande Gulda che suonava con la papalina di lana colorata e a volte con camicie di dubbio gusto non credo sia un talento da mettere in discussione.
Ma è solo un mio pensiero.


Paola, senza ombra di dubbio la prima cosa da curare è la qualità della musica, converrai però con me che se si andasse a vedere un concerto di Joey DeFrancesco e lui suonasse da paura come sempre ma in pantaloni della tuta e canotta, anche tu diresti "...bravo come sempre ma almeno un paio di jeans e una camicia no?"

...ecco magari non vedo sempre necessario il frac per il pianista classico ( vedi Fazil Say ) ...ma nemmeno in jeans però!!
Ti dirò, secondo me che allontana molti giovani dall'ambiente classico non è il vestiario ma la troppa puzza sotto al naso che c'e' in moltissimi conservatori e ti dirò di più, non molto da parte del corpo docente ma da parte di moltissimi studenti che, anche se in giovane età, sono già dei parrucconi...  ...dei "Mario Monti seduti al pianoforte". Per fortuna non sono tutti così.

vero!!! e aggiungo che purtroppo minore esperienza si ha e maggiore arroganza si dimostra.... ovvero il grande musicista è molto più aperto al nuovo, allo strappo alla regola, rispetto allo studente che ritiene che nell'ortodossia sia la chiave della bravura. la disciplina è fondamentale in fase di studio, ma senza la giusta apertura mentale non porta da nessuna parte.

Quanto all'abbigliamento... sai che pensavo? Alle sedute di registrazione... là non vediamo come la gente si veste eppure ascoltiamo e siamo incantati dal risultato. Io credo che se vedessi un direttore d'orchestra casual... bé forse sorriderei, sarei stupita, però non pregiudicherebbe la mia percezione della persona e dell'artista. :)

Re:Spettacolo: pianoforte e vestiario
Febbraio 27, 2012, 11:46:28 pm

...Quanto all'abbigliamento... sai che pensavo? Alle sedute di registrazione... là non vediamo come la gente si veste eppure ascoltiamo e siamo incantati dal risultato. Io credo che se vedessi un direttore d'orchestra casual... bé forse sorriderei, sarei stupita, però non pregiudicherebbe la mia percezione della persona e dell'artista. :)

...mi trovi pienamente in accordo con te su questo, ma cosa ci posso fare... quando vedo uno spettacolo, la professionalità la esigo e la do per scontata ma in più voglio anche i vestiti, le luci, i "ricchi premi e i cotillon" ... ;)

Cerca di capire il mio discorso, sarebbe come un bellissimo quadro ma senza cornice, come mangiare una fiorentina da 1,4Kg senza bere il vino... non è nulla di indispensabile però ci vuole...

berebè

Re:Spettacolo: pianoforte e vestiario
Febbraio 28, 2012, 06:33:07 pm
Sono stata un paio di volte alle prove aperte alla Scala: si può assistere alle prove generali pagando nulla o poco più.
Ovviamente, gli orchestrali si presentano vestiti in modo casual. E intendo parecchio casual: maglietta slabbrata e jeans, o maglione pulcioso e kaki sono le divise più comuni ;D
Ora, anche ipotizzando un abbigliamento meno "pigiamoso", comunque se tutti sono vestiti in modo diverso a me dà quasi l'idea di "gente raccolta a caso in un luogo qualunque".
Ciò che voglio dire è che abito+camicia o simili almeno garantiscono l'uniformità, il che vuol dire che lo spettatore si distrae di meno ("guarda come si è vestita quella!" "Che figo il secondo corno...") e ascolta la musica.

Tra le pianiste comunque se ne vede di ogni: queste ad esempio :-X
http://www.youtube.com/watch?v=nHO4Ucw9zL4
http://www.youtube.com/watch?v=94SrLeiKJ-0

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3102
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
Re:Spettacolo: pianoforte e vestiario
Febbraio 28, 2012, 06:35:08 pm
ma a me sinceramente di come vestono mi frega niente...
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so

berebè

Re:Spettacolo: pianoforte e vestiario
Febbraio 28, 2012, 11:48:54 pm
dipendesse da me bisognerebbe che tutti suonassero al buio :-X


*

Giulio

  • Administrator
  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 1367
  • La musica vale più di mille parole
    • MSN Messenger - giuggio184@yahoo.it
Re:Spettacolo: pianoforte e vestiario
Marzo 01, 2012, 10:45:47 am
Adesso mi sfugge il nome del docente di pianoforte dei seminari estivi del Siena Jazz.

Un vecchietto oltre i 70, vestito con una tuta da meccanico.

Tutti lo prendevano per il culo. Quando però si è messo a suonare, è stato l'unico momento della serata dove la gente se ne è stata zitta...

:D