0 Utenti e 2 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

*

RobertoM

Seduta di studio
Giugno 19, 2014, 10:18:05 am
Ieri mi è capitata una cosa che non mi succedeva da tempo: avere 2 ore di fila per suonare il pianoforte!  :D

Ho quindi suddiviso il tempo a mia disposizione nel seguente modo:
  • 30 minuti solfeggio (esercizi del secondo volume del Pozzoli)
  • 30 minuti un esercizio del Rossomandi vol.II (il num. 78, arpeggi)
  • 30 minuti un esercizio di Czernyana vol.II (l'ultimo il num. 48, un valzer)
  • 30 minuti Mozart, sonatina Viennese, num. 1 primo movimento

Secondo voi ho suddiviso bene oppure si può fare di meglio ?

Sapete il tempo è veramente poco e quel poco che ho lo vorrei sfruttare al massimo.

Grazie, ciao.

*

71demy

Re:Seduta di studio
Giugno 19, 2014, 09:40:00 pm
... fondamentalmente sì, anche se io dedicherei più tempo alla "musica" da suonare... la lettura di un brano è 3 cose tutte assieme:
1 - solfeggio "applicato"
2 - lettura a prima vista
3 - esecuzione
... è come una compressa di vitamina "c". Cura ,molti malanni tutti assieme... e diverte anche di più
ciao!

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3102
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
Re:Seduta di studio
Giugno 19, 2014, 10:47:52 pm
mi trovo sostanzialmente d'accordo con demy strano a dirsi ahahahahah avrei diminuito il tempo di rossomandi a metà czerny di 10 minuti e concentrato i 20 minuti supplementari su mozart.... o 15 lasciando czerny intatto
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so

*

71demy

Re:Seduta di studio
Giugno 20, 2014, 07:06:37 am
.... braaaaaaaaaavooooo antares!... sembra quasi una ricetta in cucina... ok, scherzi a parte non c'è cosa più bella del suonare, la lettura e tutto il resto vengono da se. Anche la tecnica può essere vista in conseguenza di quel che leggi. Antares, che è uno che legge tantissimo, lo sa molto meglio di me: se oggi leggi Debussy le tue mani hanno bisogno di imparare a stare sulla tastiera in un certo modo. Poi, domani, passi a Mozart, e devi cambiare praticamente tutto. Poi leggi Beethoven e ricominci da capo. Un prezioso insegnamento, da questo punto di vista, ci viene da Joerg Demus. Ebbene sì: Demus ha sempre avuto la particolare caratteristica di dare sempre concerti monografici. Niente Chopin - Mozart - Schumann - Scarlatti - Debussy ai suoi concerti: o solo Bach, o solo Debussy, o solo Franck  ecc. Proprio per le ragioni di cui sopra. Io l'ho visto persino accordarsi da sé lo strumento in funzione del compositore (Franck) che avrebbe eseguito quella serata.
Bye!

GabrieleBritt

  • Visitatore
Re:Seduta di studio
Giugno 20, 2014, 07:11:28 pm
Ieri mi è capitata una cosa che non mi succedeva da tempo: avere 2 ore di fila per suonare il pianoforte!  :D

Ho quindi suddiviso il tempo a mia disposizione nel seguente modo:
  • 30 minuti solfeggio (esercizi del secondo volume del Pozzoli)
  • 30 minuti un esercizio del Rossomandi vol.II (il num. 78, arpeggi)
  • 30 minuti un esercizio di Czernyana vol.II (l'ultimo il num. 48, un valzer)
  • 30 minuti Mozart, sonatina Viennese, num. 1 primo movimento

Secondo voi ho suddiviso bene oppure si può fare di meglio ?

Sapete il tempo è veramente poco e quel poco che ho lo vorrei sfruttare al massimo.

Grazie, ciao.
fossi in te farei:

 20 minuti solfeggio (esercizi del secondo volume del Pozzoli)
 2 ore un esercizio del Rossomandi vol.II (il num. 78, arpeggi)
2 ore un esercizio di Czernyana vol.II (l'ultimo il num. 48, un valzer)
  1/2 ora Mozart, Sonatina Viennese, num. 1 primo movimento

 magari non tutto in un giorno

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3102
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
Re:Seduta di studio
Giugno 20, 2014, 07:20:06 pm
Gabriel ladciatelondire tu sei pazzo ahah
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so

*

Lapushka

Re:Seduta di studio
Giugno 20, 2014, 08:03:28 pm
Gabrieeeel!  ;D

*

71demy

Re:Seduta di studio
Giugno 20, 2014, 09:27:41 pm
Gulp!!!! ??? ??? ??? ??? ??? ???