0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

sergio26

Metodo di studio
Maggio 12, 2018, 03:36:57 pm
Ciao a tutti! Come accennavo in altri post, sono uno studente di medicina ma suono il piano da tempo, ho una base classica e da un po' mi sono avvicinato al jazz da autodidatta per mancanza di tempo e soldi che non mi concedono un maestro privato.

Tra mille difficoltà ho approfondito l'armonia, i vari tipi di scale e accordi, progressioni e so suonare anche qualche standard con un livello di improvvisazione ancora medio-basso. Ed è qui che vi chiedo un consiglio: sento di essere a un punto morto, cioè non ho i giusti stimoli, ho poco tempo e il materiale online è davvero dispersivo (tra corsi a pagamento, video e altro mi sono perso più volte e ho comprato soltanto il Levine e un Aebersold ma non sono riuscito a completarli).

Mi potete consigliare un buon metodo o un'impostazione dello studio che mi permetta di massimizzare il poco tempo a disposizione, cercando con costanza di migliorare quello che ho appreso? Cioè come se dovessi rispettare una scaletta ogni qualvolta mi metto al piano... grazie in anticipo

*

Paola

Re:Metodo di studio
Maggio 16, 2018, 05:02:33 pm
Ciao Sergio,
non è facile imparare il jazz da autodidatti, perché non esiste una metodologia unica e ogni insegnante ha la sua.

Il mio consiglio è, dato che le basi te le sei fatte, di contattare comunque un insegnante, non per andare a lezione sempre, ma una tantum, che so una volta al mese, che ti costerebbe quanto l'acquisto di un libro, per avere delle linee guida su cosa fare in autonomia e un riscontro di quanto fatto ogni tanto per sapere se stai facendo bene.

Il migliore esercizio nella mia esperienza resta l'ascolto dei grandi e la trascrizione (intesa non come scrittura pedissequa degli assoli sul pentagramma, bensì come riproduzione al pianoforte di quanto ascolti, per assimilare il linguaggio, la pronuncia, e arrivare con l'esercizio ad elaborare un tuo personale modo.

Ma ti ripeto, la cosa migliore che puoi fare in questa fase per andare avanti è farti sentire da qualcuno e prendere qualche lezione, vedrai che ti gioverà molto e potrai poi procedere da solo.

sergio26

Re:Metodo di studio
Maggio 18, 2018, 12:20:06 am
Grazie mille Paola, sei sempre gentilissima! In effetti non saprei proprio come uscire dall'empasse se non con qualche dritta di un esperto. Penso anche che sia impossibile stilare un programma di studio da seguire, sebbene abbia provato a seguirlo sul Levine ma senza successo :S

Ciao Sergio,
non è facile imparare il jazz da autodidatti, perché non esiste una metodologia unica e ogni insegnante ha la sua.

Il mio consiglio è, dato che le basi te le sei fatte, di contattare comunque un insegnante, non per andare a lezione sempre, ma una tantum, che so una volta al mese, che ti costerebbe quanto l'acquisto di un libro, per avere delle linee guida su cosa fare in autonomia e un riscontro di quanto fatto ogni tanto per sapere se stai facendo bene.

Il migliore esercizio nella mia esperienza resta l'ascolto dei grandi e la trascrizione (intesa non come scrittura pedissequa degli assoli sul pentagramma, bensì come riproduzione al pianoforte di quanto ascolti, per assimilare il linguaggio, la pronuncia, e arrivare con l'esercizio ad elaborare un tuo personale modo.

Ma ti ripeto, la cosa migliore che puoi fare in questa fase per andare avanti è farti sentire da qualcuno e prendere qualche lezione, vedrai che ti gioverà molto e potrai poi procedere da solo.