Il cuore di Pianosolo > Di tutto e di più

Il mio percorso - Suggerimenti

(1/1)

OliviaPiano:
Ciao a tutti!

Ho iniziato a studiare pianoforte all'istituto musicale della mia città quando avevo 8 anni (ora ne ho 28). Ho iniziato a prendere lezioni col io metodo Bastien per 3 anni.

Dopo un po' mi iniziavo ad annoiare, perciò ho deciso di cambiare insegnante  ho cominciato a studiare i primi brani classici (pezzi elementari di Debussy, Prokofiev, qualche Landlerische Tanze di Beethoven, Kabalevski, e altro che non ricordo). Il mio insegnante non era per niente stimolante e mi stava facendo odiare la musica classica.

Dopo altri 3 anni così ho cambiato insegnante per la terza volta e ho cominciato a studiare pianoforte moderno con una professoressa molto appassionata, ma ormai avevo perso completamente interesse. Nei tre anni di studio di musica classica il livello dei pezzi era rimasto sempre più o meno lo stesso, ero sfiduciata e avevo iniziato a odiare la musica classica. Avevo tentato di salvare il salvabile provando a cambiare tipo di musica ma ormai non mi interessava più.

La mia demotivazione era nata perché dopo tutti questi anni (quasi 10 anni di pianoforte non sono pochi) mi ero resa conto di non avere maturato alcuna conoscenza musicale. Non ero riuscita ad arrivare al cuore della musica classica e a capirla, e non ero riuscita nemmeno ad entrare in connessione con la musica blues, jazz, rock. Insomma dopo 10 anni mi sentivo una totale ignorante che aveva realizzato progressi minimi. È ovvio a questo punto che l'abbandono dello strumento era la conseguenza più scontata. Non ho più suonato per tutti gli anni dell università fino ad oggi.


Mi è riesplosa la passione due anni fa. Ho acquistato un piano digitale (ad oggi vivo all estero) e ho ricominciato a suonare direttamente dai pezzi, per diletto, senza dedicare tempo alla tecnica, scale, arpeggi ecc (avevo comunque una certa base di Hanon, Mannino e l'impostazione delle mie mani è sempre stata molto buona). Ho imparato in questi due anni diversi pezzi e sono rimasta sorpresa dai risultati raggiunti. Non pensavo sarei mai stata capace di poter imparare questa cover: https://youtu.be/LNsh_wthv-4

Oppire quest'altra, che ha molti arpeggi veloci alla mano sinistra: https://youtu.be/T5QX75DFHwY


Il risultato non sarà sicuramente come quello del video, ma gia averne completato lo studio per me è un successo. Ora restano da rifinire alcuni dettagli ma ci lavorerò!

Oltre a questo sto riscoprendo anche una nuova passione per la musica classica come non mi era mai successo prima, e mi sono resa conto di voler recuperare ad ogni costo tutto il tempo perso in passato con repertori noiosi e insegnanti poco stimolanti. Vorrei fare da oggi tutto quello che non sono riuscita a fare prima e vorrei provare a farlo da sola, non voglio tornare a lezione con un maestro perché non ho molta voglia di rischiare di tornare di nuovo a perdere tempo.

Vorrei sapere se dalla vostra esperienza potreste darmi consigli e indicazioni per strutturare il mio studio in maniera intelligente e mirata, come eseguire un'autovalutazione in maniera obbiettiva, passaggi da seguire per alzare il livello di giorno in giorno ed ottimizzare al massimo i tempi.

Scusate la lunghezza e grazie a tutti. Questo forum è una delle gioie delle mie giornate ❤️

Olivia

sergiomusicale:
Benvenuta!!! e bentornata alla Dea Musica! ;) l'amore deve nascere dall'interno di noi stessi, non può essere "imposto" in alcun modo! e quindi è naturale che il tuo percorso sia abbastanza comune... ma adesso con più anni e più esperienza di vita sei pronta per ricominciare o meglio per "cominciare " veramente. Non esiste un'età limite per dare inizio alla vita musicale (io ho iniziato a quasi 60!), ma alla tua età hai delle immense possibilità. Mi auguro che tanti altri amici del forum ti diano dei suggerimenti, io posso darti alcune idee che mi hanno permesso di far qualcosa e che mi hanno portato a continuare con entusiasmo immutato da più di 10 anni, come se fosse il primo giorno, con risultati tecnici modesti, ma emotivi importanti. Quindi direi approccia la musica in modo totale, ossia va bene lo strumento, la teoria, ma anche la storia e soprattutto un approccio mentale, più che di ripetitività ed esercizi. La lettura a prima vista mi sembra importante, cerca di affiancarla a qualche brano a memoria, di esercizi ne farei pochi (scale, accordi ed arpeggi) e riserverei più tempo agli esercizi sul campo dettati dai brani in studio. Esistono dei testi che danno idee di come approfondire il metodo, un testo che ho trovato interessante è quello di Leimer-Gieseking sulla tecnica pianistica, che ribadisce l'importanza di suonare con il cervello più delle dita  ;D, cerca di ascoltare ed emozionarti... non posso dirti altro, altrimenti non la finisco più, ma continua a seguire il forum e cerca di dare anche tu un contributo con la tua esperienza, man mano che proseguirai, e grazie per la tua partecipazione ;)

guc:
Un buon suggerimento che mi sento di darti (vista l'intenzione di continuare da autodidatta) e che ho scoperto di recente è: registrati e ascoltati!
Spesso mentre si suona non ci si ascolta e spesso anche quando ci si ascolta non ci si accorge del reale effetto che si produce.
La registrazione ti permette di ascoltare come se fosse suonata da un altro e dunque in maniera più oggettiva

Navigazione

[0] Indice dei post

Vai alla versione completa