Sondaggio

Divertiamoci un po': chi, secondo voi, esegue il celebre "Adagio" beethoveniano?

Anda
0 (0%)
Ashkenazy
0 (0%)
Backhaus
0 (0%)
Bolet
0 (0%)
Berman
0 (0%)
Brendel
0 (0%)
Badura-Skoda
0 (0%)
Cherkassky
0 (0%)
Ciccolini
0 (0%)
Demus
0 (0%)
Gilels
0 (0%)
Gulda
0 (0%)
Gould
0 (0%)
Nat
0 (0%)
Kempff
0 (0%)
Schnabel
0 (0%)
Lortie
0 (0%)
Pollini
0 (0%)
Horowitz
0 (0%)
Rubinstein
0 (0%)
Magaloff
0 (0%)
Haskil
0 (0%)
Haebler
0 (0%)
Lupu
2 (50%)
Buchbinder
0 (0%)
Pogorelich
0 (0%)
Ciani
0 (0%)
Lucchesini
0 (0%)
Schiff
0 (0%)
Lonquich
0 (0%)
Cortot
0 (0%)
Tipo
0 (0%)
Arrau
2 (50%)
Casadesus
0 (0%)
Hess
0 (0%)
Fischer
0 (0%)

Totale votanti: 4

Le votazioni sono chiuse: Giugno 05, 2013, 09:50:13 am

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3102
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
ero ironico... XD
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so

*

Lapushka

Lupu era l'altro pianista sul quale ero indecisa anch'io, per cui risulta quello maggiormente "pensato" finora...
però, leggendo adesso tra le righe di demy, prevedo qualche bella sorpresa... XD
Ultima modifica: Maggio 07, 2013, 02:31:10 pm da Lapushka

*

antares

  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 3102
  • pianista perdigiorno ma non perditempo
mmmm Rubinstein?
Suonate con tutta la vostra anima e non come un uccello ben addestrato. (Johann Sebastian Bach)

Sarebbe un'illusione credere che si possa fissare sulla carta ciò che determina la bellezza e il carattere dell'esecuzione (Franz Liszt)

La verità è che la vera musica non è mai 'difficile'. Questo è so

*

gyan

Potebbe essere Annie Fischer?
"Il mal d'Italia, sarà sempre il male delle anime belle." (Franz Liszt)


*

71demy

ok antares, so che eri ironico, ma era solo per chiarire meglio ahahaha, eppure continuo a pensare che c'è del metodo nelle vostre risposte... stavo pensando che non sto nella pelle nell'attesa di darvi la risposta... quasi quasi potrei ridurre la durata del sondaggio da 30 a 15 giorni... che ne dite? ahah
ok... vi do l'indizio che dovevo darvi domani... non ce la faccio ad aspettare... ascoltate a volume un po' più alto... sentirete un lieve fruscio... l'ho detto! ecco!

*

71demy

ahhh che disdetta, non posso modificare la durata del sondaggio! :( :( :(

*

Paride

  • Intenditore
  • Mostra profilo
  • **
  • 235
  • la musica è poesia, eleva e arricchisce lo spirito
Per rispondere alla tua illazione precedente su Horowitz escluderei sicuramente Rubinstein, Horowitz, Backhaus e Kempf e perché sono più dinamici e quindi lo eseguirebbero almeno a velocità doppia.
Come seconda scelta opterei per Cherkassky come suggerito da Berebè, ....ma a me sembra proprio Lupu.  Non è che ci prendi in giro con falsi indizi per sviarci????
«Per aspera sic itur ad astra» (Seneca, Hercules furens, atto II, v.437)

*

Lapushka

Non è che ci prendi in giro con falsi indizi per sviarci????

ahaahah ma povero demy, sono certa che lui è in buona fede XDD ;D

*

71demy

... ciao Lapushka... beh il mio voleva essere solo un gioco, un modo per scambiarsi considerazioni anche belle sullo stile esecutivo di alcuni interpreti, e non solo un tirare ad indovinare... però che dire? io sono assolutamente in buona fede, e per dimostrare che per me è ancora un gioco, tanto che non si vince proprio nulla (tranne forse un reciproco arricchimento personale che può ancora venire da un sincero e divertito scambio di punti di vista) dirò subito una cosa: scartate tutti Radu Lupu (che, inoltre, a me non piace come interprete.... ma anche questo, vedete, è un punto di vista...), non è Radu Lupu, anche se all'ascolto gli somiglia... avevo suggerito ieri di ascoltare a volume un po' più alto per udire un lieve fruscio di fondo... il che vuole dire... ma nessuno ci ha pensato...

l'indizio di oggi, per quanto "strano" e sviante possa sembrarvi è... Corea

*

71demy

... poco fa ho ascoltato Radu Lupu su YT, e per la seconda volta in vita mia ahahahahah tanto che non è un pianista che mi piace... devo dire che somiglia al nostro "interprete" solo nello stacco ritmico particolarmente lento, ma non nel timbro della linea del canto che in Lupu è più soffusa, mentre nel nostro pianista "misterioso" è più netta e scandita....


*

71demy

 ciao ragazzi, il quesito è stato risolto da qualcuno sul mio canale YT, e dunque ecco la soluzione....

FRIEDRICH GULDA plays BEETHOVEN - "MOONLIGHT" PIANO SONATA OP. 27 N. 2


*

71demy

il grande, istrionico, trasformista Friedrich Gulda; il "pianistia terrorista", cosi com'era spesso vezzeggiato per le sue frequenti incursioni nel jazz e soprattutto nella direzione orchestrale. Bastava vederlo dirigere da suo pianoforte: goffo ma efficacissimo!
Pianista, jazzista e compositore, collaborò con jazzisti di fama internazionale come George Zawinul e Chick "Corea" (... il mio suggerimento)

berebè

Ok, ma il fruscio cosa c'entrava in tutto ciò? ???

Penso di non aver mai ascoltato Gulda, ma questa esecuzione mi ha fatto venire curiosità: è davvero molto bella :D
Grazie Demy per la sfida, muoviti a organizzare la prossima ;D ;D

*

71demy

... insofferente alle regole dell'establishment musicale viennese classico, mostrava la sua idiosincrasia sin nel suo eccentrico modo di vestire.
capacissimo sia di suoni aggressivi che di timbriche ai limite del percettibile, Rattalino scrisse di lui che fosse l'incubo delle vecchiette assopite sulle poltrone dei teatri, perché "Gulda suono o troppo piano o troppo forte". Incise diverse integrali, daI Concerti e Sonate di Beethoven (1968-73) al Clavicembalo di Bach ai Preludi I - II di Debussy (!!!)
Nonostante da divina Martha Argerich avesse avuto mentori con Benedetti-Michelangeli e Magaloff, lo sconsidera ancora oggi suo "unico" maestro: Preludi di Chopin nelle esecuzioni Argerich / Gulda = ascoltare per credere.
Simulò la sua scomparla alla fine degli anni '90 ma scomparve davvero nel 2000, dopo aver inciso - in uno studio di registrazione approntato a casa sua - tutte le Sonate di Mozart, ma senza aver voluto firmare la liberatoria per la pubblicazione.
Fortunatamente un tecnico tenne per sé i master e - contro la volontà di Gulda, suo amico - li consegnò alla DG... gusti i non gusti... mai disubbidienza fu più saggia.

*

71demy

grazie berebé: il fruscio, come tutti gli appassionati di dischi sanno, voleva dire che l'esecuzione era "datata": Gulda ha inciso Beethoven su vinile tra il 1968 e il '73, quindi era da escludere un'incisione "recente", digitale...
il suggerimento di ieri...  Corea... si riferiva al collaboratore di Gulda, il jazzista Chick Corea.