0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Tiritiritin

To diesis o to bemolle, this is the problem
Marzo 31, 2011, 11:16:00 am
Poniamo che creo un brano in sol minore. Nell'armatura di chiave metterò il sib e il mib.
Ma sei poi voglio alterare altre note nel corso del brano, per esempio voglio ottenere un re diesis, come devo indicare tale nota, come re diesis o come mi bemolle?
Quel è il criterio?

Re Cremisi

Ma se sei in Sol minore hai già il Mi bemolle, quindi basta che nel pentagramma metti un Mi
Il pianoforte è come la nutella, ma in effetti ci sono delle lievi differenze fra le due cose.

Desaparecidos

  • Visitatore
Re:To diesis o to bemolle, this is the problem
Aprile 01, 2011, 01:15:13 am
Poniamo che creo un brano in sol minore. Nell'armatura di chiave metterò il sib e il mib.
Ma sei poi voglio alterare altre note nel corso del brano, per esempio voglio ottenere un re diesis, come devo indicare tale nota, come re diesis o come mi bemolle?
Quel è il criterio?
Di solito,come ha detto Re Cremisi, basta mettere un mi(che si "trasforma" in Mib,essendoci il Mibemolle in chiave). Sul Pianoforte il Re diesis equivale al Mi bemolle quindi di solito se la tonalità è sol minore è meglio scrivere un Mi (che diventa bemolle) al posto che un Re diesis ma niente ti vieta di scrivere quella nota come un Re diesis. Morale della favola: o scrivi mi bemolle o re diesis la nota da suonare resta la stessa,quindi non cambia niente scrivere una o l'altra nota(naturalmente bisogna tenere anche conto dell'armonia:se stai scrivendo ad esempio una scala di sol minore non ha senso scrivere Re diesis al posto di Mi bemolle)!! Naturalmente questa regola vale solo per gli spartiti per il pianoforte(e mi sembra anche la chitarra) infatti per il violino e gli archi e i fiati il Mib NON è uguale al Re#.
Ciao
Ultima modifica: Aprile 01, 2011, 01:21:43 am da Desaparecidos

Tiritiritin

Re:To diesis o to bemolle, this is the problem
Aprile 02, 2011, 01:09:17 am
Mannaggia ho sbagliato a fare la domanda.
Ho fatto l'esempio con il Mib che invece c'è già... per le note che sono già nell'armatura di chiave non devo ovviamente aggiungere niente.
Prendiamo invece il sol diesis, ecco. Se volessi indicare sullo spartito il sol diesis, sempre restando nella tonalità di sol minore, come lo dovrei indicare, come sol diesis o come la bemolle?
È indifferente oppure no?
Ultima modifica: Aprile 02, 2011, 01:10:51 am da Tiritiritin

*

Giulio

  • Administrator
  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 1367
  • La musica vale più di mille parole
    • MSN Messenger - giuggio184@yahoo.it
Re:To diesis o to bemolle, this is the problem
Aprile 02, 2011, 07:14:40 am
Lab :9

Tiritiritin

Re:To diesis o to bemolle, this is the problem
Aprile 02, 2011, 11:51:36 am
Perchè?
Secondo quale criterio?
E sol diesis è sbagliato o volendo si può usare anche quello?
Questi sono i miei dubbi.

Re:To diesis o to bemolle, this is the problem
Aprile 02, 2011, 12:39:13 pm
Io credo che se, ad esempio, si tratta di una scala con i bemolli, eventuali altre note alterate si preferisce scriverle con i bemolli, per coerenza, evitando quindi di usare i diesis, visto che l’effetto è identico.

*

Giulio

  • Administrator
  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 1367
  • La musica vale più di mille parole
    • MSN Messenger - giuggio184@yahoo.it
Re:To diesis o to bemolle, this is the problem
Aprile 02, 2011, 02:20:41 pm
E' una questione estremamente pratica e non accademica: le note alterate vanno chiamate con il nome appropriato, diesis o bemolle a seconda del contesto. Sul pentagramma si creerebbe un'enorme confusione.

Volendo il Sol# può essere comunque usato...

Tiritiritin

Re:To diesis o to bemolle, this is the problem
Aprile 02, 2011, 04:44:39 pm
Eppure qua mette il diesis nonostante sia in fa maggiore:
http://www.mutopiaproject.org/ftp/BachJS/BWV510/BWV-510/BWV-510-a4.pdf
Nella battuta 15.

Poi qua:
http://www.mutopiaproject.org/ftp/BachJS/BWV619/bwv619/bwv619-a4.pdf
Sempre fa maggiore, sempre diesis.

In altri spartiti invece viene rispettato quanto avete detto voi.
C'è un po' di confusione. A chi devo credere?  ;D

*

Giulio

  • Administrator
  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 1367
  • La musica vale più di mille parole
    • MSN Messenger - giuggio184@yahoo.it
Re:To diesis o to bemolle, this is the problem
Aprile 04, 2011, 09:04:32 am
Considera che quegli spartiti sono fatti con un software open source che qualche limite lo ha. Il motivo principale è comunque un passaggio dalla tonalità di FA maggiore a quella di SOL maggiore (toglie il bemolle e mette un diesis al fa)

*

Max78

Re:To diesis o to bemolle, this is the problem
Aprile 06, 2011, 11:29:29 am
Correggetemi se dico delle castronerie, ma i diesis e i bemolli in una composizione non vengono messi a caso.
è sì vero che un sol diesis e un la bemolle all'atto pratico sul pianoforte sono la stessa nota, ma dal punto di vista della composizione non credo lo siano.
Anche dal punto di vista degli intervalli, Do-Sol# è una quinta eccedente, mentre Do-Lab è una sesta minore.
Quindi mettere diesis o bemolli dipende probabilmente da quello che vuoi ottenere.
Poi, se sei in una tonalità minore probabilmente vorrai alterare il 6 e il 7 grado, e qui ci vanno dei diesis anche se ci troviamo in una tonalità con i bemolli.

Almeno questo è quello che ho capito... chiedo lumi ai più esperti.
Max

Re Cremisi

Re:To diesis o to bemolle, this is the problem
Aprile 06, 2011, 02:41:16 pm
Con il temperamento equabile si ha la situazione per cui notte con la stessa altezza possono avere nomi diversi (es. Do# Reb) e intervalli che, da sentire, sono identici possono avere nomi diversi (es. Quinta eccedente e Sesta minore).
Il punto è che la teoria (giustamente) non si è adeguata a quello che è diventato lo standard di accordatura degli strumenti ad intonazione fissa come il pianoforte ormai da un secolo.
Il pianoforte è come la nutella, ma in effetti ci sono delle lievi differenze fra le due cose.

*

Christian

  • Administrator
  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 1351
  • Tutti i corsi approfonditi: https://www.pianosolo.
Re:To diesis o to bemolle, this is the problem
Aprile 08, 2011, 12:19:12 am
Generalmente se ci si sposta in senso ascendente si utilizzano i Diesis, se si procede in senso discendente i Bemolli. Ovviamente se dobbiamo mettere il Fa# in Sol minore, andremo a mettere il Fa# e non il Solb perchè Fa# è la sensibile di Solm
Tutti i corsi di pianoforte approfonditi: https://www.pianosolo.it/shop/

Re:To diesis o to bemolle, this is the problem
Aprile 18, 2011, 08:46:56 am
Anche se siamo in sol minore (cioè con armatura di chiave con 2 bemolli) potrebbero esserci casi un cui è coretto scrivere re#:
1) se si vuole fare una breve modulazione a mi maggiore o miminore (il re# è la sensibile di questa tonalità)
2)se dobbiamo scrivere una scala cromatica discendente
3) se dobbiamo modulare ad altre tonalità per enarmonia...
......