0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

fkt

Re:Quinte e ottave parallele
Febbraio 04, 2014, 03:56:36 pm
frank su Mozart mi riferivo a questo: se l'insengnante (sempre lo stesso :D) bolla come non buono un brano in base alla presenza di 5░ parallele io ho detto solo che giÓ Mozart inizia a farne uso.... quindi che dovremmo bollare come non buone anche quelle composizioni?

intendevo questo

Si, ma Ŕ un delirio...inutile perdere tempo su questo. Le cose importanti sono altre, ad esempio il maturare un autonomia di giudizio che permetta ad un interprete (non dico un compositore, perchŔ li mi sembra ancora pi¨ ovvio) di trovarsi di fronte a un brano inedito e saper valutare in autonomia se perdere tempo e faccia suonandolo o cimentarsi con tutte le energie perchŔ ha strumenti idonei per valutarne la sua bontÓ...e crederci veramente.

pianista_in_ritardo

  • Visitatore
Re:Quinte e ottave parallele
Marzo 18, 2014, 04:58:46 pm
le parallele sono una cosa spesso esagerata e fuori contesto: se scrivi una corale, e non rispetti quelle regole, finisce il tutto con il suonare da 'pivello'. Ma negli arrangiamenti per piano, queste regole sono piu' rilassate, trovo parallele anche negli studi di Czerny. Era Czerny fesso? Naturalmente no, in quanto era anche un esperto compositore. Eppure le parallele ci sono. La regola di base e' che non succedano tra soprano e basso, e il motivo e' che se succedono, l'indipendenza delle parti si annulla.