0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Rachmaninoff_93

Domanda su Scriabin
Gennaio 04, 2011, 07:02:58 pm
Salve, un mio amico di Conservatorio ha un problema che non riesce a risolvere e spero che qualcuno possa darmi una mano, la sua domanda è questa


Ciao ragazzi mi sto interessando alla musica di Scriabin. Studio composizione in conservatorio però ho chiesto al mio maestro di spiegarmi il genere di armonie che usa scriabin ma dice che il suo è un sistema non decodificato. Ho cercato dei libri sulla sua armonia ma non li trovo. Non capisco la sua disposizione delle note. Non ha una scala? ad esempio so che la musica di scriabin è formata da accordi quartali. Il prometeo inizia con rispoettivamente quarta: aumentata, diminuita, aumentata, giusta , giusta. Però la decima sonata invece inizia semplicemente con un accordo di 5aumentata e poi dopo di 5 diminuita. Riuscite a spiegarmi come ottiene una scala? Non è musica "atonale". So che usa un sistema che viene definito quartale. Sapete cosa sià? Se si possono ricavare gradi ecc?


Grazie in anticipo
consolati Giulio, il forum è andato a puttane a causa di Christian

Desaparecidos

  • Visitatore
Re:Domanda su Scriabin
Gennaio 04, 2011, 07:10:27 pm
Scriabin era proprio un genio e un pazzo

*

Rachmaninoff_93

Re:Domanda su Scriabin
Gennaio 04, 2011, 07:12:09 pm
Scriabin era proprio un genio e un pazzo
Come non quotarti.
consolati Giulio, il forum è andato a puttane a causa di Christian

*

Giulio

  • Administrator
  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 1367
  • La musica vale più di mille parole
    • MSN Messenger - giuggio184@yahoo.it
Re:Domanda su Scriabin
Gennaio 04, 2011, 08:03:50 pm
Quindi voi due non sapete nulla di armonia quartale. Nemmeno io a parte qualche nozione che si trova googleggiando http://www.lalezionedichitarra.it/lezioni/teoria/armonia-quartale/1098 ma non so quanto sia corretta. Anzi :) :)
Ultima modifica: Gennaio 04, 2011, 08:08:29 pm da Giulio

*

Rachmaninoff_93

Re:Domanda su Scriabin
Gennaio 04, 2011, 08:13:08 pm
Non ti parlo di armonia quartale, ma la stranezza delle armonie di Scriabin che non riesco a capire perchè a volte si muove di quarte, a volte di quinte e così via, se puoi dirmi qualcosa te ne sarei grato, l'armonia quartale la conosco non mi serve una spiegazione
consolati Giulio, il forum è andato a puttane a causa di Christian

Pianorganist

Re:Domanda su Scriabin
Gennaio 04, 2011, 08:37:33 pm
Salve.
Ha detto bene. Scriabin usa un'armonia definita "per quarte", d'altrodne come anche Debussy, Ravel, ecc.. La questione è un po' complessa. Innanzitutto sembra chiaro che, in questo caso, siamo fuori dall'armonia tradizionale. Non è atonalità, come dice giustamente il suo amico e non è un sistema non decodificato come dice il suo insegnante. Innanzituttosiamo fuori dall'armonia tradizionale perchè, come penso sappiamo, l'intervallo di quarta di per sè è dissonante e, come tutte le dissonanze, ha l'obbligo di risolvere, ed in particolar modo, l'intervallo di quarta, tende a risolvere su di una terza, quindi procedendo per quarte, quindi aumentando questa tensione di moto, ed adottando un'armonia per quarte ci torivamo fuori dall'armonia tradizionale. Quindi, adottando un'armonia per quarte, l'orecchio umano non riesce a percepire una fondamentale ben precisa (come, invece, succede nell'armonia per quinte) e, quindi, non si riesce a percepire la tonalità. Usando un'armonia per quarte, l'effetto di moto della sensibile di neutrilizza. fa parte di quest'armonia, per esempio, il famoso accordo mistico "creato" da Scriabin stesso: accordo da 6 suoni formato da sovrapposizioni di quarte (giuste, eccedenti, diminuite, ecc ... di ogni tipo, insomma), esempio: do-fa-si bemolle, mi, la, re diesis. Fa sicuramente parte di quest'armonia la cosìdetta Dissonanza Emancipata .. una dissonanza prolungata per più misure e non risolta.

La questione sarebbe ancora più complessa .. ci sarebbero decine di esempi, ecc ... Schoenberg ne parlò nel suo manuale di armonia descrivendo tale armonia come "espansione impressionistica dell'armonia per quinte". Forse qualcosina c'è anche sul Walter Piston.

Saluti.

Pianorganist

Re:Domanda su Scriabin
Gennaio 04, 2011, 08:46:15 pm
Comuqnue tutto, Scriabin usa tessiture armoniche e armonie inusuali. Non è atonalità, non è tonalità .. è più verso un cromatismo veramente tortuoso ed eccessivo. Anzi, da qualche critico alcuni suoi passaggi vengono anche definiti "atonali" .. anche se, l'atonalità nasce nel XX secolo .. Scriabin muore agli inizi del XX secolo.

Beeth125

Re:Domanda su Scriabin
Gennaio 04, 2011, 08:47:21 pm
Comuqnue tutto, Scriabin usa tessiture armoniche e armonie inusuali. Non è atonalità, non è tonalità .. è più verso un cromatismo veramente tortuoso ed eccessivo. Anzi, da qualche critico alcuni suoi passaggi vengono anche definiti "atonali" .. anche se, l'atonalità nasce nel XX secolo .. Scriabin muore agli inizi del XX secolo.

ufficialmente si, ma già Liszt ci era andato vicino...

Pianorganist

Re:Domanda su Scriabin
Gennaio 04, 2011, 09:39:55 pm
:3

A cosa è dovuto questo suo smile ?

Saluti.

*

Giulio

  • Administrator
  • Dio della musica
  • Mostra profilo
  • *****
  • 1367
  • La musica vale più di mille parole
    • MSN Messenger - giuggio184@yahoo.it
Re:Domanda su Scriabin
Gennaio 05, 2011, 10:08:37 am
Salve.
Ha detto bene. Scriabin usa un'armonia definita "per quarte", d'altrodne come anche Debussy, Ravel, ecc.. La questione è un po' complessa. Innanzitutto sembra chiaro che, in questo caso, siamo fuori dall'armonia tradizionale. Non è atonalità, come dice giustamente il suo amico e non è un sistema non decodificato come dice il suo insegnante. Innanzituttosiamo fuori dall'armonia tradizionale perchè, come penso sappiamo, l'intervallo di quarta di per sè è dissonante e, come tutte le dissonanze, ha l'obbligo di risolvere, ed in particolar modo, l'intervallo di quarta, tende a risolvere su di una terza, quindi procedendo per quarte, quindi aumentando questa tensione di moto, ed adottando un'armonia per quarte ci torivamo fuori dall'armonia tradizionale. Quindi, adottando un'armonia per quarte, l'orecchio umano non riesce a percepire una fondamentale ben precisa (come, invece, succede nell'armonia per quinte) e, quindi, non si riesce a percepire la tonalità. Usando un'armonia per quarte, l'effetto di moto della sensibile di neutrilizza. fa parte di quest'armonia, per esempio, il famoso accordo mistico "creato" da Scriabin stesso: accordo da 6 suoni formato da sovrapposizioni di quarte (giuste, eccedenti, diminuite, ecc ... di ogni tipo, insomma), esempio: do-fa-si bemolle, mi, la, re diesis. Fa sicuramente parte di quest'armonia la cosìdetta Dissonanza Emancipata .. una dissonanza prolungata per più misure e non risolta.

La questione sarebbe ancora più complessa .. ci sarebbero decine di esempi, ecc ... Schoenberg ne parlò nel suo manuale di armonia descrivendo tale armonia come "espansione impressionistica dell'armonia per quinte". Forse qualcosina c'è anche sul Walter Piston.

Saluti.

Grazie PianOrganist per il tuo intervento. Credo comunque abbiano fatto questa domanda unicamente a scopo provocatorio...

Re:Domanda su Scriabin
Gennaio 25, 2011, 01:40:14 pm
Scriabin in  realtà non abbonda mai completamente il sistema tonale, ma lo allegerisce attraverso l'uso di accordi idiomatici per giustapposizione, cioè concatenava gli accordi secondo il propio orecchio e non secondo regole funzionali, anche se germi tonali rimangono sempre nelle sue composizioni, a volte utilizza armonie per quarte altre volte accordi di 9/13°... a volte, utilizzando accordi dominantici defunzionalizzata crea un clima molto vicino al blues
come capire l'armonia di Scriabin?

analizzondola nelle sue partiture...