Il cuore di Pianosolo > Armonia

consiglio per libro su linguaggio musicale

(1/1)

ferry:
uno dice: adesso scrivo una lettera per spiegare come va, oppure se ce la fa scrive un libro o una poesia. Usa il linguaggio composto da lettere dell'alfabeto che ormai è acquisito perchè siamo abituati fin dalla nascita. Analogamente chi legge capisce quello che l'altro ha scritto.

Così dovrebbe succedere (credo) anche per la musica, solo che si usa il linguaggio musicale composto da note. Io vorrei capire come si usa questo linguaggio e come si fa a capirlo. Ci sono pezzi che piacciono in modo spontaneo, per esempio un'aria di Verdi, o un valzer di Chopin, o l'adagio della Patetica, o tanti altri. Ma questo succede perchè fanno presa solo sulle emozioni, non credo che succeda perchè si capisca il linguaggio con cui il compositore ha voluto spiegare qualcosa. Difatti se io ascolto un pezzo di Haydn non è che sia il massimo del divertimento, anzi se devo essere sincero mi stufa. Eppure immagino che anche quello abbia un significato, se non altro perchè famoso, ma non capisco quel linguaggio.

Esiste un libro sul semplice che spieghi queste cose ?
Grazie, ciao a tutti

DentroUnPianoforte:
Carissimo ferry,
la domanda che poni prevede una risposta molto ampia che proverò a riassumerti.

Quello che intendi tu non è il linguaggio ma è più che altro capire la musica.
Capisco che un brano più melodioso e sdolcinato, per così dire, possa più far sognare mentre un brano contrappuntistico o preromantico alla Haydn o Clementi possa non piacere più di tanto.

Questo spesso si pone anche con Mozart ma perchè spesso si parla di musica molto più spensierata, parlando dal punto di vista estetico.

Quello che intendi tu, delle lettere dell'alfabeto, può essere risolto studiando proprio l'armonia, ovvero la struttura armonica (in pratica quelli che vengono comunemente chiamati accordi) di un brano.

Prima di ciò ti consiglio di studiarti bene la teoria e il solfeggio ma dopo una buona  dose di teoria puoi passare allo studio dell'armonia fondamentale con il libro di Gennaro Napoli: Elementi fondamentali di armonia che puoi trovare quì ---> http://www.edizionicurci.it/printed-music/scheda.asp?id=1139&cosa=GENNARO%20NAPOLI

Spero di aver in parte chiarito i tuoi dubbi.
Per qualsiasi cosa sono qui :)

l

ferry:

--- Citazione da: ferry - Maggio 07, 2010, 02:25:36 pm ---uno dice: adesso scrivo una lettera per spiegare come va, oppure se ce la fa scrive un libro o una poesia. Usa il linguaggio composto da lettere dell'alfabeto che ormai è acquisito perchè siamo abituati fin dalla nascita. Analogamente chi legge capisce quello che l'altro ha scritto.

Così dovrebbe succedere (credo) anche per la musica, solo che si usa il linguaggio musicale composto da note. Io vorrei capire come si usa questo linguaggio e come si fa a capirlo. Ci sono pezzi che piacciono in modo spontaneo, per esempio un'aria di Verdi, o un valzer di Chopin, o l'adagio della Patetica, o tanti altri. Ma questo succede perchè fanno presa solo sulle emozioni, non credo che succeda perchè si capisca il linguaggio con cui il compositore ha voluto spiegare qualcosa. Difatti se io ascolto un pezzo di Haydn non è che sia il massimo del divertimento, anzi se devo essere sincero mi stufa. Eppure immagino che anche quello abbia un significato, se non altro perchè famoso, ma non capisco quel linguaggio.

Esiste un libro sul semplice che spieghi queste cose ?
Grazie, ciao a tutti

--- Termina citazione ---

grazie mille, molto gentile, adesso lo cerco

Navigazione

[0] Indice dei post

Vai alla versione completa